• Film

Stasera in TV, Cinderella Man – Una ragione per lottare, su Rai 3

Grande film candidato nel 2005 a tre Primi Oscar. Nel cast, oltre a Crowe anche Renee Zellweger e Paul Giamatti.

Cinderella Man – Una ragione per lottare, diretto nel 2005 da Ron Howard, è sicuramente uno dei migliori film sulla boxe mai girati e che meritò tre Nomination agli Oscar e due ai Golden Globe. Russell Crowe, già celebre per Il gladiatore e A beautiful mind, ottenne, grazie a un’interpretazione straordinaria, la consacrazione definitiva, nei panni di Joe Braddock, campione del mondo dei pesi massimi a metà anni ’30. Se Alì è stato un grande film su Mohamed Alì e Toro Scatenato un vero monumento cinematografico a Jake La Motta, Cinderella Man usa la boxe come grande metafora di riscatto.

Russell Crowe, affiancato da una convincente Renée Zellweger e da un sempre bravissimo Paul Giamatti, mette in scena il dramma di un uomo all’interno di un grande dramma collettivo rappresentato dalla Depressione. Non c’è inutile pietismo però, non si cerca la commozione facile o la retorica volta all’applauso: i consensi del pubblico arrivano spontanei, grazie a una sceneggiatura che trascina, ad attori maiuscoli e a una fotografia che incornicia alla perfezione una favola moderna che ha il grande pregio di essere veritiera.

Cast

Russell Crowe: Jim Braddock
Renée Zellweger: Mae Braddock
Paul Giamatti: Joe Gould
Craig Bierko: Max Baer
Paddy Considine: Mike Wilson
Bruce McGill: Jimmy Johnston
David Huband: Ford Bond
Connor Price: Jay Braddock

Trama

Stati Uniti: nel periodo della Grande Depressione, Joe Braddock, un giovane irlandese promessa della boxe, si trova improvvisamente in miseria e per mantenere la sua famiglia deve svolgere lavori umili come lo scaricatore di porto. Braddock sogna il ritorno alla grande boxe: un giorno ha la sua grande occasione e riesce a battere il numero 2 al mondo. Joe, ora soprannominato Cinderella Man, torna alla ribalta, ma ben presto dovrà scontrarsi contro il campionissimo Max Baer, l’uomo che aveva sconfitto Primo Carnera.

I Video di Cineblog