Dal 20 aprile al cinema: Leafie - La storia di un amore, Maledimiele, Il primo uomo, Roba da matti, Sandrine nella pioggia, Una spia non basta, Street Dance 2, To Rome with Love

FILM_w-e-LOGO-ALberto_GHIRARDELLI

Roma. Dopo Londra, Barcellona e Parigi, è il turno per Woody Allen di fare un salto nella capitale italiana. Lo fa con To Rome with Love, un film corale, formato da quattro storie: il risultato ha diviso nettamente la critica, tra chi si è divertito e chi lo ritiene tra i risultati meno felici della carriera del grande regista americano. Restando in tema autoriale, esce oggi anche Il primo uomo, il nuovo film di Gianni Amelio presentato all'ultimo Festival di Toronto e vincitore del Fipresci. Una curiosità: il regista ha vuotato il sacco sul perché non era a Venezia. Dice che il film era prima stato selezionato proprio nel concorso, e all'ultimo momento "tagliato fuori"... I "maligni" credono per far posto a Quando la notte della Comencini. Ma sono voci.

  • Leafie - La storia di un amore: Leafie è una gallina coraggiosa fuggita da un allevamento di polli, che diventa guardiana di un uovo di anatra e quindi “mamma” di un simpaticissimo anatroccolo. Il personaggio creato da Hwang Sun-mi arriva in sala con un film d'animazione diretto da Oh Seongyun. Qui il trailer italiano.
  • Maledimiele: Sara è un’adolescente di quindici anni che nasconde i digiuni forzati, le corse a perdifiato nel parco, le ore in palestra, i pasti gettati tra i rifiuti e una “camera dei segreti” dove può contemplare il suo lento e inesorabile dimagrimento, fino a quando sviene durante una gita scolastica... Marco Pozzi tratta con il suo film il tema dell'anoressia. Presentato a Venezia 2010. Qui il trailer italiano. (Da giovedì in sala)
  • Il primo uomo: nel desiderio di ritrovare il ricordo del padre morto nella prima guerra mondiale, lo scrittore Jean Cormery torna in Algeria per incontrare chi l’aveva conosciuto e ripercorre parte della propria vita: l’infanzia povera, le amicizie, le tradizioni, i sogni vissuti in “un anonimato dove non esiste né passato né avvenire”, dai quali emerge la figura di un uomo ideale, quel “primo uomo” che forse potrebbe essere in ciascuno di noi. Il nuovo film di Gianni Amelio. Con Jacques Gamblin, Catherine Sola e Maya Sansa. Premio Fipresci a Toronto 2011. Qui la nostra recensione e qui il trailer italiano.
  • Roba da matti: nel paese dei manicomi chiusi da Basaglia, il confine tra follia e normalità continua ad essere labile, ambiguo e strumentalizzabile, almeno quanto le numerose sfumature di disagio psichico e fragilità mentale, continuano a fare le spese di stereotipi, pregiudizi ed esclusioni-reclusioni “inumane”, che seguono la pazzia da sempre. Roba da matti di Enrico Pitzianti entra dentro Casamatta, per raccontare la follia della normalità che ha investito e pesantemente ostacolato l’approccio anticonvenzionale alla sofferenza mentale intrapreso da questa piccola residenza socio assistenziale di Quartu Sant’Elena (Sardegna), troppo all’avanguardia per un paese e istituzioni che prediligono esclusione e isolamento. Qui la nostra recensione e qui il trailer italiano.
  • Sandrine nella pioggia: Mantova. Una pioggia violenta si abbatte sulla città. Martine si appresta ad uscire dopo aver parlato al telefono con una voce femminile che le annuncia che sta arrivando in città. Martine esce, raggiunge la vicina banca, nel chiudere l’ombrello la borsa si apre lasciando cadere i documenti in essa contenuti. Una macchina la scorge all’ultimo istante, frena su una grossa pozzanghera, bagnandola. In lontananza si sente il suono delle sirene della polizia. Improvvisamente, dalla banca, escono tre uomini armati e con i passamontagna. Martine rimane immobile terrorizzata. Arrivano le macchine della polizia, urtano violentemente la macchina dei rapinatori, il guidatore sfonda con il capo il parabrezza e rimane inerme. Gli altri 3 si trovano in trappola, scendono dall’auto sparando all’impazzata. I poliziotti rispondono al fuoco. Martine tenta di spostarsi proprio nel momento che un proiettile la colpisce in pieno petto. Uno dei poliziotti (Leonardo) la vede, la raggiunge tentando di soccorrerla. Ma è troppo tardi, lei spira tra le sue braccia. Dopo la perizia balistica della rapina viene fuori la terribile verità: Martine è stata uccisa dal proiettile sparato dalla pistola di Leonardo. Da questo momento la vita dell’agente non sarà più la stessa. Dirige Tonino Zangardi; con Sara Forestier e Adriano Giannini. Qui il trailer italiano.
  • Una spia non basta: Franklin e Tuck sono due inseparabili amici e agenti della CIA … fino a quando la bella Lauren non inizia ad uscire con entrambi, trasformandoli in due rivali che non risparmiano abilità e sofisticate tecniche professionali per conquistarla. Il nuovo film di McG; con Reese Witherspoon, Chris Pine e Tom Hardy. Qui la nostra recensione e qui il trailer italiano.
  • Street Dance 2: dopo essere stato sconfitto e umiliato dalla migliore dance crew del mondo, gli Invincible, l’americano Ash parte con l’amico inglese Eddie alla volta delle maggiori capitali del vecchio continente, con l’intento di reclutare i più grandi streetdancer di tutta Europa. La tappa finale è Parigi, dove la crew appena formatasi avrà poche settimane di tempo a disposizione per amalgamare i propri stili, allenarsi e mettere a punto una coreografia che possa battere gli Invicible. Qui Ash si innamora della bellissima ballerina di salsa Eva, che gli farà scoprire la magia e la passione dei balli latini… Nuovo dance movie, sequel del film uscito un anno fa, diretto da Max Giwa e Dania Pasquini. Con Falk Hentschel, Tom Conti, George Sampson e Sofia Boutella. Qui la nostra recensione e qui il trailer italiano. In 3D. (Da mercoledì in sala)
  • To Rome with Love: quattro storie che non sembrano essere connesse fra loro. Nel primo episodio Woody Allen e Judy Davis sono una coppia in viaggio a Roma per conoscere i futuri suoceri, dato che la figlia ha deciso di sposare un italiano. Nel secondo capitolo Roberto Benigni è un uomo che, per errore, viene scambiato per una star del cinema e si ritrova costretto a correre e rifugiarsi per tutta la capitale; nel terzo Alec Baldwin è un architetto californiano, in visita a Roma con alcuni amici mentre nel quarto e ultimo episodio Alessandro Tiberi e Alessandra Mastronardi sono una giovane coppia in visita ai membri delle loro rispettive famiglie, alcuni dei quali si sono persi tra i vicoli della città. Il nuovo film di Woody Allen, che continua il suo "tour europeo" approdando nella capitale italiana. Qui la nostra recensione e qui il trailer italiano.
    • shares
    • +1
    • Mail
    8 commenti Aggiorna
    Ordina: