EcoVision alla prima edizione

Con EcoVision, a Palermo dal 27 maggio al 1 giugno, cinema e ambiente si fondono in una serie di iniziative.Alla fine di maggio 2005, nelle sedi monumentali più prestigiose della città di Palermo, si svolgerà la prima edizione di EcoVision. Durante il Festival sono previste le presenze di personaggi punti di riferimento del panorama della

Con EcoVision, a Palermo dal 27 maggio al 1 giugno, cinema e ambiente si fondono in una serie di iniziative.

Alla fine di maggio 2005, nelle sedi monumentali più prestigiose della città di Palermo, si svolgerà la prima edizione di EcoVision. Durante il Festival sono previste le presenze di personaggi punti di riferimento del panorama della cultura eco-ambientale (chissà che cosa pensano dalle parti di ecoblog!).

Il Festival ha principalmente una valenza di tipo culturale, infatti la tematica ambientale comprende vari tipi di sfaccettature.

Le tematiche affrontate non prendono in considerazione solamente le produzioni filmiche riguardanti la natura, ma il concetto di rapporto uomo-ambiente, con tutte le problematiche ad esso legate.

Sarà infatti affrontato, con le produzioni documentarie, il problema riguardante le grandi urbanizzazioni e il rapporto che l’uomo ha con la snaturazione urbana.

Le città hanno, infatti, sempre anteposto la praticità e le finalità lucrative come aspetto aggregativo, tralasciando gli aspetti sociali profondamente legati all’ambiente. Quartieri senza verde e senza spazi collettivi, non significano solamente carenza architettonica o mancanza di ossigenazione, ma influiscono direttamente sul concetto di socializzazione e di vivibilità e, quindi, sulla possibilità di scambio culturale per gli abitanti delle aree urbane.

Un altro aspetto culturale affrontato, riguarda direttamente l’influenza dell’ambiente sullo sviluppo della cultura stessa, ponendo tematiche legate agli esempi di urbanizzazione che si sono sviluppati nelle varie parti del mondo, che verranno rappresentati attraverso le opere di registi provenienti dai vari continenti.

Pur anteponendo il messaggio socio-culturale, il festival intende promuovere fortemente la divulgazione di nuovi linguaggi audiovisivi, utilizzati nella descrizione delle problematiche ambientali. E’, infatti, finalità del festival, premiare registi che siano in grado di far conoscere e riflettere sull’ambiente con la massima piacevolezza, rendendo i processi di apprendimento e informazione sulle tematiche più scottanti facili da assimilare.

Il rispetto alla tutela del proprio ambiente è un’altra delle tematiche affrontate, e per questo si è pensato ad un ciclo di proiezioni mattutino dedicato alle scuole, denominato EcoScuola, essendo purtroppo la scuola carente nell’illustrare ai discenti l’ambiente circostante.

E’, infatti, una lacuna che nelle scuole non ci sia materia che prende in considerazione lo studio del territorio circostante e, un alunno frequentante le scuole della sua città, raramente riceve le nozioni riguardanti i Parchi facenti parte del proprio territorio e le loro peculiarità, le problematiche riguardanti il traffico, le aree urbane e i problemi ad esse connesse.

Durante lo svolgimento della rassegna è previsto, per gli organi d’informazione e le persone coinvolte nel settore cinematografico e della cultura eco-ambientale che richiederanno l’accredito al Festival, un “Educational Tour” in collaborazione con il Parco Naturale Regionale delle Madonie e altri Enti istituzionali, alla scoperta dei luoghi naturali più significativi del Parco e della Provincia di Palermo.

Il Festival costituirà un’occasione di dibattito e di incontro, per confrontarsi sulle regole da seguire per la tutela dell’ambiente e sull’importanza della comunicazione cinematografica e culturale in genere, grazie anche alla collaborazione della Libreria “Broadway”, che provvederà alla partecipazione di scrittori internazionali facenti parte della letteratura eco-ambientale.