Michael Caine compie ottant'anni: sempre meno dei suoi film

In questo stesso giorno di ottant'anni fa nasceva uno degli attori più illustri nella storia del cinema britannico. Parliamo di Sir Maurice Joseph Micklewhite, in arte Michael Caine. Britannico, nato a Londra, classe 1933. Entrato nel mondo del cinema nel 1950, oltre cento e passa film all'attivo, con i registi più disparati: tra cui De Palma, Allen, Lumet, Hamilton, Preminger, Huston, Mankiewicz, Stone, Russell, De Sica, fino ai più recenti Nolan, Cuarón, Verbinski, Branagh e via discorrendo.

Il nostro non è che un modesto omaggio, un minuscolo spazio che intendiamo dedicare al buon vecchio Michael giusto per ricordarlo e ricordarci di lui e dei suoi film. Lista, come già accennato, talmente lunga che ognuno potrebbe avere un gran da fare nell'industriarsi a sceglierne soltanto uno o pochi che siano. Prima di riportarla per intero, insieme a qualche curiosità, di seguito ecco l'intervento del diretto interessato su Twitter quest'oggi.


Elenco dei film interpretati:

  • Morning Departure, regia di Roy Ward Baker (1950) - non accreditato
  • Sailor Beware!, regia di Gordon Parry (1956) - non accreditato
  • Yield to the Night, regia di J. Lee Thompson (1956) - non accreditato
  • I fucilieri dei mari della Cina (A Hill in Korea), regia di Julian Ames (1956)
  • Come uccidere uno zio ricco (How to Murder a Rich Uncle), regia di Nigel Patrick (1957)
  • Destinazione tunisi (The Steel Bayonet), regia di Michael Carreras (1957) - non accreditato
  • La chiave (The Key), regia di Carol Reed (1958) - non accreditato
  • A Woman of Mystery, regia di Ernest Morris (1958) - non accreditato
  • Scuola di spie (Carve Her Name with Pride), regia di Lewis Gilbert (1958) - non accreditato
  • Blind Spot, regia di Peter Maxwell (1958)
  • I due volti del Generale Ombra (The Two-Headed Spy), regia di André De Toth (1958)
  • Passaporto per l'inferno (Passport to Shame), regia di Alvin Rakoff (1958) - non accreditato
  • Danger Within, regia di Don Chaffey (1959) - non accreditato
  • Foxhole in Cairo, regia di John Llewellyn Moxey (1960)
  • Marinai, donne e Hawaii (The Bulldog Breed), regia di Robert Asher (1960) - non accreditato
  • ...e la Terra prese fuoco (The Day the Earth Caught Fire), regia di Val Guest (1961) - non accreditato
  • Solo for Sparrow, regia di Gordon Flemyng (1962)
  • Il braccio sbagliato della legge (The Wrong Arm of the Law), regia di Cliff Owen (1963) - non accreditato
  • Zulu, regia di Cy Endfield (1964)
  • Ipcress (The Ipcress File), regia di Sidney J. Furie (1965)
  • Alfie, regia di Lewis Gilbert (1966)
  • Gambit - Grande furto al Semiramis (Gambit), regia di Ronald Neame (1966)
  • La cassa sbagliata (The Wrong Box), regia di Bryan Forbes (1966)
  • Funerale a Berlino (Funeral in Berlin), regia di Guy Hamilton (1966)
  • E venne la notte (Hurry Sundown), regia di Otto Preminger (1967)
  • Sette volte donna (Woman Times Seven), regia di Vittorio De Sica (1967)
  • Il cervello da un miliardo di dollari (Billion Dollar Brain), regia di Ken Russell (1967)
  • I sette senza gloria (Play Dirty), regia di André De Toth (1968)
  • Passo falso (Deadfall), regia di Bryan Forbes (1968)
  • Gioco perverso (The Magus), regia di Guy Green (1968)
  • I lunghi giorni delle aquile (Battle of Britain), regia di Guy Hamilton (1969)
  • Un colpo all'italiana (The Italian Job), regia di Peter Collinson (1969)
  • Non è più tempo d'eroi (Too Late the Hero), regia di Robert Aldrich (1970)
  • L'ultima valle (The last valley), regia di James Clavell (1970)
  • Carter (Get Carter), regia di Mike Hodges (1971)
  • Il ribelle di Scozia (Kidnapped), regia di Delbert Mann (1971)
  • X, Y & Zi (Zee and Co.), regia di Brian G. Hutton (1972)
  • Colpiscono senza pietà (Pulp), regia di Mike Hodges (1972)
  • Gli insospettabili (Sleuth), regia di Joseph L. Mankiewicz (1972)
  • Il caso Drabble (The Black Windmill), regia di Don Siegel (1974)
  • Contratto marsigliese (The Marseille Contract aka What Are Friends for?), regia di Robert Parrish (1974)
  • Una valigia piena di dollari (Peeper), regia di Peter Hyams (1975)
  • Il seme dell'odio (The Wilby Conspiracy), regia di Ralph Nelson (1975)
  • Una romantica donna inglese (The Romantic Englishwoman), regia di Joseph Losey (1975)
  • L'uomo che volle farsi re (The Man Who Would Be King), regia di John Huston (1975)
  • Balordi & Co. – Società per losche azioni capitale interamente rubato $ 1 000 000 (Harry and Walter Go to New York), regia di
  • Mark Rydell (1976)
  • La notte dell'aquila (The Eagle Has Landed), regia di John Sturges (1976)
  • Quell'ultimo ponte (A Bridge Too Far), regia di Richard Attenborough (1977)
