• Film

Stasera in tv: Il profeta su Rai 3

Quest’oggi Rai 3 propone in prima serata Il profeta, il dramma francese del 2009 diretto da Jaques Audiard (Un sapore di ruggine e ossa) e interpretato da Tahar Rahim (À l’intérieur).

Cast e personaggi

Tahar Rahim: Malik El Djebena
Niels Arestrup: César Luciani
Adel Bencherif: Ryad
Hichem Yacoubi: Reyeb
Reda Kateb: Jordi
Jean-Philippe Ricci: Vettori
Gilles Cohen: Prof
Leïla Bekhti: Djamila
Frédéric Graziani: capo della sorveglianza
Slimane Dazi: Brahim Lattrache

La trama

Condannato a sei anni di carcere, il diciannovenne Malik El Djebena non sa né leggere né scrivere. In prigione, Malik sembra più giovane e fragile rispetto agli altri detenuti. Preso di mira dal leader della gang corsa che spadroneggia nel carcere, Malik è costretto a svolgere numerose “missioni”, che però lo fortificheranno e gli meriteranno la fiducia del boss. Ma Malik è coraggioso e impara alla svelta, e non esiterà a mettere a punto un suo piano segreto.

Il nostro commento

Il regista Jacques Audiard mette in scena il prison-movie nella sua forma più autorale, un dramma intenso, asciutto ed efficace come solo un film indipendente riesce ad essere (vedi Animal Factory). Il grigiore dell’ambientazione, la cupezza emotiva non inficiano l’eleganza stilistica di un regista capace di impreziosire ad arte l’apporto emotivo di un intenso protagonista. Audiard rispetta in pieno i cliché del genere, il dramma carcerario, come il mondo che racconta hanno le loro regole, alcune scritte altre solo suggerite, un invidiabile equilibrio tra testa e cuore che trasforma Il Profeta in qualcosa di più che semplice materia da festival, un’occasione per affrontare un tema spinoso, duro e scomodo attraverso un cinema non autoreferenziale, che cerca con coraggio e intelligenza di parlare un po’ a tutti.

Curiosità

– Il film è stato scelto dalla Francia come candidato alla categoria miglior film straniero agli Oscar 2010 ed è stato tra i nominati della cinquina

– La pellicola ha inoltre vinto il Grand Prix Speciale della Giuria alla sessantaduesima edizione del Festival di Cannes e 9 Premi César, tra cui quello per il miglior film.

– Per garantire l’autenticità dell’esperienza carceraria, Jacques Audiard ha assunto ex detenuti come consulenti e comparse

– Prima di fare questo film, Jacques Audiard aveva proiettato un film per alcuni detenuti in Francia. Scioccato dalle condizioni di detenzione decise che il suo prossimo film si sarebbe svolto in una prigione.

La colonna sonora

– Le musiche originali del film sono di Alexandre Desplat (Il curioso caso di Benjamin Button, The Tree of Life, Il discorso del re). Desplat ha musicato altre cinque pellicole di Audiard tra cui Sulle mie labbra e Tutti i battiti del mio cuore.

1. Le Dépôt
2. Runeii
3. Interlude
4. Bridging the Gap
5. Corner of My Room
6. Interlude
7. Take Me Home With You, Baby
8. Récite
9. Un Prophète
10. Les Rêves
11. La Neige
12. La Sortie
13. Le Respect
14. Visions
15. Le Ciel
16. Du Drahan Pour L’imam
17. Le Pouvoir
18. Gunfight
19. Vie Et Mort
20. La Prophétie
21. Fouille
22. Mack the Knife

Per ascoltare la colonna sonora completa cliccate QUI.

Trailer e video

I Video di Cineblog