An Education: Recensione in Anteprima

An Education (Gran Bretagna, 2009) di Lone Scherfig; con Peter Sarsgaard, Carey Mulligan, Alfred Molina, Dominic Cooper, Rosamund Pike, Olivia Williams, Emma Thompson, Cara Seymour, Matthew Beard, Sally Hawkins, Amanda Fairbank-Hynes, Ellie Kendrick, William Melling, Connor Catchpole. E’ nata ufficialmente una stella. An Education, visto lo scorso anno al Sundance, a Berlino, a Londra e

An Education (Gran Bretagna, 2009) di Lone Scherfig; con Peter Sarsgaard, Carey Mulligan, Alfred Molina, Dominic Cooper, Rosamund Pike, Olivia Williams, Emma Thompson, Cara Seymour, Matthew Beard, Sally Hawkins, Amanda Fairbank-Hynes, Ellie Kendrick, William Melling, Connor Catchpole.

E’ nata ufficialmente una stella. An Education, visto lo scorso anno al Sundance, a Berlino, a Londra e a Toronto, ma in uscita solo adesso, verrà ricordato negli anni a seguire non solo perchè un gran bel film, ma anche, se non soprattutto, perchè capace di lanciare il mostruoso ed evidente talento di Carey Mulligan, da molti già ribattezzata la “nuova Audrey Hepburn”. Vista in Orgoglio e pregiudizio, la 24enne inglese sorprende e lascia di sasso con la sua incredibile interpretazione, nei panni di una sedicenne inglese negli anni del ‘nulla esistenziale’ britannico, ovvero prima del 68 e della rivoluzione economica che travolse anche l’Inghilterra.

Basato sulle memorie autobiografiche della giornalista Lynn Barber, sceneggiato da Nick Hornby, ovvero il “padre” di Alta Fedeltà ed About a Boy, An Education rappresenta esattamente il meglio che il cinema inglese riesce a fare oramai da anni. Riportandoci indietro nel tempo, in una sorta di ‘limbo’ comportamentale che si collocava esattamente a metà tra il dopoguerra puritano e gli anni rivoluzionari dell’anticonformismo, Lone Scherfig, colpisce nel segno grazie ad una storia ‘educativa’ ed esistenziale, aiutata da un cast talmente affiatato e sorprendente da meritare una nomination ‘globale’ agli Oscar.

Jenny è una ragazzina al culmine dei suoi 16 anni, intelligente e studiosa, completamente concentrata sull’obiettivo di essere ammessa a Oxford, per via anche dei duri ed apprensivi genitori, che poggiano la loro intera esistenza sul futuro della loro unica figlia. Quando però incontra il trentenne David, un uomo affascinante, culturalmente intrigante, apparentemente borghese e dai bei modi, Jenny perde completamente la testa, tanto da far cadere improvvisamente Oxford dalle priorità impellenti. Imboccata ai piaceri della vita, al divertimento e ad un mondo, quello adulto, che da tempo sognava di vivere sulla propria pelle, Jenny si scopre dal giorno alla notte una giovane donna innamorata, pronta ad abbandonare la propria strada e i propri progetti per seguire l’istinto e la passione sentimentale, capace di offuscarla completamente…

Dare vita ad un film partendo da appena 12 pagine. Tanto aveva scritto la giornalista Lynn Barber nella sua minuta autobiografia, fatta di accenni sul suo primo incredibile amore, mai dimenticato. Prese carte e penna, Nick Hornby da quelle 12 pagine ha tirato fuori una sceneggiatura intelligente, affascinante, pronta a buttare sul ring due storici contendenti come “il divertimento” e “l’educazione”. La rigidità delle regole contro la frivolezza. La bella vita vs. una vita fatta di studio, fatica e lavoro. Ponendo la giovane protagonista dinanzi a questo epocale bivio, Hornby e la regista Scherfig dipingono sulla loro tavolozza un’Inghilterra troppo spesso dimenticata e poco raccontata. L’Inghilterra del 1961, ancora impreparata al cambiamento, fatta di famiglie che continuavano a condurre una vita austera e parsimoniosa, preoccupandosi continuamente degli stravolgimenti sociali e morali.

Jenny, sedicenne incuriosita dalla cultura francese, vista con spavento dal severo padre, è come soffocata dall’ambiente famigliare e dalle rigide regole scolastiche, tanto da vedere nell’ultra trentenne David una via di fuga, un esplosione di colori nel proprio mondo monocolore, fatto di scuola, musica e casa. Le sue feste, i suoi amici, i suoi soldi, i suoi modi gentili, la sua esplosiva vitalità ed il suo fascino la conquistano completamente, tanto da portarla a prendere decisioni impensabili fino a poco tempo prima.

Facendo estrema attenzione alle austere ambientazioni dell’epoca, ai vestiti e alla camaleontica ed umorale fotografia, pronta a cambiare colore in base all’emotività della giovane protagonista, An Education vola altissimo grazie alle prove recitative di tutti i protagonisti, guidati dalla sorprendente Carey Mulligan, 24enne credibile nei panni di una minorenne. La sua ragazzina dubbiosa, assetata di sapere e di ‘vissuto’, innamorata della Francia e pronta a trasgredire le ferree regole di un tempo colpisce nel segno, tanto da farle meritare almeno una candidatura all’Oscar come Migliore Attrice Protagonista, se non addirittura la statuetta stessa. Al suo fianco un misterioso, affascinante, infantile, perverso e subdolo Peter Sarsgaard, mai bravo come in questo caso, senza dimenticare il duro e al tempo stesso tenero padre, Alfred Molina, la depressa madre, Cara Seymour, il sorprendente ‘dandy’ Dominic Cooper, l’incredibilmente stupida Rosamund Pike, l’insegnante alla “Attimo Fuggente” Olivia Williams e la Preside tutta d’un pezzo e fermamente cattolica Emma Thompson. Tutti insieme, aiutati da uno script incalzante e da una regia mai banale, trascinano la pellicola fino al ‘povero’ e probabilmente deludente finale.

Ciò che ne resta è un film godibilissimo, pronto a lanciare ufficialmente una stella: Carey Mulligan. Ne risentiremo parlare, come di questo film, statene certi.

Uscita in sala: 5 febbraio

Voto Federico: 7+
Voto Gabriele: 6

I Video di Cineblog

Ultime notizie su Film Europei

Tutto su Film Europei →