• Film

Stasera in tv su Italia 1: “Amore, bugie e calcetto” con Claudio Bisio

Italia 1 stasera propone “Amore, bugie e calcetto”, commedia del 2008 diretta da Luca Lucini (Oggi sposi) e interpretata da Claudio Bisio, Filippo Nigro, Claudia pandolfi e Giuseppe Battiston.

Cast e personaggi

Claudio Bisio: Vittorio
Filippo Nigro: Lele
Claudia Pandolfi: Silvia
Giuseppe Battiston: il Mina
Chiara Mastalli: Viola
Andrea De Rosa: Piero
Pietro Sermonti: Filippo
Max Mazzotta: il Venezia
Angela Finocchiaro: Diana
Marina Rocco: Martina
Andrea Bosca: Adam

La trama

Sette maschi fuggono dalle loro pressanti mansioni quotidiane per godersi un’ora di battaglia primordiale. Sono i componenti di una squadra amatoriale di calcetto. Grazie a questa storia le donne potranno finalmente capire il perché e sbirciare nei segreti di uno spogliatoio, per scoprire che anche lì, in fondo, sono loro a dettare le regole. Infatti, seguendo il detto “in campo come nella vita”, il destino della squadra segue di pari passo le avventure sentimentali dei nostri protagonisti. Tanto che il Mister, più che di schemi dovrà occuparsi di cuori.

La vita di Vittorio (Claudio Bisio) è un pressing asfissiante. “Ragazzo cinquantenne”, sempre diviso tra affari di cuore e lavoro, segna in campo e in camera da letto con la giovanissima amante Viola (Chiara Mastalli), aspirante attrice un tempo oggetto del desiderio di suo figlio. Sarà però l’ex-moglie Diana (Angela Finocchiaro), brillante cardiologa, a rimetterlo in sesto quando un lieve malore lo coglierà e ne svelerà i trucchi…

Lele (Filippo Nigro) è un mediano generoso, che vive correndo: in campo, sul lavoro e a
casa. Il suo matrimonio con Silvia (Claudia Pandolfi) dopo 12 anni è alle corde; i figli hanno il sopravvento sulle esigenze di coppia, i problemi si moltiplicano finché Lele capisce che l’equilibrio familiare sta per saltare e tenta una strada innovativa: fare lui il casalingo…

Adam (Andrea Bosca) ha 26 anni, gioca in porta e vive in difesa, combattuto tra la paura di assomigliare al padre Vittorio e la certezza di avere ereditato tutta la sua esuberanza.

Piero (Andrea De Rosa) è ossessionato dagli schemi e pianifica al dettaglio la sua vita presente e futura e quella della fidanzata Martina (Marina Rocco), la migliore amica di Viola. Presto però si accorgerà che non tutti gli imprevisti possono essere dribblati, soprattutto quando è un’inaspettata paternità a scendere in campo…

Filippo (Pietro Sermonti) è un giovane rampante, cinico e senza pietà, che punta alle caviglie e poi tende la mano dicendo “scusa volevo prendere la palla”. Il Venezia (Max Mazzotta), è un operaio della ditta di Vittorio avaro di parole, ma dotato di notevole sagacia.

Infine c’è il Mina (Giuseppe Battiston), giornalista divorziato ed ex giocatore tabagista. Il Mina è il panchinaro con lo slancio del vincente che entra solo a tirare le punizioni: ma sono bombe devastanti, come le sue frasi secche e definitive che ne fanno la guida spirituale del gruppo.

Ciascuno di loro ha del talento e dei punti deboli e vive di improvvise illuminazioni e facili errori. Si scontrano, si rincorrono, si divertono, si consolano e il calcetto è sempre lì. Irrinunciabile, come l’amore.

Il nostro commento

Stasera in tv su Italia 1 Amore, bugie e calcetto con Claudio Bisio (2)

Il regista Luca Lucini dopo “L’uomo perfetto” torna ad esplorare il mondo degli uomini, stavolta dal punto di vista maschile e con un film di stampo corale in cui dimostra di saper gestire con dovizia un corposo intreccio di storie, personaggi e caratterizzazioni, abilità che confermerà e affinerà nel successivo Oggi sposi, altra comedy corale di ottima fattura.

Lucini non perde mai il filo, gestisce i sette protagonisti maschili utilizzando il “calcetto” come elemento aggregante e catartico ampliando il discorso su famiglia, responsabilità, amore e caos sentimentale, restando sempre ben focalizzato sulla partita più importante, quella della vita e riuscendo a portare a casa il risultato.

Curiosità

– Nella parte finale del film i protagonisti affrontano gli Old Boys, una squadra di ex calciatori professionisti allenata da Gigi Maifredi che schiera Mannini, Schillaci, Rizzitelli, Ivano Bonetti, Mannari e Tacconi.

– Il film è stato girato interamente a Trieste.

In principio fu il calcetto. Io e Lucini giochiamo e un giorno, chiacchierando, ci siamo resi conto di non saper spiegare il perché e soprattutto, di non saperlo spiegare alle nostre compagne, a volte perplesse in materia. Il primo barlume dell’idea è nato così: fare un film sul calcetto con l’intento di svelare alle donne (e a noi stessi) il mistero del giovedì, quel “buco nero” che attira inspiegabilmente milioni di maschi. (Fabio Bonifacci – sceneggiatore)

La colonna sonora

– Le musiche originali del film sono di Giuliano Taviani (Nessuno mi può giudicare, Figli delle stelle, Viva l’Italia).

– Taviani ha già collaborato con il regista Luca Lucini musicando anche Oggi sposi e La donna della mia vita.

– La colonna sonora include il brano “Ci parliamo da grandi” di Eros Ramazzotti.

Trailer e video

I Video di Cineblog