• Film

Niente Jason Bourne in The Bourne Legacy

Sembra un controsenso, ma non lo è: non sarà Jason Bourne il protagonista di The Bourne Legacy. Tony Gilroy – sceneggiatore dei primi tre capitoli cinematografici della saga basata sui romanzi di Robert Ludlum, nonchè regista ed autore dello script dell’imminente quarto capitolo – ci ha tenuto a far luce su alcune imprecisioni riportate dai

di simona



Sembra un controsenso, ma non lo è: non sarà Jason Bourne il protagonista di The Bourne Legacy. Tony Gilroy – sceneggiatore dei primi tre capitoli cinematografici della saga basata sui romanzi di Robert Ludlum, nonchè regista ed autore dello script dell’imminente quarto capitolo – ci ha tenuto a far luce su alcune imprecisioni riportate dai media nei giorni scorsi. Il regista conferma l’assenza di Matt Damon, ma precisa che “Nessuno sotituirà Damon nei panni di Jason Bourne. Semplicemente perchè Bourne non comparirà nella storia, ci sarà un nuovo eroe, un personaggio differente“.

The Bourne Legacy prende il titolo dal romanzo scritto da Eric Van Lustbader dopo la scomparsa di Ludlum, ma la storia raccontata nel film non avrà nulla a che vedere con la trama del libro. Non si tratta di un reboot, di un prequel o di un sequel, semplicemente – quella che vedremo sullo schermo – sarà una storia completamente nuova, con una sceneggiatura al 100% originale.

Il modo più semplice per descrivere il film è definirlo come un ampliamento o un’espansione della storia“, afferma Gilroy. “Jason Bourne non sarà in questo film, ma ciò non significa che sia morto. Gli avvenimenti delle prime tre pellicole sono i punto di partenza per ciò che accadrà. Tutto quello che avete visto nei primi tre film farà parte del background dell’azione, e tutto il pubblico che li ha seguiti sarà premiato per l’attenzione. Stiamo per visualizzare un quadro più ampio, una cospirazione più vasta …e magari in futuro, strada facendo, potremo assistere anche ad un ritorno di Jason Bourne“.

Fonte: Hollywood Elsewhere

I Video di Blogo

Sky Cinema: promo con Alessandro Gassmann