  • Uomini d'argento (Silver Bears), regia di Ivan Passer (1978)
  • Swarm (The Swarm), regia di Irwin Allen (1978)
  • California Suite, regia di Herbert Ross (1978)
  • Ashanti, regia di Richard Fleischer (1979)
  • L'inferno sommerso (Beyond the Poseidon Adventure), regia di Irwin Allen (1979)
  • Vestito per uccidere (Dressed to Kill), regia di Brian De Palma (1980)
  • L'isola (The Island), regia di Michael Ritchie (1980)
  • La mano (The Hand), regia di Oliver Stone (1981)
  • Fuga per la vittoria (Escape to Victory), regia di John Huston (1981)
  • Trappola mortale (Deathtrap), regia di Sidney Lumet (1982)
  • Rita, Rita, Rita (Educating Rita), regia di Lewis Gilbert (1983)
  • Il console onorario (The Honorary Consul), regia di John Mackenzie (1983)
  • Quel giorno a Rio (Blame it on Rio), regia di Stanley Donen (1984)
  • Triplo gioco (The Jigsaw Man), regia di Terence Young (1984)
  • Acqua in bocca (Water), regia di Dick Clement (1985)
  • Il ritorno delle aquile (The Holcroft Covenant), regia di John Frankenheimer (1985)
  • Hannah e le sue sorelle (Hannah and Her Sisters), regia di Woody Allen (1986)
  • Mona Lisa, regia di Neil Jordan (1986)
  • Investigazione letale (The Whistle Blower), regia di Simon Langton (1986)
  • Mistery (Half Moon Street), regia di Bob Swaim (1986)
  • Sweet Liberty - La dolce indipendenza (Sweet Liberty), regia di Alan Alda (1986)
  • Lo squalo 4 - La vendetta (Jaws: The Revenge), regia di Joseph Sargent (1987)
  • Il quarto protocollo (The Fourth Protocol), regia di John Mackenzie (1987)
  • Mi arrendo... e i soldi? (Surrender), regia di Jerry Belson (1987)
  • Due figli di... (Dirty Rotten Scoundrels), regia di Frank Oz (1988)
  • Senza indizio (Without a Clue), regia di Thom Eberhardt (1988)
  • Doppia coppia all'otto di picche (Bullseye!), regia di Michael Winner (1990)
  • Mr. Destiny, regia di James Orr (1990)
  • Come far carriera molto... disonestamente (A Shock to the System), regia di Jan Egleson (1990)
  • Rumori fuori scena (Noises Off...), regia di Peter Bogdanovich (1992)
  • Ghiaccio Blu (Blue Ice), regia di Russell Mulcahy (1992)
  • Festa in casa Muppet (The Muppet Christmas Carol), regia di Brian Henson (1992)
  • Sfida tra i ghiacci (On Deadly Ground), regia di Steven Seagal (1994)
  • Then There Were Giants, regia di Joseph Sargent (1994)
  • All'inseguimento della morte rossa (Bullet to Beijing), regia di George Mihalka (1995)
  • Blood and Wine, regia di Bob Rafelson (1996)
  • Intrigo a San Pietroburgo (Midnight in Saint Petersburg), regia di Douglas Jackson (1996)
  • Zona d'ombra (Shadow Run), regia di Geoffrey Reeve (1998)
  • Little Voice - È nata una stella (Little Voice), regia di Mark Herman (1998)
  • Amori e ripicche (Curtain Call), regia di Peter Yates (1999)
  • Le regole della casa del sidro (The Cider House Rules), regia di Lasse Hallström (1999)
  • The Debtors, regia di Evi Quaid (1999)
  • Quills - La penna dello scandalo (Quills), regia di Philip Kaufman (2000)
  • Miss Detective (Miss Congeniality), regia di Donald Petrie (2000)
  • La vendetta di Carter (Get Carter), regia di Stephen T. Kay (2000)
  • Shiner, regia di John Irvin (2000)
  • L'ultimo bicchiere (Last Orders), regia di Fred Schepisi (2001)
  • The Quiet American, regia di Phillip Noyce (2002)
  • Austin Powers in Goldmember, regia di Jay Roach (2002)
  • Quicksand - Accusato di omicidio, regia di John Mackenzie (2003)
  • Actors (The Actors), regia di Conor McPherson (2003)
  • Secondhand Lions, regia di Tim McCanlies (2003)
  • The Statement - La sentenza (The Statement), regia di Norman Jewison (2003)
  • Dietro l'angolo (Around the Bend), regia di Jordan Roberts (2004)
  • Batman Begins, regia di Christopher Nolan (2005)
  • The Weather Man - L'uomo delle previsioni (The Weather Man), regia di Gore Verbinski (2005)
  • Vita da strega (Bewitched), regia di Nora Ephron (2005)
  • I figli degli uomini (Children of Men), regia di Alfonso Cuarón (2006)
  • The Prestige, regia di Christopher Nolan (2006)
  • Un colpo perfetto (Flawless), regia di Michael Radford (2007)
  • Sleuth - Gli insospettabili (Sleuth), regia di Kenneth Branagh (2007)
  • Il cavaliere oscuro (The Dark Knight), regia di Christopher Nolan (2008)
  • Is Anybody There?, regia di John Crowley (2008)
  • Harry Brown, regia di Daniel Barber (2009)
  • Inception, regia di Christopher Nolan (2010)
  • Viaggio nell'Isola Misteriosa (Journey 2: The Mysterious Island), regia di Brad Peyton (2012)
  • Il cavaliere oscuro - Il ritorno (The Dark Knight Rises), regia di Christopher Nolan (2012)
  • Now You See Me, regia di Louis Leterrier (2013)

