The Expendables – I Mercenari batte anche Mordimi e Piranha 3D

Il trionfo dell’action anni 80. Secondo weekend consecutivo in testa per Sly Stallone e il suo The Expendables, riuscito ad incassare altri 17 milioni di dollari, arrivando così ad un totale di 65 milioni, dopo esserne costati 80. Considerando il calo rispetto al fine settimana passato, -52,6%, la discreta media per sala, pari a 5,046



Il trionfo dell’action anni 80. Secondo weekend consecutivo in testa per Sly Stallone e il suo The Expendables, riuscito ad incassare altri 17 milioni di dollari, arrivando così ad un totale di 65 milioni, dopo esserne costati 80. Considerando il calo rispetto al fine settimana passato, -52,6%, la discreta media per sala, pari a 5,046 dollari, e l’agguerrita concorrenza, il film potrebbe arrivare ai 90/100 milioni di dollari casalinghi, giustificando così un secondo capitolo, praticamente certo. Chi non è riuscito a spodestare Sly dal trono è stato Vampires Suck. Uscito mercoledì, Mordimi ha incassato poco meno di 19 milioni di dollari in 5 giorni di programmazione, come indovinato dal 18% di voi al FantaBoxOffice, con 12.2 milioni di dollari raccolti sono nel fine settimana. Considerando il costo esiguo, pari a 20 milioni di dollari, un esordio decisamente soddisfacente, anche se non esaltante, viste le critiche ricevute, massacranti praticamente ovunque, con una media per sala di 3,774 dollari.

Scivola così in terza posizione Mangia, Prega, Ama. Pesante -48.1% per il film con Julia Roberts protagonista, arrivato ai 47 milioni di dollari casalinghi, grazie ai 12 incassati in questo 2° weekend di programmazione, dopo esserne costati 60. Per il momento un andamento modesto, considerando il peso della protagonista. Esordio al 4° posto per la commedia ‘all black’ della Warner Lottery Ticket, riuscito ad incassare poco più di 11 milioni di dollari, con la più alta media per sala dell’intera top10, pari a 5,639 dollari, dopo esserne costati 17. Sorprendente invece, ma in negativo, il 6° posto di Piranha 3D. Clamorosamente promosso dalla maggior parte della critica americana, con oltre l’80% di recensioni positive su Rotten e una media voto abbondantemente sopra il 6, il film di Alexandre Aja si è dovuto accontentare di appena 10 milioni di dollari, come indovinato dal 16% di voi al FantaboxOffice, senza sfruttare così in maniera troppo evidente il sovrapprezzo del ticket 3D. Sono lontani i tempi di San Valentino di Sangue. Costato 24 milioni di dollari, e con una media per sala in questo primo fine settimana di programmazione di 4,063 dollari, il film potrebbe chiudere a quota 20/25 milioni. Pochi per rilanciare un possibile franchise.

5° posizione per The Other Guys, arrivato agli 88 milioni di dollari, seguito da altre due new entry deludenti, ovvero The Switch, riuscito ad incassare 8 milioni di dollari, e il delizioso Tata Matilda 2, accontentatosi di poco più di 8 milioni di dollari, che diventano 70 worldwide, dopo esserne costati ‘appena’ 35. A chiudere la Top10 Inception, arrivato ai 262 milioni di dollari (577 worldwide), e il vero flop di quest’estate cinematografica americana, ovvero Scott Pilgrim vs The World, promosso a pieni voti dalla critica ma snobbato dal pubblico, con appena 20 milioni di dollari raccolti, dopo esserne costati oltre 60, e la media per sala più bassa dell’intera top10, pari a 1,785 dollari. Da segnalare infine l’ennesimo record fatto segnare da Toy Story 3, riuscito ad entrare nella top10 dei film che più hanno incassato negli Usa, inflazione esclusa. 9° posto per il film della Pixar, con 403,727,000 dollari raccolti (984 in tutto il mondo, è ormai certo che cadrà il tetto del miliardo di dollari), davanti a Spider-Man, Transformers 2 e dietro ai Pirati dei Caraibi 2. Fine settimana curioso il prossimo, con Avatar Special Edition che sbarcherà in oltre 700 cinema, Takers e soprattutto The Last Exorcism, pronti ad azzannare al collo Sly&Co. Riuscirà Cameron a ripetere il miracolo avatariano con gli ormai celebri ed inediti 8 minuti e spiccioli?

Ultime notizie su Film Americani

Tutto su Film Americani →