Logo Blogo

Tutti gli articoli con tag Milk

George Clooney protagonista di 8, a favore dei matrimoni gay

pubblicato da Simona

George Clooney e Dustin Lance Black

Com’è già stato riportato dai cugini di Queerblog riprendendo una notizia pubblicata da The Hollywood Reporter, George Clooney farà parte del cast di 8, opera teatrale scritta da Dustin Lance Black e diretta da Rob Reiner, in scena per una sera soltanto il prossimo 3 marzo al Wilshire Ebell Theatre di Los angeles. L’intero ricavato andrà in beneficienza all’American Foundation for Equal Rights.

Lo spettacolo (già rappresentato a New York lo scorso settembre, con Morgan Freeman, Ellen Barkin, John Lithgow e Bradley Whitford nel cast) ripercorre le tappe che hanno condotto alla dichiarazione di incostituzionalità della Proposizione 8 (che negava ai californiani gay e lesbiche il diritto di sposarsi). Gli oppositori della Proposition 8 si sono appellati al tribunale di Los Angeles perchè vengano sbloccate le riprese del processo federale, in modo che possano essere mostrate al pubblico. Una sentenza è attesa a breve. Nel frattempo, l’unica rappresentazione di 8 dovrà bastare.

Continua a leggere: George Clooney protagonista di 8, a favore dei matrimoni gay

....
condividi 0 Commenti

Taylor Lautner nel prossimo film di Gus Van Sant?

pubblicato da Gabriele Capolino

Taylor Lautner nel prossimo film di Gus Van Sant?

Che il collegamento fra Gus Van Sant e Twilight non sia del tutto campato in aria sarà chiaro a molti: ricordate infatti quando ancora si pensava che il regista di Elephant potesse dirigere i due episodi di Breaking Dawn? Alla fine la regia andò a Bill Condon, ma Van Sant avrà la possibilità di lavorare con uno dei componenti del “terribile trio”: Taylor Lautner.

Il lupetto avrebbe deciso di contattare in prima persona Van Sant e Dustin Lance Black, lo sceneggiatore Premio Oscar per Milk, per produrre un film indipendente tratto da un articolo del New Yorker che avrebbe letto. Per ora questo è tutto quel che si sa, ma la produzione del film dovrebbe già iniziare all’inizio del prossimo anno.

Per quel che riguarda Van Sant, il regista deve riprendersi dalle critiche negative ricevute con L’amore che resta, mentre Lautner deve ancora dimostrare qualcosa al di fuori dalla saga di Twilight, visto che con Abduction non è andata benissimo. Ce la farà questo insolito team a partorire qualcosa di convincente? Il tutto deve ancora essere ufficializzato, anche se indieWIRE presume possa succedere in fretta: ma certo che neanche a raccontarlo ci si crede fino in fondo…

Confermato: Leonardo di Caprio ha firmato e vestirà i panni di J. Edgar Hoover nel biopic firmato Clint Eastwood

pubblicato da Simona

Leonardo DicaprioE’ ufficiale: dopo una lunga trattativa Leonardo DiCaprio ha accettato di vestire i panni di J. Edgar Hoover nel biopic che Clint Eastwood realizzerà dopo Hereafter, attualmente in post-produzione. (Ne abbiamo parlato qui)

Per la realizzazione della pellicola, Eastwood si unirà a a Robert Lorenz della Malpaso, a Brian Grazer e alla Imagine Entertainment di Ron Howard, sotto l’egida della Warner Bros. La sceneggiatura di Hoover porta la firma di Dustin Lance Black, premio Oscar per Milk.

J. Edgar Hoover rimase a capo dell’FBI per più di 35 anni (dall’apertura dell’agenzia federale nel 1935 fino alla sua morte, nel 1972), ma la situazione finì per sfuggirgli di mano. Il Federal Bureau of Investigation venne da lui impiegato per perseguitare attivisti politici ed ottenere - anche con metodi illegali - file top secret sui figure di spicco della politica dell’epoca e capi di stato. Alcune biografie su Hoover affermano che l’uomo fosse segretamente un cross-dresser ed un omosessuale.

Fonte: Deadline

....
condividi 5 Commenti

Leonardo DiCaprio in trattative per vestire i panni di J. Edgar Hoover

pubblicato da Simona

leonardo dicaprioCome probabilmente ricorderete, è stato recentemente annunciato che Clint Eastwood, dopo Hereafter, si sarebbe dedicato alla realizzazione del biopic di di J. Edgar Hoover, direttore dell’FBI fin dall’apertura dell’agenzia federale nel 1935 fino alla sua morte, nel 1972. La sceneggiatura di Hoover porta la firma di Dustin Lance Black, premio Oscar per Milk e - riporta oggi Entertainment Weekly - Leonardo DiCaprio sarebbe attualmente in trattative per fare suo il ruolo del protagonista.

Per la realizzazione della pellicola, Eastwood si unirà a a Robert Lorenz della Malpaso, a Brian Grazer e alla Imagine Entertainment di Ron Howard, sotto l’egida della Warner Bros. La lavorazione del film dovrebbe prendere l’avvio entro la fine dell’autunno.

J. Edgar Hoover (aveva il volto di Billy Crudup in Nemico Pubblico di Michael Mann) rimase a capo dell’FBI per più di 35 anni, ma la situazione finì per sfuggirgli di mano. Il Federal Bureau of Investigation venne da lui impiegato per perseguitare attivisti politici ed ottenere - anche con metodi illegali - file top secret sui figure di spicco della politica dell’epoca e capi di stato. Alcune biografie su Hoover affermano che l’uomo fosse segretamente un cross-dresser ed un omosessuale.

....
condividi 6 Commenti

Clint Eastwood è al lavoro sul biopic di J.Edgar Hoover

pubblicato da Simona

Clint Eastwood Hoover

Dustin Lance Black, premio Oscar per Milk, ha scritto la sceneggiatura di Hoover, biopic incentrato sulla controversa figura di J. Edgar Hoover, direttore dell’FBI fin dall’apertura dell’agenzia federale nel 1935 fino alla sua morte, nel 1972. Come accadde per Milk, anche questo script ha subito attirato l’attenzione di un regista importante. A farsi avanti questa volta è stato Clint Eastwood, che - impegnato nelle riprese di Hereafter - sta già pensando al suo prossimo progetto.

Per la realizzazione della pellicola, Eastwood si unirà a a Robert Lorenz della Malpaso, a Brian Grazer e alla Imagine Entertainment di Ron Howard; ma non è ancora chiaro quale major si occuperà della distribuzione. Probabilmente si tratterà della Warner, con cui Eastwood collabora da ormai 40 anni.

J. Edgar Hoover (aveva il volto di Billy Crudup in Nemico Pubblico di Michael Mann) rimase a capo dell’FBI per più di 35 anni, ma la situazione finì per sfuggirgli di mano. Il Federal Bureau of Investigation venne da lui impiegato per perseguitare attivisti politici ed ottenere - anche con metodi illegali - file top secret sui figure di spicco della politica dell’epoca e capi di stato. Alcune biografie su Hoover affermano che l’uomo fosse segretamente un cross-dresser ed un omosessuale.

Fonte: The Hollywood Reporter

....
condividi 5 Commenti

Baci gay sul grande schermo

pubblicato da Simona

Brokeback Mountain

Baci appassionati fra due donne o due uomini non sono facilissimi da vedere al cinema. Si raccontano storie di amori omosessuali, ma scene di baci gay sono relativamente poche.” Questo è l’incipit di un interessante post pubblicato ieri dai cuginetti di Queerblog, che ripercorre - dagli anni ‘30 ad oggi - alcune delle più celebri scene di bacio viste sul grande schermo. Dalla Marlene Dietrich di Marocco, alla coppia Gordon Warnecke-Daniel Day-Lewis di My Beautiful Laundrette, passando per Catherine Deneuve-Susan Sarandon in Miriam si sveglia a mezzanotte, fino ad arrivare al bellissimo, chiacchieratissimo, (censurato) bacio fra i due cow-boy di Brokeback Mountain, Heath Ledger e Jake Gyllenhaal.

Alla carrellata di baci cinematografici proposta da Queerblog, io aggiungerei quelli di Paul Verlaine e Arthur Rimbaud, interpretati da David Thewlis e Leonardo DiCaprio in Poeti dall’Inferno; o quelli dati da Sean Penn a James Franco in Milk. Senza dimenticare quelli - già tanto chiacchierati prima ancora di essere stati visti al cinema - fra Jim Carrey e Ewan McGregor in I Love You, Phillip Morris. Senza dimenticare che anche Robert Pattinson nell’imminente Little Ashes, potrebbe riservarci qualche sorpresa; e senza nemmeno arrivare fino alle provocazioni di Sacha Baron Cohen e dei baci ardenti che il suo Brüno scambia con il proprio assistente nella gabbia della scena finale del film.

Voi che dite? Quali sono i più appassionati baci cinematografici, i più teneri, i più sexy, quelli che vi hanno maggiormente colpito, quelli degni di essere ricordati e rivisti?

Mia Wasikowska protagonista di Restless, il nuovo Gus Van Sant

pubblicato da Gabriele Capolino

Mia Wasikowska protagonista di Restless, il nuovo Gus Van SantTornano i giovani disillusi e problematici di Gus Van Sant, che dopo la “parentesi” di Milk torna a girare un film sull’adolescenza e tutte le difficoltà che la riguardano. La nuova fatica del regista si intitolerà Restless ed è scritta da Jason Lew, autore anche del pezzo teatrale alla base dello script della pellicola.

E’ di oggi la notizia che Mia Wasikowska, la giovane Alice nel Paese delle Meraviglie nel film di Tim Burton in uscita in Italia il 5 marzo, è in trattative per essere la protagonista di Restless. E’ da un po’ che Van Sant non si dedica a disegnare sul grande schermo un bel ritratto femminile, ma la Wasikowska non sarà sola nel film.

La trama di Restless, un dramma adolescenziale dai toni dark, tratterà infatti di due adolescenti, un ragazzo ed una ragazza, alle prese con l’imminente maturità e che continuano a porsi domande sulla mortalità. L’attore protagonista è ancora in fase di casting. E’ interessante poi leggere chi c’è in cabina di produzione: Brian Grazer, e soprattutto Ron Howard e la figlia Bryce Dallas Howard, compagna di Lew alla New York University.

Fonte: ComingSoon

....
condividi 2 Commenti

Ed Harris, Emma Roberts ed Amy Madigan si aggiungono al cast di What's Wrong With Virginia

pubblicato da Simona

Ed HarrisEd Harris (che sostituirà Liam Neeson), Emma Roberts ed Amy Madigan si sono aggiunti al cast di What’s Wrong With Virginia, debutto alla regia del giovane e talentuoso sceneggiatore Dustin Lance Black, già vincitore di un premio Oscar per Milk. Il film, di cui Lance Black ha anche firmato lo script, vedrà protagonista Jennifer Connelly, mentre Gus Van Sant figura come produttore esecutivo.

Le riprese cominceranno il 28 settembre a Holland, in Michigan. Harris avrà il ruolo di uno sceriffo, la cui candidatura al senato verrà messa a rischio quando sua figlia (la Roberts) inizierà a frequentare il figlio sedicenne di una donna affascinante ma psicologicamente disturbata, con cui l’uomo ha intrecciato per due decadi una relazione clandestina. Amy Madigan vestirà i panni della moglie dello sceriffo.

Fonte: ComingSoon.net

....
condividi 0 Commenti

Sean Penn abbandona The Three Stooges e Cartel

pubblicato da Simona

Sean Penn

Sean Penn è stanco. L’ultimo anno trascorso è stato per lui un periodo molto intenso (e fruttuoso, visto l’Oscar conquistato con Milk), e adesso l’attore ha intenzione di riposarsi e di dedicare più tempo alla propria famiglia. Per questo si è chiamato fuori da due imminenti progetti cinematografici che lo vedevano coinvolto ed ha dichiarato di non essere disponibile per nessuno. Non è chiaro quanto durerà questo periodo sabbatico, ma qualche bene informato sostiene si possa trattare di un anno. Esattamente quello che fece Javier Bardem lo scorso anno, rinunciando a Nine ed a Tetro.

Penn ha quindi rinunciato al proprio ruolo nella commedia diretta da Peter e Bobby Farrelly e dedicata al trio comico dei Marmittoni, The Three Stooges, che lo avrebbe visto protagonista accanto a Jim Carrey e Benicio Del Toro; oltre al thriller Cartel, della Universal/Imagine.

Mentre la Universal sembrerebbe decisa a portare avanti il progetto anche senza Penn, riaprendo il casting del thriller sceneggiato da Peter Craig e diretto da Asger Leth per scegliere un nuovo protagonista; la MGM ed i fratelli Farrelly affrontano un dilemma un po’ più complicato. I Farrelly, sceneggiatori, produttori e registi di The Three Stooges, hanno passato buona parte dell’ultima decade lavorando al progetto che riporterà sullo schermo il trio comico divenuto famoso negli anni ‘30 e non vorrebber rinunciare alla partecipazione dell’attore due volte premio Oscar. Le riprese avrebbero dovuto prendere l’avvio nel mese di agosto e il debutto del film era stato fissato per il 2010. Ma aspettare il ritorno di Penn vorrebbe sicuramente dire far slittare tutto di un anno e potrebbe anche significare perdere Carrey e Del Toro.

Fonte: HollywoodReporter

....
condividi 5 Commenti

Woody Allen ricorda Oreste Lionello al Premio del Doppiaggio 2009: ecco tutte le nominations

pubblicato da Carla Cigognini

premio del doppiaggioWoody Allen ricorda Oreste Lionello, stasera all’Auditorium di Roma, durante la terza edizione del Gran Premio Internazionale del Doppiaggio. Il regista americano non sarà presente ma omaggerà il nostro attore e doppiatore tramite un video.

Saranno inoltre assegnati un premio speciale del pubblico, attribuito tramite le votazioni sul sito del Premio del Doppiaggio.

Per le nominations 2009 vi rimando dopo il salto.

Continua a leggere: Woody Allen ricorda Oreste Lionello al Premio del Doppiaggio 2009: ecco tutte le nominations

....
condividi 1 Commenti