Giorno 2 a Venezia 2009: Valhalla Rising – Lourdes – Francesca

Valhalla Rising – di Nicolas Winding Refn (Fuori concorso) Il potentissimo guerriero One-Eye è stato tenuto prigioniero per molti anni. Grazie all’aiuto di Are, un ragazzino dal quale non si dividerà più nel corso delle successive peripezie, One-Eye si libera del suo sequestratore, il capitano Barde. Ma durante il viaggio su una nave vichinga, la

valhalla rising foto film

Valhalla Rising – di Nicolas Winding Refn (Fuori concorso)
Il potentissimo guerriero One-Eye è stato tenuto prigioniero per molti anni. Grazie all’aiuto di Are, un ragazzino dal quale non si dividerà più nel corso delle successive peripezie, One-Eye si libera del suo sequestratore, il capitano Barde. Ma durante il viaggio su una nave vichinga, la nebbia avvolge i personaggi, e la destinazione è una terra sconosciuta che potrebbe essere l’inferno…

Il regista della trilogia Pusher porta a Venezia quello che, in patria e in Internet, è già un cult. I motivi sono palesi sin da subito: Valhalla Rising è un film crudo, sporco, con un sonoro che fa sentire fisicamente i colpi e le botte, le ossa che si spezzano e il sangue che sprizza a fiotti. Ma è anche un film che si prende i suoi tempi, e al quale non mancano lunghi silenzi (e di dialoghi, in realtà, ce ne sono anche pochi).

Diviso in sei parti diversamente denominate, duro e allo stesso tempo “mistico”, Valhalla Rising piacerà con ogni probabilità ai fan del genere e a chi aspettava da un bel po’ il film, senza alcuna delusione. Gli altri potrebbero rimanere perplessi o turbati. Al di là di tutto, c’è da sottolineare la presenza di Mads Mikkelsen: un guerriero muto e solitario, con il quale lo spettatore deve scoprire la vera identità. Qui il trailer.

Jessica Hausner LOURDES foto film

Lourdes – di Jessica Hausner (Concorso)
Christine, paralizzata a vita, si ritrova a Lourdes perché ormai non ha più alcuna speranza. Il desiderio di poter vivere una vita “normale” è forte, e l’impotenza della sua situazione costante. Attorno a lei altre decine di persona che aspettano un miracolo, un segno che possa cambiare la loro vita per sempre. E intanto Christine conosce l’amore per un volontario dell’Ordine di Malta. Finché un giorno la donna non si alza dalla sedia a rotelle…

A raccontarlo così, si potrebbe pensare tutt’altra cosa da quella che è. E invece Lourdes è un film a suo modo sorprendente, lontano dall’idea drammatica e pesante che in molti si erano fatti prima di entrare in sala. La prima cosa che si nota è il rigore stilistico della Hausner, che dà un ordine quasi simmetrico alle inquadrature e organizza nei dettagli ciò che deve riprendere.

Nel descrivere la vita a Lourdes, tra volonari, riti religiosi, preghiere e quant’altro, la Hausner si rivela poi intelligente nell’usare pochi elementi per narrarci di speranze, amori e invidie. E lo fa con una costante ironia di fondo che non irrita mai e che scaturisce direttamente dall’ordine stesso del film. Ci si interroga sul senso delle cose, sul perché degli avvenimenti, forse sull’esistenza dei miracoli: e nessuno riesce a dare una risposta, ed è l’unica verità. Grande applauso finale in Sala Darsena e risate per alcuni notevoli situazioni, come una barzelletta su Gesù e Maria ed un “premio al miglior pellegrino” assegnato proprio alla miracolata protagonista.

Bobby Paunescu - FRANCESCA FILM- foto

Francesca – di Bobby Paunescu (Orizzonti)
Francesca, maestra d’asilo che sogna di trasferirsi dalla Romania all’Italia per trovare un lavoro sicuro e un posto nel mondo assieme all’amato compagno Mita, sta finalmente per partire. Ha trovato un lavoro e un tetto sopra la testa. Nonostante alcuni familiari non condividano la sua scelta, la ragazza ha già deciso. Ma Mita ha dei conti in sospeso, che potrebbero anche mettere a repentaglio il loro futuro.

Il film che apre ufficialmente Orizzonti è sì un racconto di una (tentata) emigrazione, ma è anche, a detta del regista, un film che è specchio del nostro mondo, violento, aggressivo e insicuro. Parte come una commedia, lanciando verso il pubblico italiano battute sulla Mussolini e sul sindaco di Verona (applaudite dagli accreditati), poi l’alterna col dramma, focalizzandosi sulle difficoltà di Francesca nei preparativi per la sua partenza e sui casini combinati da Mita.

Al suo esordio al lungometraggio, Bobby Paunescu vuole parlare della crisi d’idendità dei paesi ex-comunisti, indirettamente anche dell’Italia, dei pregiudizi, degli affetti indispensabili e tanto altro. Ma racconta una storia già vista senza troppa energia, concludendo in modo drammatico il film ma non lasciando il segno.

Ultime notizie su Festival di Venezia

Tutto su Festival di Venezia →