Filippo Timi diviso sullo schermo fra Renato Vallanzasca e Fred Buscaglione

Filippo Timi

Ha terminato da poco le riprese del thriller A Very Private Gentleman, in cui lo vedremo accanto a George Clooney; è appena tornato da Bochum (Germania), dove lo scorso 12 dicembre si è svolta la cerimonia di premiazione degli European Film Academy Awards, che lo vedevano candidato come miglior attore per il suo doppio ruolo in Vincere; sta per tornare a calcare le scene teatrali con Il popolo non ha il pane? Diamogli le brioche da lui scritto, diretto ed interpretato...Filippo Timi è davvero impegnatissimo! Ad aggiungere nuovi impegni sulla sua agenda ci hanno pensato Michele Placido e Davide Ferrario, che lo hanno voluto - rispettivamente - per Il fiore del male ed il biopic televisivo Che Bambola!, dedicato all'indimenticabile Fred Buscaglione nel cinquantenario della morte.

Nella pellicola di Placido, che porterà in scena la storia dell’ex bandito Renato Vallanzasca, Kim Rossi Stuart vestirà i panni del bel Renè. Accanto a lui ed a Timi, ci saranno Valeria Solarino, Paz Vega, e Francesco Scianna. Le riprese prenderanno l'avvio l'11 gennaio a Milano (se qualcuno si imbattesse nel set, ci mandi le foto!). Il film, che dovrebbe arrivare sugli schermi ad ottobre (dopo un passaggio a Venezia, magari?) è tratto dall’omonimo libro Il fiore del male (che è stato presentato la scorsa settimana al Courmayeur Noir in Festival) scritto a quattro mani dal giornalista Carlo Bonini e dallo stesso Vallanzasca, autore negli anni ’70 di numerose rapine, sequestri, omicidi ed evasioni dal carcere; per i quali sta scontando una condanna complessiva a quattro ergastoli e 260 anni di reclusione.

In Che Bambola! miniserie televisiva in due puntate diretta da Ferrario e prodotta da Rai Fiction, in collaborazione con la Ciao Ragazzi di Claudia Mori, Filippo Timi potrebbe invece vestire i panni di Fred Buscaglione, cantautore italiano precursore del genere della ‘canzone-cabaret’ e celebre per il suo atteggiamento da spaccone latin lover che fece impazzire l’Italia. "Non si tratterà - sottolinea il regista - di una semplice biografia romanzata"; e sullo sfondo si staglierà la Torino degli Anni ‘40 e ‘50. "Sarei felicissimo di poter interpretare un mito come Buscaglione" ha dichiarato Timi, "a sei anni mi vestivo come lui per imitarlo".

Fonte: LiberoNews e La Stampa

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: