Star Wars: Lucasfilm ha un database di cloni digitali di ogni attore della saga

Lucasfilm ha un archivio di cloni digitali per tutti gli attori che hanno recitato nei film della saga di Star Wars, Carrie Fisher inclusa.

star-wars-lucasfilm-ha-cloni-digitali-di-ogni-attore-della-saga.jpg

Il Grand Moff Tarkin e la giovane principessa Leia in Rogue One, ricreati digitalmente, sono il risultato di una tecnologia di appena due anni, che subirà un'evoluzione che presto porterà a creare attori inseriti digitalmente in film di Star Wars sempre più realistici. A breve Lucasfilm e Disney potrebbero avere il potenziale per creare un intero film di Star Wars con un terzetto di giovani Han Solo, Luke Skywalker e la Principessa Leia, con effetti pratici costruiti attorno a queste copie digitali. Ciò sarebbe possibile anche per Carrie Fisher in quanto Lucasfilm ha confermato di avere cloni digitali di tutti gli attori di Star Wars, giovani e meno giovani.

Attualmente questi cloni digitali vengono usati con parsimonia e sono spesso mescolati con riprese live-action dell'attore, per creare scene che sarebbero impossibili da girare con metodi standard o che sono considerate troppo costose da realizzare praticamente. Ne eravamo consapevoli con Tarkin e Leia in Rogue One e l'abbiamo visto anche in Star Wars: Gli Ultimi Jedi senza avere la certezza assoluta di ciò che stavamo guardando.

Ben Morris supervisore degli effetti visivi de "Gli Ultimi Jedi" ha confermato che Lucasfilm dispone di un database di cloni digitali da utilizzare all'occorrenza durante la creazione di un film di Star Wars.

Scansioneremo sempre digitalmente tutti gli attori principali del film, non sappiamo se ne avremo bisogno, non li scannerizzeremo intenzionalmente come un processo di archiviazione, ma per un riferimento successivo.

Una di quelle volte in cui è stato necessario l'utilizzo di queste scansioni è stato nella scena in "Gli Ultimi Jedi" in cui Leia viene risucchiata nello spazio.

Mentre viene risucchiata, è una Leia digitale. Mentre ci avviciniamo, è la vera Carrie.

L'animatore digitale Stephen Alpin ha spiegato che quella la scena sarebbe stata troppo costosa e che sarebbe andata a gravare su un budget già elevatissimo, inoltre c'era anche la necessità di ricreare una sequenza nello spazio.

Non hai sempre la libertà che si può ottenere con la CG. Se riusciamo a girare con la macchina da presa lo facciamo. Se poi c'è un certo aspetto che non possiamo raggiungere con il girato, possiamo ricorrere ad un supporto. Abbiamo avuto la ripresa di Rian Johnson su Carrie che faceva la scena e poi siamo stati in grado di aggiungere la percezione che lei si stesse congelando, visto che lei è in quel vuoto cosmico, ciò voleva dire che dovevamo fare un lavoro di CG e ri-proiettarla su una versione CG del personaggio. Abbiamo mantenuto la sua performance praticamente intatta e abbiamo fatto delle aggiunte, dove necessario, con elementi di animazione. Ma in pratica quella era Carrie.

La scena di Leia è stata girata in tre strati sovrapposti. Stephen Alpin ha spiegato perché è stato importante avere il clone digitale di Carrie Fisher.

Dovevamo stare molto attenti con Carrie, non volevamo avere nessun dispositivo pirotecnico vicino a lei, quindi lo abbiamo girato in più passaggi e aggiunto un sacco di cose digitali alla fine. Mentre lei viene risucchiata, è una Leia digitale, mentre ci avviciniamo, è la vera Carrie. Mentre quando vola all'indietro attraverso i detriti, quello era un mix di elementi. Non abbiamo attaccato Carrie a dei cavi. Abbiamo usato gli stuntmen come riferimento per le sostituzioni digitali successive. Abbiamo macchine veloci, la tecnologia è più veloce, e ciò significa che possiamo dedicare un po' più di tempo a lavorare sui dettagli e le minuzie.

Se Lucasfilm e Disney avessero deciso di creare un futuro film di Star Wars con i personaggi classici usando questi cloni digitali, occorerebbe sempre l'elemento umano, con un attore chiamato a fornire un'interpretazione fisica. Nel caso di Rogue One c'erano attori che recitavano in motion capture con l'ausilio di vere e proprie maschere digitali. L'attrice Ingvild Deila ha interpretato Leia recitando l'intera scena che abbiamo viato alla fine di Rogue One, con tanto di iconica acconciatura per dare ulteriore realismo al personaggio.

La maggior parte dei cloni di Star Wars digitali sono calvi, poiché i capelli sono difficili da manipolare e rendere realistici con l'odierna tecnologia. Alpin sostiene che gran parte della tecnologia che ha usato nel sequel/prrequel "La Vendetta dei Sith" non è cambiata molto. Ancora una volta la grande differenza riguarda la velocità di elaborazione dei computer, che consente a questi artisti di ottenere molti più dettagli completati in un lasso di tempo che rientri  nelle tempistiche richieste per l'uscita in sala. Grazie a ciò si è potuto creare Snoke in "Il risveglio della Forza" e "Gli Ultimi Jedi", personaggio che sarebbe sttao impossibile implementare ad esempio all'epoca de "La minaccia fantasma".

Per qualcosa come Snoke, approcciarsi come abbiamo fatto in questo film ad un personaggio in CG del genere, non sarebbe stato possibile in passato. Per quanto riguarda l'animazione, non avresti mai pensato di fare delle micro-espressioni su un personaggo in CG...Questa è la differenza fondamentale, con quella velocità, si ottengono più dettagli.

Riportare quindi Carrie Fisher come Leia non è qualcosa di impossibile dopo ciò che abbiamo visto in Rogue One, ma in Star Wars 9 non si è presa in cosiderazione questa possibilità per rispetto dell'attrice e non perché non si era in grado. Come spiega Morris, non importa quale sia il personaggio, tutti gli attori che hanno recitato in tutte e tre le trilogie hanno tutti il loro clone digitale pronto all'uso in caso di necessità.

Abbiamo i giovani attori, i vecchi attori, tutti gli attori.

Insomma la scomparsa di un attore non rappresenterebbe un ostacolo per un eventuale ritorno sullo schermo post-mortem, ma non bisogna dimenticare in primis il rispetto per la persona che a quel punto rischierebbe di essere trattata al pari di un qualsiasi personaggio animato.

 

 

Fonte: Inverse

 

 

 

  • shares
  • +1
  • Mail