• Film

Profondo Rosso – DVD

Il prototipo del capolavoro made in Italy. Il thriller per eccellenza. Dario Argento alla massima potenza. Il miglior film degli anni ’70….si potrebbe continuare in questa direzione. Tanti complimenti e consensi di critica e pubblico per questo gioiellino italiano in cui il brivido della suspance si fonde sapientemente con l’ironia e la leggerezza di una

Il prototipo del capolavoro made in Italy. Il thriller per eccellenza. Dario Argento alla massima potenza. Il miglior film degli anni ’70….si potrebbe continuare in questa direzione. Tanti complimenti e consensi di critica e pubblico per questo gioiellino italiano in cui il brivido della suspance si fonde sapientemente con l’ironia e la leggerezza di una tenera simpatia amorosa tra un pianista (il biondino David Hammings, già protagonista di “Blow up” per Antonioni) e una giornalista (la bella Daria Nicolodi), rimasti coinvolti, loro malgrado, in un dramma familiare che neanche lontanamente avrebbero potuto immaginare…Sulla trama si può benissimo sorvolare (anche per non svelare particolari decisivi per la compresione del film); quello che interessa è l’aspetto innovativo-rivoluzionario che Dario Argento ha inserito nel vasto panorama “thriller all’italiana” di quegl’anni.

Il regista raggiunge l’eccellenza con una capacità di ricreare l’atmosfera perversa,la violenza folle che spacca lo schermo,caratterizzando tutti i personaggi in maniera perfetta,tutti sono folli potenziali.Strepitose alcune genialate: il vapore nella vasca, il montaggio frenetico e incalzante delle composizioni di Mark al pianoforte, e soprattutto quello stacco che porta dalle avance della vecchia signora a Mark, alle foto appese nella sua stanza. Da lodare inoltre l’idea di Dario Argento di permettere allo spettatore, la possibilità di individuare l’assassino, fin dall’inizio del film, nella scena del primo omicidio (seppur con moltissima attenzione)… Perfetto!! Musiche e atmosfere inquietanti ormai strafamose ad opera dei Goblin, gruppo sperimentali degli anni’70, in più la terrificante canzoncina infantile che accompagna tutti gli omicidi.
Avvincente, intrigante, bello da rivedere anche a 30 anni dalla sua uscita. Grazie ad Argento il cinema del brivido all’italiana si rivitalizza, purtroppo al giorno d’oggi un grande regista come lui non viene più ben supportato dai produttori ed anche questa una delle cause principali dei suoi recenti flop. Nonostante ciò Dario Argento resterà un grandissimo regista autore di capolavori come lo stesso Profondo rosso, Tenebre o L’Uccello dalle piume di cristallo.
IL DVD: buona la rielaborazione audio dolby digital 5.1 (specialmente per le musiche); immagine quasi sempre pulita e nitida. La sezione extra comprende purtruppo un breve retroscena con interviste allo sceneggiatore e al regista Dario Argento e il trailer. Si poteva fare di più data l’importanza della pellicola. (Infine, esiste anche un’edizione speciale a 2 dischi ad alta definizione dove però è necessario per la visione l’utilizzo di un Pc che supporti il formato Windows Media 9).
Giudizio globale: Buono/Ottimo

Regia di Dario Argento
Con David Hemmings, Daria Nicolodi, Gabriele Lavia, Clara Calamai.
Thriller – Horror – 1975
Argento raggiunge l’eccellenza con una capacità di ricreare l’atmosfera perversa,la violenza folle che spacca lo schermo,caratterizzando tutti i personaggi in maniera perfetta,tutti sono folli potenziali.Strepitose alcune genialate di Agento:il vapore nella vasca e soprattutto quello stacco che porta dalle avance della vecchia signora a Mark, alle foto appese nella sua stanza.

Altre recensioni online. Il DVD.

I Video di Cineblog