The Nymphomaniac: il prossimo film di Lars von Trier sulla sessualità femminile

Costantemente in difficoltà, umiliata e torturata, ma in fondo amatissima. La figura femminile ha sempre avuto una posizione centrale nella discussa filmografia di Lars von Trier, regista amato e odiato che al prossimo Festival di Cannes quasi sicuramente presenterà in concorso il suo nuovo Melancholia, disaster movie psicologico che vede al centro della storia non a caso due sorelle. Che, di fronte alla fine del mondo in arrivo, reagiscono in modi diversi alla catastrofe imminente.

The Nymphomaniac: il prossimo film di Lars von Trier sulla sessualità femminile

Il suo prossimo film ha un titolo provvisorio, The Nymphomaniac, che è già tutto un programma: infatti von Trier è deciso ad indagare la sessualità femminile, attraverso il percorso di una donna che scopre l'erotismo e la propria natura. C'è chi già pensa possa essere un corollario del contestato (e alla Croisette fischiato) Antichrist, in cui la mamma Charlotte Gainsbourg dava "filo da torcere" al marito William Dafoe. Ma non c'è nulla da analizzare a priori, in realtà: come si è detto, il film segue un normalissimo percorso nella filmografia del regista danese.

Parlando con il produttore Peter Aalbæk Jensen, Lars von Trier ha deciso il titolo provvisorio The Nymphomaniac contro l'altro papabile titolo Dirt in Bedsores (ovvero "Sporco tra le piaghe da decubito", la posizione del malato a letto): molto più schietto e malizioso il primo, quindi più appetibile per farsi finanziare il progetto. Schietto e sincero come sempre, Lars...

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: