Cannes 2019

Il Festival di Cannes giunge nel 2019 alla sua 72a edizione. La rassegna si tiene dal 14 al 25 maggio, data della cerimonia di chiusura e premiazione in cui vengono consegnati la Palma d'oro al miglior film e tutti gli altri premi del Palmarès.

Presidente di Giuria è il regista messicano Alejandro González Iñárritu. Gli altri membri sono Yorgos Lanthimos, regista greco che ha debuttato con il suo primo film in inglese (The Lobster) proprio sulla Croisette nel 2015; la giovane attrice statunitense Elle Fanning; la statunitense Kelly Reichardt, regista e sceneggiatrice di Certain Women; il polacco Pawel Pawlikowski, Prix de la mise en scène proprio al Festival grazie a Cold War nella passata edizione; l'artista e scrittore francese Enki Bilal; l'attrice africana Maimouna N'Diaye, il francese Robin Campillo, nel 2017 a Cannes Grand Prix Speciale della Giuria, Queer Palm e Premio FIPRESCI con 120 Battiti al Minuto; e per finire la regista e sceneggiatrice italiana Alice Rohrwacher, il cui Lazzaro felice, nel 2018, è stato premiato con il Prix du scénario (in ex-aequo con Three Faces di Jafar Panahi).

A presiedere la giuria di Un Certain Regard è Nadine Labaki, che insieme all’attrice francese Marina Foïs, il regista argentino Lisandro Alonso, il regista belga Lukas Dhont ed il produttore tedesco Nurhan Sekerci-Porst, è chiamata a scegliere tra i 18 film proposti in sezione. Presidente di Giuria per la Caméra d’or è il regista cambogiano Rithy Panh, mentre la regista francese Claire Denis presiede Cinéfondation e la sezione cortometraggi. Film d’apertura, in Concorso, è I Morti non Muoiono (The Dead Don't Die) di Jim Jarmusch, con Bill Murray, Adam Driver, Tilda Swinton, Chloë Sevigny, Steve Buscemi, Danny Glover, Caleb Landry Jones, Rosie Perez, Iggy Pop, Sara Driver, RZA, Selena Gomez, Carol Kane, Austin Butler, Luka Sabbat e Tom Waits, la cui proiezione ufficiale si tiene presso il Grand Théâtre Lumière martedì 13 maggio alle ore 20.

Il poster ufficiale della 72a edizione, ancora una volta affidato alla graphic designer Flore Maquin, è un omaggio ad Agnès Varda, immortalata sul set del suo primo film La Pointe Courte. Il programma della Selezione Ufficiale viene svelato il 18 aprile 2019 a Parigi da Pierre Lescure e Thierry Frémaux.

La Carrosse d’Or di questa edizione, assegnata dalla Société française des réalisateurs, va al maestro John Carpenter. La Palma d’onore è invece conferita ad un attore iconico del cinema francese, ossia Alain Delon, che si aggiunge ad altri illustri colleghi già insigniti del medesimo riconoscimento, ossia Jean-Paul Belmondo e Jean-Pierre Léaud.

L’Italia porta un solo film in Concorso, ossia Il traditore di Marco Bellocchio. Uno pure in Un Certain Regard, tratto da un romanzo di Dino Buzzati, La famosa invasione degli orsi in Sicilia, diretto da Lorenzo Mattotti.

Cannes 2019, The Wild Goose Lake, recensione: elegante thriller cinese dai due volti

A cinque anni da Fuochi d'artificio in pieno giorno, Diao Yinan torna con The Wild Goose Lake. Leggete la nostra... Continua...

Cannes 2019, Jeanne, recensione: Dumont torna sulla figura di Giovanna D'Arco

Dopo il brillante Jeannette, Bruno Dumont torna sulla Patrona di Francia con un piglio meno giocoso ma ancora più... Continua...

Cannes 2019: John Carpenter premiato alla Quinzaine des Réalisateurs parla di potenziali progetti futuri

John Carpenter premiato alla Quinzaine des Réalisateurs per il suo apporto al cinema di genere. Continua...

Cannes 2019, Little Joe, recensione: il rigore di Jessica Hausner incontra la Fantascienza

Ben Whishaw e Emily Beecham protagonisti del film di Jessica Hausner. Leggete la nostra recensione di Little Joe Continua...

Cannes 2019, Zombi Child, recensione: l'horror colto di Bertrand Bonello

Dopo il successo di Nocturama, Bertrand Bonello ritorna con un nuovo film. Leggete la nostra recensione di Zombi Child Continua...

Cannes 2019, Sorry We Missed You, recensione: implicazioni del post-capitalismo senza astrazioni

Un Ken Loach come sempre asciutto e senza esclusioni di colpi rispetto allo status quo ultra-competitivo. Leggete la... Continua...

Dolor y Gloria, la recensione: l'8 e 1/2 di Pedro Almodovar

Antonio Banderas interpreta un regista dal passato glorioso e dal presente incerto in Dolor y Gloria, ultimo film di... Continua...

Cannes 2019, Atlantique, recensione: fiaba contemporanea tra realismo e magia

Mati Diop ambienta in Senegal il suo film d'esordio. Leggete la nostra recensione di Atlantique Continua...

Cannes 2019, Bacurau, recensione: cinema emancipato per un Brasile arrabbiato

Udo Kier, Sonia Braga e Bárbara Colen nel film di Kleber Mendonça Filho e Juliano Dornelles. Leggete la nostra... Continua...

Cannes 2019, Les Misérables, recensione: il mito del buon selvaggio applicato alle banlieue

Tratto dall'omonimo cortometraggio girato dallo stesso regista, ecco l'opera prima di Ladj Ly. Leggete la nostra... Continua...