Alain Delon: 78 anni di fascino

Un post per celebrare il compleanno di Alain Delon

di carla

L’8 novembre del 1935 nasceva a Sceaux, Hauts-de-Seine, Francia, l’attore Alain Delon, famoso in tutto il mondo. A lui ed ai fans che ci leggono dedico questo post con curiosità, filmografia e i premi vinti.

– Altezza: 1.77 m
– Matrimoni: due. Il primo con Nathalie, dal 13 agosto 1964 al 14 febbraio 1969, hanno divorziato. Il secondo con Rosalie Van Breemen, dal 1987 al 2001, hanno avuto due figli (Anouchka e Alain-Fabien), hanno divorziato.
– Ha 5 figli: uno è l’attore Anthony Delon.
– E’ sulla copertina dell’album The Queen is Dead degli Smiths (1986)
– E’ stato fidanzato con l’attrice Romy Schneider (dal 1959 al 1963).
– Ha il burattino con le sue fattezze nello spettacolo francese “Les Guignols de l’info” (1988).
– E’ amico di Brigitte Bardot.
– Possiede un ristorante chiamato “Camargue” a Nizza, Francia.
– È stato espulso sei volte da scuole diverse.
– Ha la doppia cittadinanza: francese e svizzera.
– Ha ricevuto la “Legion d’Honneur”, la più alta decorazione francese per la sua carriera nel 1991.
– Ha partecipato alla guerra di Indocina, quando era un soldato dell’esercito francese.
– Da piccolo voleva diventare un macellaio.
– Ha il suo profumo, si chiama “AD”.
– Ha il suo marchio “Alain Delon Diffusion SA”, che vende profumi, champagne, vestiti, orologi, Cognac, occhiali.
– Ha un cavallo chiamato “Equileo”.
– Ha accettato il ruolo da protagonista in Zorro (1975) solo per compiacere il figlio, allora bambino, Anthony Delon.
– E’ stato compagno di lunga data dell’attrice Mireille Darc, dal 1968 al 1982.
– I “Baustelle” hanno scritto una canzone dal titolo “La canzone di Alain Delon”.
– E’ una delle star occidentali più amate in Giappone
– La sua star preferita dell’infanzia fu John Garfield.
– Ha supportato la campagna presidenziale di Nicolas Sarkozy.
– Parla correntemente francese, italiano e inglese.
– Ha vissuto con Rosalie Van Breemen dal 1987 al 2002. Rosalie aveva 21 anni quando ha incontrato Alain, che ne aveva 52.
– Ha una casa in Marocco e una in Svizzera.
– Ha avuto una relazione con Anne Parillaud negli anni ’80.
– La canzone Beautiful Killer di Madonna è un omaggio ad Alain Delon.
– E’ stato nominato ai Golden Globe nel 1984 come miglior attore debuttante per Il Gattopardo. Vinse: Albert Finney – Tom Jones. Gli altri candidati erano: Stathis Giallelis – Il ribelle dell’Anatolia, Robert Walker Jr. – Cerimonia infernale, Peter Fonda – I vincitori, Larry Tucker – Il corridoio della paura.
– Ha detto:

“Mi piace essere amato come amo me stesso”.

“In amore dobbiamo osare tutto, se amiamo veramente”.

“In realtà non ho paura della morte. Penso alla vita”.

Alain Delon – Filmografia

– Godot (Quand la femme s’en mêle), regia di Yves Allégret (1957)
– Fatti bella e taci (Sois belle et tais-toi), regia di Marc Allégret (1958)
– L’amante pura (Christine), regia di Pierre Gaspard-Huit (1958)
– Le donne sono deboli (Faibles femmes), regia di Michel Boisrond (1959)
– Furore di vivere (Le chemin des écoliers), regia di Michel Boisrond (1959)
– Delitto in pieno sole (Plein soleil), regia di René Clément (1960)
– Rocco e i suoi fratelli, regia di Luchino Visconti (1960)
– Che gioia vivere (Quelle joie de vivre), regia di René Clément (1961)
– Amori celebri (Amours célèbres), regia di Michel Boisrond (1961)
– L’eclisse, regia di Michelangelo Antonioni (1962)
– Le tentazioni quotidiane (Le diable et les dix commandements), regia di Julien Duvivier (1962)
– L’amour à la mer, regia di Guy Gilles (1963)
– Colpo grosso al casinò (Mélodie en sous-sol), regia di Henri Verneuil (1963)
– Il gattopardo, regia di Luchino Visconti (1963)
– Il Tulipano Nero (La Tulipe noire), regia di Christian Jaque (1964)
– Crisantemi per un delitto (Les félins), regia di René Clément (1964)
– Il ribelle di Algeri (L’insoumis), regia di Alain Cavalier (1964)
– Una Rolls-Royce gialla (The Yellow Rolls-Royce), regia di Anthony Asquith (1964)
– L’ultimo omicidio (Once a Thief), regia di Ralph Nelson (1965)
– Né onore né gloria (Lost Command), regia di Mark Robson (1966)
– Parigi brucia? (Paris brule-t-il?), regia di René Clément (1966)
– Texas oltre il fiume (Texas Across the River), regia di Michael Gordon (1966)
– I tre avventurieri (Les aventuriers), regia di Robert Enrico (1967)
– Frank Costello faccia d’angelo (Le samouraï), regia di Jean-Pierre Melville (1967)
– Diabolicamente tua (Diaboliquement vôtre), regia di Julien Duvivier (1967)
– Tre passi nel delirio (1968), episodio William Wilson, regia di Louis Malle
– Nuda sotto la pelle (Naked under Leather), regia di Jack Cardiff (1968)
– Due sporche carogne – Tecnica di una rapina (Adieu l’ami), regia di Jean Herman (1968)
– La piscina (La piscine), regia di Jacques Deray (1969)
– Addio Jeff! (Jeff), regia di Jean Herman (1969)
– Il clan dei siciliani (Le clan des siciliens), regia di Henri Verneuil (1969)
– Borsalino (Borsalino), regia di Jacques Deray (1970)
– I senza nome (Le cercle rouge), regia di Jean-Pierre Melville (1970)
– Madly – Il piacere dell’uomo (Madly), regia di Roger Kahane (1970)
– L’uomo di Saint Michel (Doucement les basses), regia di Jacques Deray (1971)
– Sole rosso (Soleil rouge), regia di Terence Young (1971)
– L’evaso (La veuve Couderc), regia di Pierre Granier-Deferre (1971)
– La prima notte di quiete, regia di Valerio Zurlini (1972)
– L’assassinio di Trotzky (The Assassination of Trotsky), regia di Joseph Losey (1972)
– Notte sulla città (Un flic), regia di Jean-Pierre Melville (1972)
– L’uomo che uccideva a sangue freddo (Traitement de choc), regia di Alain Jessua (1973)
– Scorpio (Scorpio), regia di Michael Winner (1973)
– La mia legge (Les granges brûlées), regia di Jean Chapot (1973)
– Tony Arzenta, regia di Duccio Tessari (1973)
– Due contro la città (Deux hommes dans la ville), regia di José Giovanni (1973)
– L’arrivista (La race des ‘seigneurs’), regia di Pierre Granier-Deferre (1974)
– Esecutore oltre la legge (Les seins de glace), regia di Georges Lautner (1974)
– Borsalino and Co. (Borsalino and Co.), regia di Jacques Deray (1974)
– Zorro, regia di Duccio Tessari (1975)
– Flic story (Flic story), regia di Jacques Deray (1975)
– Lo zingaro (Le gitan), regia di José Giovanni (1975)
– Mr. Klein (Mr Klein), regia di Joseph Losey (1976)
– Il figlio del gangster (Comme un boomerang), regia di José Giovanni (1976)
– La gang del parigino (Le gang), regia di Jacques Deray (1977)
– Quel giorno il mondo tremerà (Armaguedon), regia di Alain Jessua (1977)
– L’ultimo giorno d’amore (L’homme pressé), regia di Édouard Molinaro (1977)
– Morte di una carogna (Mort d’un pourri), regia di Georges Lautner (1977)
– Lo sconosciuto (Attention, les enfants regardent), regia di Serge Leroy (1978)
– Airport ’80 (The Concorde: Airport ’79), regia di David Lowell Rich (1979)
– Histoire d’amour (Le toubib), regia di Pierre Granier-Deferre (1979)
– Tre uomini da abbattere (3 hommes à abattre), regia di Jacques Deray (1980)
– Nido di spie (Tegeran-43), regia di Aleksandr Alov e Vladimir Naumov (1981)
– Per la pelle di un poliziotto (Pour la peau d’un flic) (1981) – anche regista
– Il bersaglio (Le choc), regia di Robin Davis (1982)
– Braccato (Le battant) (1983) – anche regista
– Un amore di Swann (Un amour de Swann), regia di Volker Schlöndorff (1984)
– Notre histoire, regia di Bertrand Blier (1984)
– Ventiduesima vittima… nessun testimone (Parole de flic), regia di José Pinheiro (1985)
– Il passaggio (Le passage), regia di René Manzor (1986)
– Ne réveillez pas un flic qui dort, regia di José Pinheiro (1988)
– I pianoforti di Berlino, regia di Philippe Lefebvre (1988)
– Nouvelle vague (Nouvelle Vague), regia di Jean-Luc Godard (1990)
– Coreografia di un delitto (Dancing Machine), regia di Gilles Béhat (1990)
– Il ritorno di Casanova (Le retour de Casanova), regia di Edouard Niermans (1992)
– Un crime, regia di Jacques Deray (1993)
– L’orso di peluche (L’ours en peluche), regia di Jacques Deray (1994)
– Les cent et une nuits de Simon Cinéma, regia di Agnès Varda (1995)
– Le jour et la nuit, regia di Bernard-Henri Lévy (1997)
– Uno dei due (Une chance sur deux), regia di Patrice Leconte (1998)
– Actors (Les acteurs), regia di Bertrand Blier (2000)
– Il leone (Le lion), regia di José Pinheiro (2003)
– Asterix alle Olimpiadi (Astérix aux jeux olympiques), regia di Frédéric Forestier e Thomas Langmann (2008)

Premi

– Bambi Awards 1987
– Berlin International Film Festival 1995: Orso d’oro onorario
– César Awards 1985: miglior attore per Notre histoire (1984)
– David di Donatello 1972: David speciale
– Flaiano International Prizes 1999: premio alla carriera
– Golden Camera 1998: Golden Camera for Lifetime Achievement
– Locarno International Film Festival 2012: Lifetime Achievement Award
– Marrakech International Film Festival 2003: premio onorario
– Taormina International Film Festival 1989: premio alla carriera

Fonte: IMDB

I Video di Cineblog

Ultime notizie su Spiderman

Tutto su Spiderman →