Quando i cantanti fanno gli attori: i migliori e i peggiori secondo Cineblog

Il mondo dello spettacolo è sempre stato costellato di cantanti che hanno voluto tentare la strada del cinema (Christina Aguilera, prossima al debutto sugli schermi con Burlesque, è solo il caso più recente) e di attori che si sono voluti cimentare nel canto. Alcuni con risultati alquanto deludenti, altri invece con successo, riuscendo perfino a

di simona

Il mondo dello spettacolo è sempre stato costellato di cantanti che hanno voluto tentare la strada del cinema (Christina Aguilera, prossima al debutto sugli schermi con Burlesque, è solo il caso più recente) e di attori che si sono voluti cimentare nel canto. Alcuni con risultati alquanto deludenti, altri invece con successo, riuscendo perfino a portarsi a casa un premio Oscar.

Senza andare a scomodare “mostri sacri” come Frank Sinatra (un Oscar per Da Qui all’Eternità, una nomination per L’uomo dal braccio d’oro); le prime a venirmi in mente sono Liza Minnelli (Oscar per Cabaret, nomination per Pookie); Barbra Streisand (una statuetta per Funny Girl, nomination per L’amore ha Due Facce, Il Principe delle Maree, Come Eravamo); e Cher (Oscar per Stregata dalla Luna, nomination per Silkwood, migliore attrice a Cannes per Mask-Dietro la maschera).

Fra quanti hanno dimostrato di avere la stoffa dell’attore di razza (anche se purtroppo non abbiamo avuto occasione di vederlo molto spesso sugli schermi) c’è senz’altro il Duca Bianco, David Bowie. E poi: Mark Wahlberg (anche se probabilmente siamo in pochi a ricordarcelo quando, prima che approdasse al cinema, faceva il rapper con lo pseudonimo di Marky Mark ed era conosciuto più che altro come “il fratello di Donnie dei New Kids on the Block“); Jared Leto, che porta avanti simultaneamente la propria carriera di attore e quella di front man dei 30 Seconds to Mars; e Justin Timberlake, che ha stupito tutti con una straordinaria performance attoriale in Alpha Dog. Personalmente apprezzo molto anche Queen Latifha, purtroppo troppo spesso relegata a ruoli marginali o a produzioni di basso profilo. Update – Ebbene sì, chiedo venia, mi sono dimenticata di Will Smith, arrivato al successo come rapper con il nick name di the Fresh Prince (in coppia con DJ Jazzy Jeff ); e sulla cresta dell’onda come attore da quasi un ventennio.

Quando i cantanti fanno gli attori: i migliori e i peggiori secondo Cineblog


Madonna – che di recente si è messa in gioco anche come regista – ha alternato grandi successi a flop colossali (chi scrive è fra quanti difendono la sua interpretazione della First Lady argentina in Evita); Jennifer Lopez sta sperimentando tutti i generi: dal dramma, alla commedia, all’horror, nella speranza di trovare un ruolo che le si addica veramente; Meat Loaf ha avuto la gran fortuna di far parte del cast di due pellicole di culto come The Rocky Horror Picture Show e Fight Club; Beyoncè ci sa fare ed ha un ampio margine di miglioramento; Eminem ci ha convinti in 8 Miles…ma era facile, praticamente interpretava sè stesso. Mariah Carey e Britney Spears verranno invece ricordate per due dei tonfi cinematografici più terrificanti degli ultimi anni: mi ero perfino dimenticata che Glitter e Crossroads fossero mai stati girati.

Abbiamo lasciato fuori qualcuno? Siete d’accordo con i nostri giudizi oppure no? Lo spazio dei commenti è a vostra disposizione, stilate le vostre classifiche!