15:17 to Paris: iniziate le riprese del nuovo film di Clint Eastwood

Vial alle riprese per il dramma "15:17 to Paris" di Clint Eastwood.

1517-to-paris-iniziate-le-riprese-del-nuovo-film-di-clint-eastwod.jpg

 

Aggiornamento di Pietro Ferraro

 

Clint Eastwood ha dato il via alle riprese di 15:17 to Paris dramma basato sull'attacco terroristico dell'ISIS che è stato impedito da tre amici nel mese di agosto del 2015. Saranno gli eroi reali e non attori ad interpretare il film con Anthony Sadler, Alek Skarlatos e Spencer Stone nei panni di loro stessi. Il film ricostruisce la loro eroica storia e come hanno salvato la vita di centinaia di persone su un treno in viaggio da Bruxelles a Parigi.

Variety riporta che in origine Clint Eastwood stava cercando degli attori per interpretare i tre eroi di "15:17 to Paris" e lui e Warner Bros. avevano stabilito che sarebebro stati degli attori ad interpretare i ruoli. Tuttavia, all'ultimo momento, hanno deciso di reclutare Sadler, Skarlatos e Stone per farlo. Si tratta di una scelta poco convenzionale, ma con un regista come Eastwood al timone, è una mossa che potrebbe davvero pagare. Il film scritto da Dorothy Blyskal è basato sul libro omonimo "The 15:17 to Paris: The True Story of a Terrorist, a Train, and Three American Heroes" di Jeffrey E. Stern, Spencer Stone, Anthony Sandler e Alek Skarlatos.

 

Il 21 agosto del 2015, Ayoub El-Khazzani prese il treno n. 9364 a Bruxelles, partito per Parigi, senza alcun dubbio sulla sua missione: aveva con sé un AK-47, una pistola, un taglierino e una quantità sufficiente di munizioni per eliminare tutti i passeggeri a bordo. Dopo essersi recato in bagno senza farsi notare, ha caricato le sue armi. Un altro grande attacco dell'ISIS stava per cominciare, Khazzani non si aspettava però l'intervento di Anthony Sadler, Alek Skarlatos e Spencer Stone. Stone era un appassionato di arti marziali e aviere di Prima Classe nella Forze Armate statunitensi, Skarlatos era membro della Guardia Nazionale dell'Oregon, e tutti e tre presero la decisione di disarmare il killer. Riuscirono a sopraffarlo, anche quando aveva impugnato prima la pistola, poi il suo coltello. Poterono fare affidamento su una vita di lealtà, reciproco sostegno e fede. La loro amicizia era stata forgiata crescendo insieme in California: andando in chiesa, giocando a paintball, coprendosi le spalle l'un l'altro quando si trovavano in difficoltà a scuola. Più tardi, quell'amicizia avrebbe dato a tutti e tre il coraggio di ostacolare le mire di una delle organizzazioni terroristiche più letali del mondo.

 

Variety riporta che Anthony Sadler, Alek Skarlatos e Spencer Stone avranno un ruolo importante nel film, ma non interpreteranno l'intera pellicola. "15:17 to Paris" pare prenderà il via raccontando l'infanzia dei tre e proseguendo con la costruzione dell'evento. Quindi i tre non dovranno portare l'intero film sulle loro spalle. Paul-Mikel Williams, Max Ivutin, Bryce Gheisa, Cole Eichenberger e William Jennings sono stati lanciati per interpretare le versioni più giovani di Sadler, Skarlatos e Stone nel film. Il resto del cast include Jenna Fischer, Judy Greer e Ray Corasani.

L'87enne Clint Eastwood è reduce da un'altra storia vera, il film Sully che oltre a ricevere critiche positive ha incassato 238 milioni di dollari in tutto il mondo. Il precedente American Sniper è stato ancora più impressionante, incassando 547 milioni di dollari in tutto il mondo e guadagnando una candidatura all' Oscar per il Miglior film. Warner Bros. non ha ancora annunciato una data di uscita per "15:17 to Paris" che vedremo sicuramente nelle sale l'anno prossimo.

 

 

15:17 to Paris, Clint Eastwood porta al cinema la storia dei tre americani che fermarono un terrorista a bordo di un treno


WASHINGTON, DC - SEPTEMBER 17: US President Barack Obama (2ndR) poses for a picture with US Army Specialist Alek Skarlatos (L), US Air Force Airman 1st Class Spencer Stone (2ndL), and Anthony Sadler (R) during a meeting in the Oval Office at the White House on September 17, 2015 in Washington, DC. The three friends are concidered heros for helping overpower a gunman on a Paris-bound train on August 21. (Photo by Mark Wilson/Getty Images)

 

Articolo pubblicato il 20 aprile 2017

 

Nell'agosto del 2015 un marocchino di 26 anni, tale Ayoub al-Qahzzani, aprì il fuoco con kalashnikov su un treno Amsterdam-Parigi. A fermare il terrorista tre americani, due soldati e un civile, disarmati e in boghese. Anthony Sadler, Alek Skarlatos e Spencer Stone i nomi dei tre eroi, pronti a diventare cinema grazie a Clint Eastwood, da sempre cantore dell'eroismo inaspettato a stelle e strisce.

Il regista di Sully, 86 anni all'anagrafe, adatterà 'The 15:17 to Paris: The True Story of a Terrorist, a Train, and Three American Heroes', libro scritto sulla vicenda, con Dorothy Blyskal allo script ed Eastwood produttore insieme a Tim Moore, Kristina Rivera e Jessica Meier. Dopo i 240 milioni di dollari incassati da Sully e i 547 di American Sniper, Clint chiude così la sua personale trilogia sull'eroe moderno americano.

Una volta tornati in patria, ovviamente, Anthony Sadler, Alek Skarlatos e Spencer Stone sono stati accolti trionfalmente, con tanto di incontro alla Casa Bianca con Barack Obama.

c3u4-square-orig-1.jpg

Fonte: HollywoodReporter

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 4 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE ENTERTAINMENT DI BLOGO