Blade Runner 2049: curiosità sul sequel di Denis Villeneuve

Blade Runner 2049 ha debuttato nei cinema italiani e Blogo vi propone alcune curiosità sulla realizzazione di uno dei sequel più attesi di sempre.

 

Blade Runner 2049 ha fatto il suo esordio nei cinema italiani e bisogna ammattere che il sequel di Denis Villeneuve ha fatto il suo dovere come all'epoca fece Tron: Legacy, omaggiare l'originable, rispettarne lo status di classico e creare una nuova credibile storia senza scimmiottare l'originale con il consueto superfluo remake/reboot.

Denis Villeneuve prende la mitologia creata da Ridley Scott nel suo cult datato 1982 e la amplia supportato da un carismatico Ryan Gosling e il ritorno di Harrison Ford che rispolvera un altro suo iconico personaggio dopo lo Han Solo di Star Wars 7.

Musica, estetica e atmosfera fanno di Blade Runner 2049 uno dei migliori sequel di sempre il cui punto di forza non è provare a eguagliare l'inarrivabile originale, ma omaggiarne l'indelebile impronta lasciata nel genere con grande umiltà e tecnica sopraffina.

 

 

Curiosità


blade-runner-2049-curiosita-sul-sequel-di-denis-villeneuve.jpg

  • Il regista Denis Villeneuve ha confessato di essere pienamente consapevole dell'enorme pressione che avrebbe subito, e come i fan più irriducibili dell'originale vedevano la prospettiva di un nuovo film: "So che ogni singolo fan entrerà in sal con una mazza da baseball e questo lo rispetto e va bene per me perché si tratta di arte. L'arte è un rischio e devo prendermi dei rischi. Sarà il rischio più grande della mia vita, ma mi sta bene, per me è molto eccitante...È così stimolante, sono così ispirato, ho sognato di fare fantascienza fin da quando avevo dieci anni e ho detto "no" a molti sequel, non potevo dire "no"a Blade Runner 2049. E' qualcosa che amo e quindi mi sono detto: "Va bene, lo farò e darò tutto quello che devo per renderlo grande".

  • Inizialmente Denis Villeneuve era contrario al concetto di un sequel di Blade Runner (1982), in quanto riteneva che avrebbe potuto violare l'originale. Ma dopo aver letto la sceneggiatura, che lui e Harrison Ford hanno descritto come "una delle migliori" che hanno mai letto, si è impegnato nel progetto confermando che Ford era già coinvolto a quel punto: "ad essere onesto Harrison faceva parte del progetto prima che io arrivassi, ed è stato a bordo fin da subito con Ridley Scott. Lo conosco e penso sinceramente che sia uno degli esseri umani più belli che ho incontrato ed è uno dei miei attori preferiti di tutti i tempi , quindi per me è stato un piacere".

  • Durante la ripresa di una scena di combattimento Harrison Ford ha accidentalmente colpito Ryan Gosling al volto. Per scusarsi con il collega Ford ha invitato Gosling a condividere con lui una bottiglia di scotch.

  • David Bowie è stata la prima scelta di Denis Villeneuve per il ruolo di Niander Wallace, ma il cantante è morto prima dell'inizio delle riprese.

  • Ci sono tre cortometraggi realizzati per colmare il divario tra il Blade Runner originale e Blade Runner 2049. "Black Out 2022" è il primo in ordine temporale, seguito da "2036: Nexus Dawn" e "2048: Nowhere to Run". "Black Out 2022" è stato realizzato dal regista di anime Shinichirô Watanabe, famoso per il suo lavoro su "Animatrix" e "Cowboy Bebop". "2036: Nexus Dawn" e "2048: Nowhere to run" sono invece diretti da Luke Scott (Morgan) figlio del regista Ridly Scott.

  • Originariamente nella fase di sviluppo iniziale del progetto c'era Ridley Scott designato alla regia di Blade Runner 2049. Quando il film si apprestava alla fase di pre-produzione, Scott annunciò che non avrebbe più preso il timone, ma sarebbe rimasto coinvolto come produttore.

  • Il ruolo del nuovo cacciatore di replicanti Agente K è stato scritto specificamente con Ryan Gosling in mente. Era la prima e unica scelta per il regista Denis Villeneuve.




  • La scena di apertura in cui K affronta il Sapper Morton di Dave Bautista è un rifacimento quasi identico ad una scena scritta, illustrata con storyboard, ma mai filmata del'originale Blade Runner.

  • Hampton Fancher (co-sceneggiatore dell'originale) e Michael Green hanno scritto la sceneggiatura originale basata su un'idea di Fancher e Ridley Scott con la storia che si svolgeva decenni dopo la conclusione dell'originale del 1982. Denis Villeneuve ha dichiarato in un'intervista: "Hampton Fancher, Ridley Scott e Michael Green hanno fatto un ottimo lavoro per la sceneggiatura. Era una sceneggiatura molto potente. Tutto sembrava perfetto, avevo avuto anche la benedizione di Ridley Scott, ma in un primo momento ho esitato, ho esitato davvero tanto. Mi ci è voluto molto tempo per dire sì".

