Voom portraits, fra cinema e ritratto

Si chiamano “Voom portraits” e sono 30 videoritratti realizzati da Bob Wilson che trasmettono imagini di attori e personaggi dello spettacolo in “statico movimento”. Da Brad Pitt a Isabella Rossellini, da Winona Ryder a Johnny Depp, le opere d’arte regalano agli spettatori movimenti impercettibili: un respiro, un sussurro, un battito di ciglia, un passaggio di

di simona

Voom portraits, fra cinema e ritratto

Si chiamano “Voom portraits” e sono 30 videoritratti realizzati da Bob Wilson che trasmettono imagini di attori e personaggi dello spettacolo in “statico movimento”. Da Brad Pitt a Isabella Rossellini, da Winona Ryder a Johnny Depp, le opere d’arte regalano agli spettatori movimenti impercettibili: un respiro, un sussurro, un battito di ciglia, un passaggio di luce.

Saranno in mostra al Festival dei due mondi di Spoleto in programma dal 27 giugno al 13 luglio. Installati su schermi verticali ad alta definizione, i video possono essere visti non solo nei musei, ma anche in metropolitana o sul muro di casa. Perché, secondo l’autore, sono un documento del nostro tempo.

Fonte: Panorama

Voom portraits, fra cinema e ritratto

Voom portraits, fra cinema e ritrattoVoom portraits, fra cinema e ritrattoVoom portraits, fra cinema e ritratto

Voom portraits, fra cinema e ritrattoVoom portraits, fra cinema e ritrattoVoom portraits, fra cinema e ritratto
Voom portraits, fra cinema e ritratto