Festival di Venezia 2014

Il direttore Alberto Barbera e il Presidente della Biennale Paolo Baratta comunicano i film della Selezione ufficiale della 71. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica del Cinema di Venezia nel corso della conferenza stampa che si tiene il 24 luglio al St. Regis Grand Hotel di Roma. Il festival ha inizio il 27 agosto 2014, per poi concludersi il 6 settembre 2014.

Venezia 2014: A pigeon sat on a branch reflecting on existence Leone d'oro

Festival di Venezia 2014: vincitori

Venezia 71 - Giorno per giorno

Venezia 2014 - Presentazione

L'attrice Luisa Ranieri è stata designata madrina di questa settantunesima edizione del Festival di Venezia.

Due i Leoni d'Oro alla carriera della 71. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, attribuiti alla montatrice Thelma Schoonmaker e al regista e documentarista Frederick Wiseman.

La Giuria di quest’anno è presieduta dal musicista francese Alexandre Desplat, celebre per aver lavorato alle colonne sonore di numerosi film di successo. La restante parte della Giuria è composta da Joan Chen, attrice e regista cinese che nel 2007 fa parte del cast di Se, jie (Lussuria. Seduzione e tradimento) di Ang Lee, Leone d’Oro di quella edizione; Philip Gröning, Premio Speciale della Giuria l’anno scorso con Die Frau des Polizisten (La moglie del poliziotto); Jessica Hausner, regista austriaca che proprio alla Mostra s’impose nel 2009 con il suo Lourdes, Premio FIPRESCI; Jhumpa Lahiri, scrittrice statunitense di origine indiana, che col suo primo libro, la raccolta di racconti Interpreter of Maladies (L’interprete dei malanni, 1999), ha vinto il premio Pulitzer; Sandy Powell, costumista inglese che ha all’attivo tre premi Oscar per Shakespeare in Love di John Madden, The Aviator di Martin Scorsese e The Young Victoria di Jean-Marc Vallée, oltre a due BAFTA per Velvet Goldmine di Todd Haynes e The Young Victoria Jean-Marc Vallée; Tim Roth, attore inglese; Elia Suleiman, regista palestinese che alla Mostra di Venezia del 1996 con Chronicle of a Disappearance si aggiudicò il premio Luigi de Laurentiis per la migliore opera prima; Carlo Verdone, attore e regista italiano che è già stato in Giuria in occasione della 51. Mostra. Quest’anno, peraltro, Verdone, riceve il Premio Robert Bresson.

A conclusione della Mostra i giurati sono chiamati ad assegnare i seguenti premi:

Leone d'Oro per il miglior film
Leone d’Argento per la migliore regia
Gran Premio della Giuria
Premio Speciale della Giuria
Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile
Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile
Premio Marcello Mastroianni a un giovane attore o attrice emergenti
Premio per la migliore sceneggiatura

La regista di Hong Kong, Ann Hui, presiede invece la Giuria di Orizzonti. Il suo ultimo film, Huangjin shidai (The Golden Era) è il film di chiusura di questa edizione della Mostra.

La Giuria internazionale del Premio Venezia Opera Prima "Luigi De Laurentiis" è composta da Alice Rohrwacher, Lisandro Alonso, Ron Mann, Vivian Qu e Razvan Radulescu.

Il film di pre-apertura è Maciste Alpino (1916) di Luigi Maggi, con la supervisione alla regia di Giovanni Pastrone (Cabiria), la cui proiezione si tiene il 26 agosto. La ricostruzione e il restauro digitale della versione originale sono stati realizzati dalla Biennale di Venezia in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema di Torino, nel laboratorio “L'Immagine Ritrovata” di Bologna. La proiezione del film inaugura peraltro la rinnovata Sala Darsena, ampliata da 1300 a 1409 posti.

Ad aprire ufficialmente la Mostra, in prima mondiale, è invece Birdman di Alejandro González Iñárritu, dark-comedy con Michael Keaton, Edward Norton, Naomi Watts, Emma Stone, Zach Galifianakis, Amy Ryan e Andrea Riseborough. Al suo quinto lungometraggio, il regista messicano approda alla Mostra per la prima volta in carriera, dopo due partecipazioni al Festival di Cannes con Babel (2006) e Biutiful (2010).

Il manifesto ufficiale della 71. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, anche quest'anno realizzato da Simone Massi, reca l'immagine di Antoine Doinel, ispirato ad una celeberrima scena de I 400 colpi (Les quatre cents coups) di François Truffaut. Massi è inoltre presente in Orizzonti con il suo cortometraggio fuori concorso, L'attesa del maggio.

