• Film

Whoopi Goldberg torna ad essere Deloris Van Cartier, ma solo a teatro

Uno dei veri misteri di Hollywood. In tempi in cui remake, reboot e sequel arrivano in sala alla velocità della luce, il perché nessuno abbia mai pensato ad un 3° capitolo di Sister Act lascia di sasso. 19 anni dopo il boom del primo capitolo, capace d’incassare 231 milioni di dollari in tutto il mondo,



Uno dei veri misteri di Hollywood. In tempi in cui remake, reboot e sequel arrivano in sala alla velocità della luce, il perché nessuno abbia mai pensato ad un 3° capitolo di Sister Act lascia di sasso. 19 anni dopo il boom del primo capitolo, capace d’incassare 231 milioni di dollari in tutto il mondo, dopo esserne costati 11, l’incredibilmente dimenticata Whoopi Goldberg tornerà a vestire i panni della leggendaria Deloris Van Cartier, anche se solo a teatro.

L’attrice Premio Oscar, che nel 1992 ottenne anche una nomination ai Golden Globes per la sua svitatissima suora, prenderà infatti parte al musical “Sister Act”, che nelle prossime 3 settimane animerà i teatri londinesi. Un piccolo cammeo, quello di Whoopi, felicissima di tornare a vestire i panni di un personaggio amatissimo dal pubblico, capace di renderla un’icona degli anni 90, per poi essere vergognosamente dimenticata con l’arrivo del 2° millennio. Prestata la voce alla piovra Stretch in Toy Story 3, Whoopy la rivedremo presto in sala nel dramma romantico Earthbound, dove a quanto pare interpreterà Dio, al fianco di Kate Hudson, Kathy Bates e Gael García Bernal, e nel prossimo film di Tyler Perry, For Colored Girls Who Have Considered Suicide When the Rainbow Is Enuf.

Peccato che tutti noi pagheremmo per rivederla in sala nei panni di Deloris Van Cartier in Sister Act 3. O no?

P.S. Whoopi andrà a vestire i panni della Madre Superiore e non quelli di Deloris.



I Video di Cineblog