  • Quando K entra in un edificio per trovare Deckard, una scritta sopra la porta dice al contrario: "Haeng Un". Significa  "Buona fortuna" in coreano. Il gergo di strada (Cityspeak) usato nel film originale era composto da molte lingue tra cui il coreano.

  • Jared Leto si è recato a Budapest, in Ungheria, nel settembre del 2016 per filmare le sue scene che hanno richiesto poco più di due settimane.

  • A causa delle differenze di trama tra i diversi  "tagli" del Blade Runner originale molti si sono chiesti quale versione del film originale sarebbe stata usata come canone per il sequel. Anche se Denis Villeneuve ha espresso il suo amore per il taglio originale uscito nei cinema, ha dichiarato che il suo film è un sequel della versione "Final Cut" pubblicata nel 2007.

  • Parlando della pressione subita, Denis Villeneuve ha ammesso che era inizialmente in disaccordo sull'accettare la regia del sequel: "Ero più che nervoso, la mia era una paura profonda. Voglio dire quando ho sentito che Ridley Scott voleva fare un altro film nell'universo di Blade Runner, in un primo momento la mia reazione è stata che era un'idea fantastica, ma poteva anche essere una pessima idea, sono tra i fan più irriducibili di Blade Runner, è uno dei miei film preferiti di tutti i tempi. E' il film che ha innescato in me l'amore e la passione per il cinema. Vengo da una piccola città in Quebec dove, a quel tempo, non c'era internet e il modo per essere informatio sui film erano quelle riviste di fan americane come Fantastic Films e Starlog e io ancora Ricorda lo shock, l'impatto di vedere i primi fotogrammi, le prime immagini che uscivano di Blade Runner. Io ei miei amici eravamo in soggezione, così eccitati e il film era un'esperienza cinematografica così forte. Un nuovo modo di vedere la fantascienza".

  • Jared Leto è stato presentato a Denis Villeneuve dal suo amico Jean-Marc Vallée che aveva diretto Leto in Dallas Buyers Club (2013).




  • Emily Blunt è stata considerata per un ruolo, ma l'attrice ha rifiutato a causa della sua gravidanza.

  • Secondo il documentario "Dangerous Days: The Making of Blade Runner", Ridley Scott aveva in mente un'introduzione totalmente diversa per Rick Deckard nel film del 1982. Alla fine Scott ha scelto la scena in cui il personaggio mangia noodles in strada per mostrare Ford come un ex Blade Runner. 35 anni dopo il regista Denis Villeneuve ha usato la stessa identica scena rimasta inutilizzata per Blade Runner 2049 per introdurre Ryan Gosling. Si tratta della scena con i campi coltivati e la scoperta dell'albero.

  • Quando gli hanno chiesto cosa pensasse del sequel, Rutger Hauer (che ha interpretato Roy Batty nel Blade Runner originale) ha dichiarato di essere completamente indifferente all'idea e non vedeva alcun motivo per cui i produttori dovevano tornare a mettere mano a qualcosa che pensava fosse già perfetto.

  • Il nome del personaggio Ana Stelline è un riferimento all'Anastellin, un peptide umano antiangiogenico.

  • Per ritrarre il personaggio cieco di Niagara Wallace, Jared Leto ha deciso di indossare lenti a contatto opache che gli hanno reso impossibile vedere sul set.

  • Gli attori Barkhad Abdi, Ana de Armas, Mackenzie Davis, Sylvia Hoeks, Carla Juri e David Dastmalchian non sono tutti nati quando il Blade Runner originale è uscito nelle sale.

  • Il cast del film include un vincitore dell'Oscar: Jared Leto e quattro candidati all'Oscar: Ryan Gosling, Harrison Ford, Edward James Olmos e Barkhad Abdi.

  • Nella scena in cui Mariette si sveglia la mattina dopo aver trascorso al notte con K, vede il piccolo cavallo di legno posto sul tavolino. La luce che filtra dalla finestra getta un'ombra del cavallo sul tavolo che ricorda un unicorno.

  • Le prime parole di Deckard a K sono: "Non avresti per caso un pezzo di formaggio?", un riferimento al classico "L'isola del tesoro" di Robert Louis Stevenson. In una scena eliminata dall'originale Blade Runner, Deckard visita Holden in ospedale e lo trova a leggere "L'isola del tesoro".

  • Dopo aver detto che Deckard si è ritirato, Gaff (Edwad James Olmos) fa un origami che rappresenta una pecora. Questo è naturalmente un riferimento al racconto originale "Il cacciatore di androidi / Ma gli androidi sognano pecore elettriche?" di Philip K. Dick. In quel racconto Deckard sta risparmiando per comprare una pecora vera per sua moglie e pensa che al suo posto un androide potrebbe desiderare invece di avere una pecora artificiale.


 

 

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 7 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE ENTERTAINMENT DI BLOGO