Venezia 2006: Storia segreta del cinema russo


La sezione monografica Storia segreta del cinema russo è realizzata in collaborazione con la Fondazione Prada, è presieduta da Miuccia Prada ed è diretta da Germano Celant, e con l’Agenzia Federale per la Cultura e la Cinematografia e Sovexportfilm di Mosca. Spiccano i nomi di due registi, presentati entrambi con 5 film, ossia Grigorij Aleksandrov e Ivan Pyr’ev.
Cliccate su continua per sapere tutti i film di questa sezione.
Garmon’ (La fisarmonica, 1934) di Igor Savchenko e Evgenij Sneider

Vesiolye rebiata (La combriccola allegra, 1934) di Grigorij Aleksandrov

Cirk (Il Circo, 1936) di Grigorij Aleksandrov

Bogataja nevesta (La fidanzata ricca, 1938) di Ivan Pyr’ev

Volga-Volga (Volga-Volga, 1938) di Grigorij Aleksandrov

Traktoristy (Trattoristy, 1939) di Ivan Pyr’ev

Muzykal’naja istoria (Una storia musicale, 1940) di Aleksandr Ivanovskij e Gerbert Rappaport

Svetlyj put’ (La via luminosa, 1940) di Grigorij Aleksandrov

Svinarka i pastukh (La guardiana dei porci e il pastore, 1941) di Ivan Pyr’ev

V shest’ chasov vechera posle vojny (Alle sei di sera dopo la guerra, 1944) di Ivan Pyr’ev

Vesna (La primavera, 1947) di Grigorij Aleksandrov

Kubanskie kazaki (I cosacchi di Kuban’, 1950) di Ivan Pyr’ev

Scedroe leto (Un’estate generosa, 1950) di Boris Barnet

Karnaval’naja noc’ (La notte di carnevale, 1956) di El’dar Rjazanov

Nas milyj doktor (Il nostro caro dottore, 1956) di Shaken Ajmanov

Cheriomushki (Rione Cheriomushki, 1963) di Gerbert Rappaport

Sparite utopajuscego (Salvate chi annega, 1969) di Pavel Arsenov

Romans o vlyoblionnykh (La romanza degli innamorati, 1974) di Andrei Konchalovskij

  • shares
  • Mail