I programmi delle sezioni collaterali, Settimana della Critica e Giornate degli Autori, vengono ufficializzati nel corso delle conferenze stampa che si tengono rispettivamente il 22 ed il 23 luglio.

Per concludere, dopo il successo della passata edizione, torna nuovamente il progetto Biennale College - Cinema con i suoi tre film, che vengono proiettati nel corso della 71. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica del Cinema di Venezia e che quest'anno sono Blood Cells di Joseph Bull e Luke Seomore (Gran Bretagna), H. di Rania Attieh e Daniel Garcia (USA) e Short Skin di Duccio Chiarini (Iran, Gran Bretagna).

Venezia 2014 - Recensioni

Metamorphoses: recensione

The Goob: recensione

Birdman: recensione

Messi: recensione

Before I disappear

One on one: recensione

La Rançon de la gloire: recensione

The Look of Silence: recensione

Melbourne: recensione

La vita oscena: recensione

Im Keller: recensione

99 Homes: recensione

Senza nessuna pietà: recensione

Anime nere: recensione

She's funny that way: recensione

Heaven knows: recensione

The Humbling: recensione

3 Couers: recensione

Manglehorn: recensione

Boxtrolls le scatole magiche: recensione

Loin des hommes: recensione

The Cut: recensione

Hungry Hearts: recensione

The Smell of Us: recensione

Tales (ghesseha): recensione

Olive Kitteridge: recensione

Il giovane favoloso: recensione

Les Nuits dete: recensione

Dancing with Maria: recensione

Nobi (Fire on the plain): recensione

Italy in a day: recensione

Sivas: recensione

The Show MAS go on: recensione

A pigeon sat on a branch reflecting on existence: recensione

Belluscone una storia siciliana: recensione

Le dernier coup de marteau: recensione

Cymberline: recensione

Chuangru zhe red amnesia: recensione

Jackie Ryan: recensione

Burying the ex: recensione

I nostri ragazzi: recensione

The Sound and the fury: recensione

Pasolini: recensione

Arance e martello: recensione

The postmans white nights: recensione

Perez: recensione

Good kill: recensione

Venezia: “trattativa” per risollevare le sorti del cinema politico o impegnato, che soffre non poco, ma non riesce a convincere

E' senza dubbio il momento di fare bilanci dopo gli anni della rete di comunicazione e interessi Berlusconi ma…con che... Continua...

Jackie & Ryan: Recensione in Anteprima del film di Ami Canaan Mann

In Concorso nell'ambito della selezione ufficiale di Orizzonti, Jackie & Ryan di Ami Canaan Mann rappresenta il... Continua...

Chuangru zhe (Red Amnesia): Recensione in Anteprima

Applausi per il cinese Chuangru zhe (Red Amnesia), in corsa per la Coppa Volpi alla sua protagonista Continua...

Cymbeline di Michael Almereyda: Recensione in Anteprima

Fischi a pioggia per il terrificante Cymbeline di Michael Almereyda, disastrosa trasposizione cinematografica di un... Continua...

Le dernier coup de marteau: Recensione in Anteprima

Ultimo film francese in Concorso, Le dernier coup de marteau di Alix Delaporte è pure il migliore. Leggete la nostra... Continua...

Venezia - Salvatores si ricorda di “Koyaanisqatsi” per “Italy in a day”: fascinazione in un paese che spera di uscire dallo sfascio

Ci sono molti italiani e molti loro sogni e bisogni, ma il film è dell’angelo Gabriele che ci ricorda il mezzo... Continua...

Belluscone. Una storia siciliana: Recensione in Anteprima

In Concorso nella categoria Orizzonti, Franco Maresco porta al Festival di Venezia 2014 il suo Belluscone. Una storia... Continua...

Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza: Recensione in Anteprima

A tre giorni dalla proiezione dell'ultimo film in Concorso, "Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza" di... Continua...

Sivas: Recensione in Anteprima

Urla di rabbia al termine della proiezione stampa di Sivas, secondo film in Concorso a Venezia. La causa dello scandalo?... Continua...

The Show MAS Go On: Recensione in Anteprima per il documentario sui magazzini del popolo di Roma

Nati 100 anni fa, i magazzini del popolo di Piazza Vittorio sono diventati documentario a tinte sci-fi firmati Ra Di... Continua...