Ecco alcune sue citazioni (via IMDB):

Appaio in così tanti film delle due di notte in TV, che la gente crede che io sia morto.

La miglior ricerca [per interpretare un ubriacone] è quella di essere un attore britannico per vent'anni.

Per prima cosa, scelgo grandi ruoli. Se nessuno di questi arriva, allora scelgo quelli mediocri. Se non arrivano nemmeno questi, scelgo quelli che mi pagano l'affitto.

La differenza tra una star ed un attore è questa: una star dirà, «Come posso modificare la sceneggiatura affinché mi calzi a pennello?», mentre un attore dirà, «Come posso modificare me stesso affinché calzi a pennello con la sceneggiatura?».

Il consiglio più utile che abbia mai ricevuto riguardo alla recitazione venne dal mio amico John Wayne. Parla piano, parla lentamente e non dire troppo.

Starò sempre a galla perché sono un professionista esperto. Che io abbia talento o meno non ha alcuna rilevanza in tal senso.

Otto Preminger è felice solo se tutti gli altri sono dei miserabili. Eppure, se riuscite a tenere a distanza la sua paranoia, senza farvi scoraggiare da essa, potreste imparare un sacco da quest'uomo.

Vecchio? Ho smesso di invecchiare a trentotto anni... tranne quanto mi dicono "corri per quelle scale".

Non do mai consigli ai giovani attori. Questo perché quando avevo la loro età chiedevo consigli a mia volta agli attori più anziani, e l'unico che mi veniva dato era "lascia perdere".

Che altro aggiungere, prima di congedarci, se non una breve ma sentita licenza personale? Chi vi scrive coltiva una particolare stima per Michael Caine, che viene da lontano, quando incappai in maniera come sempre casuale in uno dei suoi film migliori, ossia Alfie. Era il 1966, e la pellicola di Lewis Gilbert (noto per aver diretto tre 007) si aggiudicò l'Oscar per il miglior film. Fu questa una tappa fondamentale ai fini del percorso dell'attore britannico, che da quel momento fu, per così dire, definitivamente "sdoganato".

Michael Caine stesso, a riguardo, affermerà di aver ottenuto tutto ciò di cui aveva bisogno per diventare una star del cinema grazie proprio ad Alfie. In realtà, comunque, parecchie sono le interpretazioni che potrei e forse sarei pure tenuto a citare. Ma poiché questo è il mio piccolo, contenuto spazio commemorativo, mi limiterò a poco altro. Tra i film non più recenti, come non citare Get Carter (1971)? Crime movie dallo stile implicitamente ricercato, come lo fu buona parte di ciò che fu prodotto negli anni '70 in terra d'Albione, e che successivamente s'impose come pellicola di culto.

Non meno rilevante, anche se per altri motivi, l'interessante esperimento di John Huston con il celebre Fuga per la Vittoria (1982), in cui Caine interpretò Colby, capitano di quella stravagante formazione che riuniva sotto la stessa bandiera gente come Sylvester Stallone da un lato e Pelé dall'altro. Per tornare drasticamente ai giorni nostri, qualunque attore interpreterà Alfred in un prossimo Batman avrà davvero tanto da lavorare per superare l'immagine che di questo personaggio ci ha fornito proprio Caine.

Per concludere, non siamo certo i primi ad evidenziare una certa affinità tra il festeggiato e Jude Law. Paragone probabilmente indotto da pellicole come Alfie e Sleuth, certo, i cui remake hanno visto quest'ultimo negli stessi panni vestiti da Caine nei rispettivi originali. In generale, però, quell'aria da consumato dongiovanni, quel sorriso beffardo, quell'intrinseca raffinatezza, sono solo alcune delle caratteristiche che più accomunano i due attori. Il tutto senza scomodare logiche prettamente attoriali, per cui il discorso da approntare meriterebbe un approfondimento a parte. Tuttavia, da quando abbiamo maturato questo filo conduttore, per quanto sottile, l'idea non ci ha ancora abbandonato.

Auguroni, Michael!

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: