Nader and Simin: a Separation – il trionfatore di Berlino arriva in Italia grazie alla Sacher Distribuzione con il titolo La Separazione

Orso d’Oro al Miglior Film, Orso d’Argento alla Migliore Interpretazione Femminile (Sareh Bayat, Sarina Farhadi, Leila Hatami), Orso d’Argento alla Migliore Interpretazione Maschile (Peyman Moadi, Ali Asghar Shahbazi, Babak Karimi), Ecumenical Jury Prize e Peace Award College. Un trionfo quasi storico è quello a cui è andato incontro Nader and Simin: a Separation, film iraniano

Orso d’Oro al Miglior Film, Orso d’Argento alla Migliore Interpretazione Femminile (Sareh Bayat, Sarina Farhadi, Leila Hatami), Orso d’Argento alla Migliore Interpretazione Maschile (Peyman Moadi, Ali Asghar Shahbazi, Babak Karimi), Ecumenical Jury Prize e Peace Award College. Un trionfo quasi storico è quello a cui è andato incontro Nader and Simin: a Separation, film iraniano diretto da Asghar Farhadi e uscito da Berlino con una carriola piena di Premi.

Un titolo che arriverà nei cinema italiani grazie alla Sacher Distribuzione, riuscita ad accaparrarsi la pellicola ancor prima della proiezione stampa e dell’immediato tam tam ‘critico’. Diretto dal regista di “About Elly”, Orso d’Argento Miglior Regia a Berlino 2009, il film arriverà in Italia la prossima stagione con il titolo La Separazione.

Nader e Simin hanno ottenuto il visto per lasciare l’Iran ma Nader si rifiuta di partire e abbandonare il padre affetto da Alzheimer. Simin intende chiedere il divorzio per partire lo stesso con la figlia Termeh e, nel frattempo, torna a vivere da sua madre. Nader deve assumere una giovane donna, Razieh, che possa prendersi cura del padre mentre lui lavora, ma non sa che la donna, molto religiosa, non solo è incinta ma sta anche lavorando senza il permesso del marito. Ben presto Nader si troverà coinvolto in una rete di bugie, manipolazioni e confronti, mentre la sua separazione va avanti e sua figlia deve scegliere da che parte stare e quale futuro avere…

I Video di Cineblog

Ultime notizie su Berlinale

Tutto su Berlinale →