Stasera in tv: Il segreto dei suoi occhi su Rai 1

Rai 1 stasera propone "Il segreto dei suoi occhi", dramma argentino del 2009 diretto da Juan Josè Campanella (Il figlio della sposa) e interpretato da Ricardo Darín, Soledad Villamil, Pablo Rago, Javier Godino e Bárbara Palladino.

[Per visionare il trailer clicca sull'immagine in alto]

 

Cast e personaggi


Ricardo Darín: Benjamín Esposito
Soledad Villamil: Irene Menéndez Hastings
Pablo Rago: Ricardo Morales
Javier Godino: Isidoro Gómez
Bárbara Palladino: Chica Piropo
Guillermo Francella: Pablo Sandoval
José Luis Gioia: Ispettore Báez
Carla Quevedo: Liliana Colotto
Rudy Romano: Dott. Ordonez
Alejandro Abelenda: Pinche Mariano
Oscar Sanchez: Notaio
Mariano Argento: Romano
Juan José Ortiz: Ag. Cardozo

Doppiatori italiani

Paolo Marchese: Benjamín Esposito
Cinzia Villari: Irene Menéndez Hastings
Vittorio De Angelis: Ricardo Morales
Oliviero Dinelli: Pablo Sandoval
Franco Zucca: Ispettore Báez
Luigi La Monica: Dott. Ordonez
David Chevalier: Pinche Mariano
Gianluca Machelli: Notaio
Angelo Nicotra: Romano
Luigi Scribani: Ag. Cardozo

 

La trama


 

Per venticinque anni un caso di omicidio è rimasto impresso indelebilmente nella mente di Benjamín Espósito (Ricardo Darin). Andato in pensione, decide di ripensare a quella storia per ripercorrere un passato pieno d’amore, di morte e d’amicizia. Ma quei ricordi, una volta liberati e scandagliati ossessivamente, cambieranno la sua visione del passato. E riscriveranno il suo futuro.

 

Il nostro commento


 

Il film di Juan Josè Campanella pur avendo al suo interno alcuni stilemi tipici del thriller non ha nulla di sorprendente ne tantomeno spiazzante, quello che sorprende è la sua solidità e uno spessore visivo che ricorda film d'altri tempi con attori carismatici, uno script solido, e un finale da manuale. Il film fruisce di una messinscena a suo modo convenzionale nel miscelare con dovizia e in maniera impeccabile diversi generi, passando dal melò al poliziesco, non disdegnando suggestioni noir e scene forti, che però sono perfettamente incorniciate all'interno di una messinscena capace di una eleganza stilistica mai compiaciuta. Campanella sfodera una regia asciutta, ma capace di inattesi guizzi e grazie ad un montaggio puntuale le transizioni da flashback sono perfettamente integrate all'interno della narrazione e non rischiano di spezzettare il racconto che resta perfettamente omogeneo. Senza dubbio Il segreto dei suoi occhi è un film da Oscar, ineccepibile nel mettere su schermo tutto il necessario per due ore di grande cinema.

 

 

 

Curiosità




  •  Questo è il secondo film diretto da Juan José Campanella a ricevere una nomination all'Oscar. Il primo è stato Il figlio della sposa.

  • Il film ha vinto 2 Premi Goya 2010 (su 9 candidature): Miglior film straniero in lingua spagnola e Migliore attrice rivelazione (Soledad Villamil)

  • Nel 2010 è diventato il secondo film argentino a vincere un Oscar per il miglior film straniero. Il primo è stato La storia ufficiale (1985).

  • Questo è stato il primo film argentino distribuito in Blu-ray.

  • Guillermo Francella (che in Argentina è un noto attore comico) ha dovuto radersi i baffi che portava da oltre 20 anni su richiesta del regista Juan José Campanella.

  • La squadra di calcio che vediamo segnare un gol nella scena dello stadio si chiama Racing Club. Guillermo Francella, che interpreta Pablo Sandoval nel film, è un grande tifoso di questo club. Anche il regista Juan José Campanella è un tifoso dei Racing, mentre Eduardo Sacheri, uno degli sceneggiatori nonché autore del romanzo su cui si basa questo film tifa invece per i loro rivali, la squadra dell'Independiente.

  • Quando Pablo Sandoval nella scena del pub spiega le "passioni" dei personaggi principali, paragona Irene con Susanita quando parla della sua ossessione per il matrimonio. Susanita è un personaggio del famoso fumetto argentino Mafalda disegnato da Quino. Susanita è una ragazzina bionda che frequenta la scuola elementare, che parla sempre del suo futuro bel marito e del suo futuro e bellissimo matrimonio, naturalmente questo quando non è impegnata spettegolare sui matrimoni altrui.

  • Quando Benjamín Esposito e Irene Menéndez Hastings vanno a confrontarsi con l'ambiguo ufficiale governativo che ha rilasciato l'assassino, l'ufficiale si vanta dei suoi poteri e pone l'accento sulle differenze tra Benjamín e Irene ricordando i loro cognomi: Irene è una Hastings (sono "signori feudali" nella remota provincia di Jujuy) mentre Benjamín è invece un "Esposito" cognome che in italiano è assimilabile ad "orfano". In spagnolo la parola "expósito", che ha quasi lo stesso suono di Esposito, significa anche "trovatello".

  • Il film ha fruito di un remake americano del 2015 diretto da Billy Ray e interpretato da Chiwetel Ejiofor, Nicole Kidman e Julia Roberts.


 

La colonna sonora




  • Le musiche del film sono state scritte a quattro mani dai compositori argentini Federico Jusid (La verità nascosta) ed Emilio Kauderer, quest'ultimo aveva già collaborato con il regista Juan Josè Campanella nel 1999, musicando per lui la commedia romantica El mismo amor, la misma lluvia.


 

TRACK LISTINGS:

01. Piano ST
02. Escena del Crimen
03. Cancha Grandio
04. Estación Retiro
05. La Duda
06. La Confesión
07. Irene
08. Liliana
09. Morales
10. Requiem

 

 

[Per guardare il video clicca sull'immagine in alto]

 

 

  • shares
  • Mail