Roberto Benigni conferma il ritorno al cinema: 'voglio fare un film di un'allegria sfrenata'

Roberto Benigni diretto da Terrence Malick nei panni di un diavolo. Possibile?

resized_gettyimages-617445838_master.jpg

Tornato dagli States, dove ha incontrato Barack Obama insieme al Premier Matteo Renzi, Roberto Benigni ha ieri chiuso la Festa del Cinema di Roma con un affollato incontro che l'ha visto parlare di Cinema a 360°. Con tanto di annuncio/conferma, vedi l'imminente ritorno sul set anche in qualità di regista a 11 anni da La tigre e la Neve.

“Dopo tutta questa tv in cui ho messo la mia popolarità la servizio della poesia di Dante, sento il desiderio irreprimibile di fare un film di un’allegria sfrenata, di spandere gioia nel mondo! E poi ho saputo che Tom Hanks vorrebbe lavorare con me: ebbene, sono pronto a fare un film con lui, visto che lo considero uno dei grandissimi attori contemporanei”.

Proprio nella Capitale, la scorsa settimana, Hanks ha rivelato di stimare profondamente Benigni, tanto da ipotizzare una possibile collaborazione futura. Palla colta al balzo dal Roberto nazionale, due volte premio Oscar con La vita è Bella ed ora pronto a tornare dietro la macchina da presa con il suo decimo film, una commedia dura e pura 22 anni dopo Il Mostro a cui purtroppo non potrà metter bocca l'amico nonché fedele collaboratore Vincenzo Cerami, morto nel 2013.

Nell'attesa Benigni potrebbe semplicemente tornare attore per Terrence Malick, come da lui stesso rivelato.

“E’ vero, Terrence Malick mi vuole in un suo film su San Pietro nella parte del diavolo! Lo so che non ci credete. È successo così: ci siamo conosciuti agli Oscar nel 1997. In platea qualcuno mi tocca la giacca e mi indica un signore col cappello da texano che mi salutava con la mano. Poi si presenta: “I am Terrence Malick” e io “Porca miseria, Terrence Malick in persona!”.

Piccolo grande Diavolo. Se non ci fosse bisognerebbe inventarlo.

Fonte: HollywoodReporter

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail