Logo Blogo

Tutti gli articoli con tag Ron Howard

Rush di Ron Howard: dietro le quinte

pubblicato da dr. apocalypse

C’è particolare attesa nei confronti di Rush, nuovo film di Ron Howard con al centro il mondo della Formula Uno. Interpretato da Chirs Hemsworth, Daniel Brühl, il nostro Pierfrancesco Favino e Olivia Wilde, il film si mostra quest’oggi attraverso un ricco dietro le quinte, che ci porta per mano negli anni 70. Al centro della trama, infatti, troviamo la leggendaria rivalità tra Niki Lauda e l’inglese James Hunt durante il Gran Premio di Germania del 1976, teatro dell’incidente che coinvolse Lauda, uscito di pista a causa di un guasto tecnico alle sospensioni e rimasto intrappolato fra le lamiere della propria vettura in fiamme.

Se il nostro Favino sarà Clay Regazzoni, Chris Hemsworth e Daniel Bruhl vestiranno i panni di James Hunt e Niki Lauda. L’uscita in sala? Nel 2013.

Fonte: Collider

....
condividi 2 Commenti

Rush - Pierfrancesco Favino accanto a Chris Hemsworth e Daniel Bruhl

pubblicato da Simona

Pierfrancesco FavinoSono attualmente in corso le riprese di Rush, film sulla Formula 1 diretto da Ron Howard che vedrà Chris Hemsworth e Daniel Bruhl nei panni di James Hunt e Niki Lauda. Accanto ai due protagonisti, troveremo anche il nostro Pierfranceco Favino, fresco vincitore di un David di Donatello, nei panni del pilota svizzero Clay Regazzoni, morto in un incidente sei anni fa. Olivia Wilde, Natalie Dormer e Alexandra Maria Lara sono le principali interpreti femminili.

Sceneggiato da Peter Morgan, il film è incentrato sulla sfida tra l’austriaco Niki Lauda e l’inglese James Hunt durante il Gran Premio di Germania del 1976, teatro - fra l’altro - dell’incidente che coinvolse Lauda, uscito di pista a causa di un guasto tecnico alle sospensioni e rimasto intrappolato fra le lamiere della propria vettura in fiamme. Dopo 6 settimane di coma, durante le quali l’avversario della scuderia McLaren ebbe modo di accumulare un notevole vantaggio, il pilota del Cavallino tornò al volante e tentò di tutto per vincere il titolo di campione del mondo. Molte delle spettacolari sequenze saranno girate sulla pista tedesca di Nurburgring, altre in varie location e teatri di posa a sud di Londra. La release è prevista per il 2013.

....
condividi 1 Commenti

1984 di Orwell: di nuovo sul grande schermo con Shepard Fairey?

pubblicato da Cut-tv's

Nineteen Eighty-Four - Barack Obama Hope poster

Dittature di ogni tipo, abuso della propaganda, violazione legalizzata della privacy, la spettacolarizzazione degli occhi elettronici da Grande Fratello, società indesiderabili sotto tutti i punti di vista, dal 1984 (Nineteen Eighty-Four) di George Orwell ad oggi, sembrano aver trasformato le previsioni apocalittiche del romanzo distopico per eccellenza in una favola lungimirante.

Per quanto riletture dell’Oceania del 1984 e degli ingranaggi del suo governo totalitario siano sempre interessanti, stando a Hollywood Reporter, l’Imagine Entertainment di Ron Howard e la LBI Entertainment hanno anche in progetto di riportare 1984 sul grande schermo.

Le indiscrezioni al momento sono ancora poche, meno dei progetti ispirati a 1984 mai andati in porto, ma sembra che dopo diverse e differenti trasposizioni cinematografiche, da Orwell 1984 di Michael Radford a Brazil di Terry Gilliam, questa potrebbe avvalersi del contributo dello street artist Shepard Fairey, autore della campagna Hope per Barack Obama e del fenomeno dilagante di consensi e parodie che l’anno seguita, probabilmente in grado di concepire una rilettura di 1984 altrettanto efficace e calata nel presente.

Via | Hollywood Reporter
Foto | Nineteen Eighty-Four - Barack Obama Hope poster

....
condividi 4 Commenti

La Torre Nera di Ron Howard: Warner Bros. vuole salvare il progetto?

pubblicato da Rosario

Warner Bros. vuole salvare La Torre Nera?

Che un destino del genere debba toccare a un’opera come La Torre Nera sembra quasi una bestemmia, ma dopo il “blocco” della Universal di qualche tempo fa non ci sorprendiamo più di nulla. A quanto pare però ci sono buone notizie per tutti i fan di Stephen King e della sua famosa saga, visto che Warner Bros. sarebbe pronta a salvare il progetto, comprando la licenza per portarlo avanti dopo i problemi da esso incontrati in casa Universal.

Le intenzioni di Warner Bros. sarebbero di fatto quelle di portare avanti la realizzazione della trilogia cinematografica, conservando tutte le decisioni prese nel frattempo: sarebbero quindi confermati Ron Howard alla regia e Javier Bardem all’interno del cast, così come lo script dovrebbe rimanere quello realizzato da Akiva Goldsman, al centro della decisione di Universal di bloccare il progetto a causa del notevole investimento richiesto.

In caso di successo per Warner Bros. si parla di un possibile inizio delle riprese per i primi mesi del 2013, mentre resta tutto da chiarire il destino della serie TV che avrebbe dovuto nascere dallo stesso progetto dedicato a La Torre Nera. Nel frattempo comunque, tutti i fan di King possono continuare a sperare.

Via | Slashfilm.com

....
condividi 9 Commenti

Ryan Gosling diventa Walt Disney in Walt: ecco il poster del film che non esiste

pubblicato da dr. apocalypse

Ryan Gosling diventa Walt Disney in Walt: ecco il poster del film che non esiste

Un biopic su Walt Disney. Possibile che nessuno ci abbia mai pensato? Incredibile ma vero, no. Almeno fino ad oggi. Perché dalla rete ecco arrivare il primo poster di una pellicola che in realtà non esiste. Walt il titolo, con Ryan Gosling protagonista e Ron Howard alla regia. Ad ideare la splendida locandina un’artista francese, Pascal Witaszek, per un fake-poster che ha già fatto il giro della rete, tanto da bussare eventualmente alle porte di Hollywood. Perché un progetto simile, dinanzi alla scarsa creatività hollywoodiana degli ultimi anni, farebbe probabilmente furore. Non credete?

Fonte: VeryAware

Ryan Gosling diventa Walt Disney in Walt: ecco il poster del film che non esiste

Corman's World: Exploits of a Hollywood Rebel, il documentario sul re dei b-movies

pubblicato da carloprevosti

Roger Corman non è forse l’autore più famoso e premiato di Hollywood, ma il suo nome è una leggenda assoluta nel mondo del cinema indipendente, low budget e dei b-movies. Pur non avendo mai lavorato con cifre enormi, Roger Corman è uno degli scrittori, registi e produttori più prolifici degli ultimi 60 anni, certamente anche uno dei maggiormente influenti sulle generazioni di autori che sono arrivate dopo di lui.

Corman’s World: Exploits of a Hollywood Rebel è un documentario che finalmente rende giustamente omaggio al suo lavoro, anche attraverso gli interventi di suoi illustri “discepoli” come Paul W.S. Anderson, Peter Bogdanovich, Robert De Niro, Peter Fonda, Ron Howard, Eli Roth, Martin Scorsese, William Shatner e Jack Nicholson.

Un racconto epico (a suo modo) di come Corman ha creato il suo “impero di culto”, un piccolo successo alla volta. Il regista Alex Stapleton ha impreziosito il film con materiale di archivio della carriera di Corman, delle perle che gli appassionati dei suoi film ameranno alla follia (personalmente non vedo l’ora di poter visionare il film, n.d.r.).

Qui sopra potete vedere il trailer e sotto la locandina (clicca per ingrandire).

Corman

....
condividi 1 Commenti

Mark Romanek per Il Simbolo Perduto di Dan Brown?

pubblicato da dr. apocalypse

Mark Romanek per Il Simbolo Perduto di Dan Brown?Conquistato critica e pubblico con lo straordinario Never Let Me Go, Mark Romanek potrebbe presto tornare in sala con un inatteso blockbuster, ovvero Il Simbolo Perduto. Dopo i boom de Il Codice Da Vinci, 759 milioni di dollari incassati in tutto il mondo, e Angeli e Demoni, 486 milioni, Dan Brown tornerà in sala per volere della Sony. Ma senza Ron Howard, ‘padre’ dei primi due capitoli cinematografici.

Ovviamente confermato Tom Hanks nei panni di Robert Langdon, il film dovrebbe arrivare nei cinema americani nell’estate del 2013. Pubblicato il 15 settembre del 2009, Il Simbolo Perduto ha venduto milioni e milioni di copie in tutto il mondo, con le librerie degli States prese d’assalto al primo giorno di vendita, con 1 milione di copie ‘piazzate’ in sole 24 ore.

Questa la trama del romanzo:

Robert Langdon, professore di simbologia ad Harvard, è in viaggio per Washington. È stato convocato d’urgenza dall’amico Peter Solomon, uomo potentissimo affiliato alla massoneria, nonché filantropo, scienziato e storico, per tenere una conferenza al Campidoglio sulle origini esoteriche della capitale americana. Ad attenderlo c’è però un inquietante fanatico che vuole servirsi di lui per svelare un segreto millenario. Langdon intuisce qual è la posta in gioco quando all’interno della Rotonda del Campidoglio viene ritrovato un agghiacciante messaggio: una mano mozzata col pollice e l’indice rivolti verso l’alto. L’anello istoriato con emblemi massonici all’anulare non lascia ombra di dubbio: è la mano destra di Solomon. Langdon scopre di avere solamente poche ore per ritrovare l’amico. Viene così proiettato in un labirinto di tunnel e oscuri templi, dove si perpetuano antichi riti iniziatici. La sua corsa contro il tempo lo costringe a dar fondo a tutta la propria sapienza per decifrare i simboli che i padri fondatori hanno nascosto tra le architetture della città. Fino al sorprendente finale. Un nuovo capitolo de “Il Codice da Vinci”, un thriller dalla trama mozzafiato, che si snoda a ritmo incalzante in una selva di simboli occulti, codici enigmatici e luoghi misteriosi.

Fonte: DeadLine

....
condividi 3 Commenti

La Universal abbandona il progetto Ouija

pubblicato da dr. apocalypse

La Universal abbandona il progetto Ouija

Dopo aver abbandonato Alle montagne della follia di Guillermo del Toro e La Torre Nera di Ron Howard, la Universal ha ufficialmente detto addio ad un altro progetto sulla carta estremamente interessante, ovvero Ouija. Tavola di legno celebre per le sedute spiritiche fatte in casa, Ouija era uno dei tanti progetti che avrebbero dovuto portare in sala alcuni giochi Hasbro, come già accaduto con i Transformers, G. I. Joe e l’imminente Battleship.

Ebbene, secondo il sito Volture la Universal avrebbe pagato 5 milioni di dollari di penale alla Hasbro per recedere il contratto di sviluppo. Ad occuparsi dell’idea, sulla carta spettacolare e dal budget imponente, dovevano essere Michael Bay, come produttore, e McG, come regista. Fino allo stop di oggi. D’altronde il rischio che queste apparentemente assurde trasposizioni cinematografiche floppino è altissimo, con Battleship autentico banco di prova. Continua infatti la patnership tra Universal e Hasbro, con due titoli ancora in cantiere, anche se ultimamente finiti nel dimenticatoio, ovvero Stretch Armstrong, con Taylor Lautner protagonista, e Candy Land.

....
condividi 0 Commenti

Ron Howard porta in sala Rush, biopic su Niki Lauda?

pubblicato da dr. apocalypse

Aspettando La Torre Nera, la cui realizzazione è stata purtroppo rimandata, Ron Howard si starebbe giustamente guardando attorno. All’ex Richie Cunningham di Happy Days è stata infatti proposta la regia di Rush, biopic sul campione di Formula 1 Niki Lauda. Ad annunciare la notizia Variety, per un film sceneggiato da Peter Morgan, già dietro lo script dell’ottimo Frost/Nixon, sempre firmato Howard.

Al centro della trama l’epico duello tra Lauda e l’inglese James Hunt, culminato nel Gran Premio di Germania del primo agosto 1976. Quel giorno, infatti, un indimenticato incidente per poco non ammazzò il campione austriaco della Ferrari, rimasto intrappolato nella propria vettura in fiamme. Costretto a saltare i successivi Gran Premi per circa 40 giorni, Lauda diede ovviamente la possibilità al rivale della McLaren di recuperare lo svantaggio precedentemente accumulato, fino a vincere il mondiale all’ultima corsa.

Una corsa, quella alla regia, che vedrebbe Howard ‘in gara’ solo con Paul Greengrass, altro regista interessato al progetto. Aspettando ulteriori news, a voi il video originale del tragico e spettacolare incidente del 1971, con Niki Lauda arrivato a un passo dalla morte.

....
condividi 1 Commenti

La Universal 'blocca' La Torre Nera?

pubblicato da dr. apocalypse

La Universal 'blocca' La Torre Nera?

Allarme La Torre Nera. Anche se già calendarizzato nella sua data d’uscita, 17 maggio 2013, il film tratto della celebre saga scritta da Stephen King potrebbe arenarsi, e slittare. In casa Universal, secondo Variety, potrebbero presto mettere in turnaround l’intero mastodontico progetto, che prevede 3 film per il grande schermo e due miniserie per la tv.

Dopo 9 mesi di pre-produzione, la major avrebbe scoperto l’acqua calda, ovvero il mostruoso investimento da dover sostenere. Come successo con Le Montagne della Follia di Guillermo Del Toro, bocciato per i costi eccessivi, anche il progetto diretto da Ron Howard sarebbe sull’orlo dell’inatteso e improvviso stop.

L’idea della Universal è di mettere il film a disposizione di altri studios, in turnaround per l’appunto, prendendo solo una minima percentuale sugli eventuali incassi. Se poche settimane fa annunciavamo “l’imminente via alle riprese”, con Javier Bardem praticamente certo di interpretare Roland Deschain, il progetto finisce ora in un limbo di incertezze, da cui ci auguriamo riesca ad uscirne il prima possibile. In un modo o nell’altro…

....
condividi 4 Commenti