Replay, nuovi viaggi nel tempo per Robert Zemeckis

Sabato sera, ti porterò indietro nel futuro! Questa è una delle frasi più celebri del grande Ritorno al futuro, primo film della trilogia firmata da Robert Zemeckis che ha reso un vero e proprio genere cinematografico quello dei “viaggi nel tempo”. Zemeckis, dopo una parentesi di delirio tecnologico legato all’animazione in 3d (con risultati altalenanti)


Sabato sera, ti porterò indietro nel futuro!

Questa è una delle frasi più celebri del grande Ritorno al futuro, primo film della trilogia firmata da Robert Zemeckis che ha reso un vero e proprio genere cinematografico quello dei “viaggi nel tempo”. Zemeckis, dopo una parentesi di delirio tecnologico legato all’animazione in 3d (con risultati altalenanti) sarebbe infatti pronto a dirigere un nuovo film sugli spostamenti spazio-temporali dal titolo (provvisorio) di Replay.

Il film sarebbe incentrato su di un giornalista radiofonico sulla quarantina che stroncato da un infarto nel 1988 si risveglia improvvisamente nel 1963, nel suo corpo di diciottenne ma con 25 anni di esperienze di vita vissuta intatta nella sua memoria. Trascorsi nuovamente gli anni della sua vita morirà nuovamente nel 1988 per ritornare nuovamente al punto di partenza, ma ogni volta farà scelte differenti costruendosi una vita differente ogni volta.

Insomma un progetto che sembra una via di mezzo tra Slinding Doors e Ricomincio da capo, ma con un Zemeckis al comando non si può certo pensare che di tratti di una fotocopia di qualcosa di già visto! Infatti non si tratterà di una commedia, ma piuttosto di un thriller dove il protagonista dovrà trovare il modo per sfuggire alla sua stessa morte.

Fonte | Deadline

I Video di Cineblog

Ultime notizie su Film Americani

Tutto su Film Americani →