Suspiria: la colonna sonora del remake di Luca Guadagnino

Blogo vi propone la colonna sonora del remake "Suspiria" di Luca Guadagnino composta da Thom Yorke dei Radiohead.

 

A gennaio 2019 arriva nei cinema italiani Suspiria, remake di Luca Guadagnino dell'omonimo cult horror del 1977 di Dario Argento. Guadagnino ha affidato la colonna sonora al cantante dei Radiohead Thom Yorke al suo terzo album solista, un doppio album che incorpora tracce strumentali, interludi e canzoni.

"Suspiria" è la prima colonna sonora di Yorke che in precedenza aveva scritto musica per cortometraggi e septtacoli teatrali. Nel 1999 è stato contattato per realizzare le musiche del film Fight Club, ma declinò l'offerta poiché stressato dalla promozione dell'album "OK Computer" dei Radiohead. Yorke inizialmente aveva rifiutato anche l'offerta di musicare "Suspiria", ma in seguito accettò dopo mesi di richieste da parte del regista Luca Guadagnino che gli ha promesso piena libertà creativa.

Yorke dopo aver constatato che sarebbe stato inutile replicare o fare riferimento alla colonna sonora dell'originale "Suspiria" dei Goblin, ha scelto un suo personale approccio citando come fonti d'ispirazione la colonna sonora di Blade Runner di Vangelis, artisti di musica concreta come Pierre Henry, artisti elettronici moderni come James Holden e musica legata alla Berlino del 1977, incluse band krautrock come Faust e Can.

Yorke in un'intervista ha confessato di essersi sentito un po' sopraffatto dall'idea di rifare una delle colonne sonore horror più acclamate di tutti i tempi.

Ho fatto dei cenni al film originale "Suspiria". È stato un processo strano dall'inizio. Quando sono venuti per la prima volta a trovarmi, i produttori e [il montatore] Walter [Fasano], ho pensato che fossero pazzi, perché non avevo mai fatto una colonna sonora prima. E "Suspiria" è una di quelle colonne sonore leggendarie. Ci sono voluti alcuni mesi per contemplare l'idea.

 

 

Yorke ha impiegato circa un anno e mezzo per completare la colonna sonora supportato dalla London Contemporary Orchestra and Choir e con il figlio adolescente di Yorke, Noah, che ha suonato la batteria nel brano "Has Ended".

Yorke ha abbozzato pezzi al pianoforte durante la lettura della sceneggiatura e guardando i giornalieri delle riprese. Ha paragonato il suo approccio a quello del compositore cinematografico Ennio Morricone, melodie che Yorke definisce strutturate in modo simile alle canzoni pop.

Ho guardato il film originale diverse volte, e l'ho adorato perché era di quel tempo, una colonna sonora incredibilmente intensa. Ovviamente Goblin e Dario hanno lavorato incredibilmente da vicino quando lo hanno fatto insieme. Ma era del suo tempo e non c'era modo di farvi riferimento in alcun modo. Non c'era modo a parte il fatto che ho trovato interessante l'utilizzo ripetitivo dei motivi, ancora e ancora e ancora. Una parte della tua mente implorava: "Per favore, non voglio più sentirlo. E' stato davvero grandioso. C'è un modo di ripetere nella musica che può ipnotizzare. Continuavo a pensare a me stesso come se stessi facendo degli incantesimi. Quindi quando lavoravo nel mio studio stavo facendo degli incantesimi. So che sembra davvero stupido, ma è in questo modo che pensavo alla musica. Era una specie di libertà che non avevo mai avuto prima. Non ho lavorato nel formato della disposizione delle canzoni. Stavo solo esplorando.

 

Yorke ha descritto i testi dei brani come politici, influenzati dal discorso che circonda il presidente Donald Trump e la Brexit. La colonna sonora incorpora strumenti come pianoforte, flauto, batteria e sintetizzatori. Per quanto riguarda i singoli brani: "Suspirium" è descritto come un valzer per pianoforte; "Has Ended" è un "groove lento e da pelle d'oca" con tastiere ronzanti, una linea di basso simil-dub e un pianoforte dal tempo dilatato; "Volk" è invece un brano strumentale "pieno di tensione" con un "frizzante" rumore bianco e ritmi "cacofonici".

 

TRACK LISTINGS:

Disc 1

1. A Storm That Took Everything
2. The Hooks
3. Suspirium
4. Belongings Thrown in a River
5. Has Ended
6. Klemperer Walks
7. Open Again
8. Sabbath Incantation
9. The Inevitable Pull
10. Olga's Destruction (Volk tape)
11. The Conjuring of Anke
12. A Light Green
13. Unmade
14. The Jumps

Disc 2

1. Volk
2. The Universe is Indifferent
3. The Balance of Things
4. A Soft Hand Across Your Face
5. Suspirium Finale
6. A Choir of One
7. Synthesizer Speaks
8. The Room of Compartments
9. An Audition
10. Voiceless Terror
11. The Epilogue

 

 

 

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 2 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail