• Film

Film 2013-2014: stop al Pinocchio di Guillermo Del Toro – Matched al cinema – Kenneth Branagh per Cenerentola?


– Loomis Fargo: l’atteso via. La Relativity Media ha acquistato i diritti per finanziare, produrre e distribuire Loomis Fargo, action-comedy con Jim Carrey protagonista. Diretto da Jared Hess (Napoleon Dynamite, Nacho Libre), basato su una sceneggiatura originale di Emily Spivey e riscritto da Chris Bowman e Hubbel Palmer, il film darà il via alle riprese ad aprile, in North Carolina. Ispirato a fatti realmente accaduti, Loomis Fargo racconta la storia di un impiegato di banca insoddisfatto, e pronto a giocarsi tutto per l’amore, i soldi e per quella che lui considera la vita dei sogni. Per questo organizza una rapina ad una banca da 20 milioni di dollari, con la collaborazione di una banda di criminali totalmente inesperti. Prodotto da Lorne Michaels e John Goldwyn, Loomis Fargo uscirà nel 2014.

– Cinderella: da Thor a Cenerentola. Perso per strada Mark Romanek, la Disney avrebbe trovato un regista per Cinderella, atteso film in live action sulla celebre principessa. E che regista. Perché a detta di Volture proprio Kenneth Branagh sarebbe ad un passo dall’agognata firma. Attualmente al lavoro su Jack Ryan, sia come director che come villain del film, Branagh potrebbe così dare una forte accelerata all’intera produzione, al momento ferma al ruolo di Cate Blanchett nei panni della matrigna cattiva. A mancare, al momento, è proprio la protagonista, ovvero Cenerentola. Sceneggiato da Aline Brosh McKenna, il film sarà prodotto da Simon Kinberg.


– Matched: ancora un romanzo in sala. Archiviato G.I. Joe 2, Jon M. Chu sarebbe in trattative per dirigere Matched – la Scelta, sci-fi tratto da un libro di Ally Condie, precedentemente associato a David Slade. Secondo l’Hollywood Reporter, proprio Chu sarebbe ora in pole position, per una pellicola prodotta da Adam Shankman e Jennifer Gibgot tramite la loro Offspring Entertainment. Il rapporto tra i 3, ovvero regista e produttori, tornerebbe così di attualità, dopo essersi incrociati ai tempi di Step Up 2: The Streets e Step Up 3D. Michelle e Kieran Mulroney (Sherlock Holmes: A Game of Shadows) hanno scritto la sceneggiatura, per una trama che recita più o meno così: Cassia non ha mai avuto dubbi: la Società sceglierà sempre il meglio per lei. Cosa leggere, cosa amare, in cosa credere. E quando il volto di Xander appare sullo schermo dell’Abbinamento, il sistema che unisce individui geneticamente compatibili per creare coppie perfette. Cassia ne è certa: è lui il suo Promesso, il ragazzo giusto per lei. La sua gioia, tuttavia, non durerà a lungo perché, a causa di un difetto tecnico, il Sistema le mostrerà iI volto di un’altra persona, proprio prima che lo schermo si oscuri: qualcuno che lei conosce bene, Ky Markham. La Società le comunica che si è trattato di un errore, cosa rara in un mondo in cui le sviste non sono ammesse: ma Cassia non può impedirsi di pensare a Ky, d’incontrare il volto del ragazzo in ogni suo sogno, in ogni suo pensiero. E una domanda, la più pericolosa, inizia a farsi strada: e se non fosse lei a essersi sbagliata? Se fosse la Società ad aver commesso un errore? Sarà la coraggiosa poesia di Dylan Thomas, una delle opere proibite dalla Società e ultimo regalo lasciatole da suo nonno, a spronarla e darle la forza per affrontare un potere assoluto e dittatoriale. Quelle poche e semplici parole: “Non andartene docile in quella buona notte. Infuria, infuria contro il morire della luce”, le faranno scoprire cosa voglia dire amare e lottare per la propria libertà e distruggeranno un sistema che sino ad allora si credeva invincibile.

– Pompei: ci siamo. I Cinespace Film Studios Inc. hanno infatti annunciato che i loro impianti di Toronto vedranno sorgere il film Pompei, co-produzione tra la tedesca Constantin Film e la canadese Don Carmody Productions. Diretto da Paul W.S. Anderson, Pompei sarà ambientato nei giorni precedenti all’eruzione del Vesuvio, tanto da ‘costringere’ la produzione ad imponenti scenografie e ad un uso cospicuo degli effetti speciali. Che saranno ‘aiutati’ dall’immancabile 3D. Via alle riprese ad Aprile, per una produzione che non sfiorirà probabilmente neanche casualmente la provincia di Napoli in Campania. Uscita in sala nel 2014.

– Pinocchio: una brutta doccia fredda. Come troppe volte accaduto negli ultimi anni, un altro progetto firmato Guillermo Del Toro sarebbe morto. O forse dovremmo dire ‘finito in pausa’. Parliamo del Pinocchio in stop motion da girare insieme a Gris Grimly. Dopo aver visto concept art e marionette, con tanto di cast vocale praticamente pianificato (Tom Waits doveva essere Geppetto), il film è andato incontro ad un brusco ed inatteso stop. Il motivo? Gli scarsi risultati ottenuti da Frankenweenie in sala. L’idea di una produzione che potrebbe non decollare, tanto da far confessare a Grimly che “sembra che questo non sia il momento giusto per un film di questo tipo“. A salvare Pinocchio, probabilmente, un eventuale Oscar firmato Frankenweenie, con tanto di resurrezione in plastilina.

I Video di Cineblog