Die Hard 6 sarà un prequel

Bruce Willis 'sostituito' o ringiovanito? Die Hard 6 sarà un prequel ambientato negli anni '70

diehard6.jpg

Due anni dopo i 304 milioni di dollari incassati da A Good Day to Die Hard, il 78% dei quali in arrivo dai mercati esteri, in casa 20th Century Fox hanno deciso di realizzare un altro capitolo del franchise, il sesto, ma sotto forma di prequel. Secondo quanto riportato da Deadline il produttore Lorenzo Di Bonaventura starebbe lavorando al progetto con Len Wiseman, già regista del 5° episodio e quasi certamente confermato anche per il sesto.

Bruce Willis tornerà ad essere John McClane, ma non si è ancora capito se con 35 anni di meno oppure in alcuni flashback ambientati nel presente. Perché Die Hard 6 ci porterebbe nel 1979. Una sorta di McClane Begins, approfondendo il suo passato nella polizia di New York di John. I primi anni del personaggio, d'altronde, sono stati anche al centro di un fumetto, pubblicato tra il 2009 e il 2010 da Boom! Studios, Die Hard: Year One. Una miniserie di 4 numeri appena scritta da Howard Chaykin e ambientata nella Grande Mela del 1976, durante il bicentenario. Anche in questo caso, ovviamente, McClane dovrà affrontare terroristi.

L'idea di un prequel confermerebbe le voci che vorrebbero la Fox riportare sul set Samuel L. Jackson, indimenticabile Zeus Carver in Die Hard 3. Per Bruce Willis, 60 anni all'anagrafe, il 'ringiovanimento' cinematografico non sarebbe neanche una grande sorpresa, visto quanto fatto in Looper. In 28 anni e con 5 capitoli tra le mani, la Fox ha incassato con il franchise Die Hard poco meno di un miliardo e mezzo di dollari in tutto il mondo. Come farne a meno?

Fonte: Comingsoon.net

  • shares
  • +1
  • Mail