Tanti auguri Jake Gyllenhaal! 20 curiosità su Jack Twist

Uno speciale per conoscere meglio Jake Gyllenhaal

Oggi, 19 dicembre, Jake Gyllenhaal compie 33 anni. Per l'occasione ecco i nostri auguri di buon compleanno e un approfondimento con curiosità, sue dichiarazioni e filmografia. A proposito: qual è il vostro film preferito della sua carriera?

- E' nato il 19 dicembre 1980 a Los Angeles, California
- Vero nome: Jacob Benjamin Gyllenhaal
- Altezza: 1,83 m
- Sua madre è la produttuttrice/sceneggiatrice Naomi Foner e il padre è il regista Stephen Gyllenhaal. E' fratello dell'attrice Maggie Gyllenhaal. I genitori divorziarono nel 2009.
- La madre proviene da una famiglia ebrea e la discendenza di suo padre è svedese.
- La sua madrina è Jamie Lee Curtis.
- Ha fatto il suo debutto al cinema all'età di 11 anni, nel film Scappo Dalla Città - La Vita, l'amore e le vacche (1991), interpretando il figlio di Billy Crystal.
- Era stato scelto per il ruolo di Spider-Man in Spider-Man 2 (2004) perché Tobey Maguire si era fatto male alla schiena durante le riprese di Seabiscuit. Mentre Gyllenhaal si stava preparando per il ruolo, Tobey ha recuperato ed è tornato ad interpretare il suo ruolo di Spider-Man.
- È amico di Natalie Portman, Bryce Dallas Howard, Lance Armstrong, Matthew McConaughey, Jennifer Aniston
- Il suo libro preferito è Il Buio Oltre La Siepe (To Kill a Mockingbird) ed ì ha due cani a cui ha dato i nomi di due personaggi del romanzo: Atticus e Boo.
- Ha lavorato come bagnino.
- Ha messo su due chili di muscoli per il suo ruolo in Jarhead (2005).
- Quando gli è stato chiesto chi sono i suoi idoli, ha detto Anthony Quinn, Paul Newman, Sean Penn, Bruce Springsteen e Bono.
- E' padrino di Matilda Ledger, figlia di Heath Ledger e Michelle Williams.
- Come tutti i Gyllenhaals sulla linea maschile, è un nobile svedese per diritto di nascita ed è presente nell'Almanacco svedese di Nobiltà ("Sveriges Ridderskaps och Adels Kalender")
- Ha sostenuto la campagna per i democratici nelle elezioni americane del 2004.
- Con Matt Damon era la prima scelta dello studio per il ruolo di Jake Sully in Avatar (2009), ma il regista James Cameron ha poi scelto di lanciare Sam Worthington.
- Ha ricevuto la sua prima lezione di guida da Paul Newman.

- Ha detto:

"Essere una star non dura. E' una totale illusione. Per me scoprire la vita è la cosa più importante"

"Ammiro gli attori e gli artisti che dedicano tanto tempo alla loro vita come fanno con il loro lavoro".

"Sai, è lusinghiero quando c'è una voce che dice che sono bisessuale. Significa che posso interpretare più tipi di ruoli. Sono aperto a tutto. Non sono mai stato attratto sessualmente dagli uomini, ma non credo che avrei paura se succedesse".

"Viviamo in un momento triste in cui gli attori sono politici e i politici sono attori".

"[Sul perché non ama i film con evidenti messaggi politici]: I messaggi tendono ad essere un po' predicatori, è importante per me essere in film che hanno un livello umano, che hanno un cuore. Questo è il motivo per cui ho fatto Rendition - Detenzione Illegale (2007). Sembra che il film sia molto politico, sembra che ci sia un messaggio, ma alla fine c'è una vera e propria storia di esseri umani che si occupano di cose umane e reali".

"I miei genitori erano relativamente progressisti nelle loro credenze spirituali: mio padre è cristiano e mia madre è ebrea. Al 13esimo compleanno hanno pensato che fosse importante per me sperimentare un rito di passaggio e così abbiamo deciso di fare qualcosa per il bene della comunità, qualche opera di carità, così siamo andati in un rifugio per senzatetto e abbiamo fatto qualche lavoro lì"

"Mio padre discende dalla famiglia svedese Gyllenhaal, una stirpe nobile che il mio antenato Nils Gunnarsson Haal ha fondato nel 17esimo secolo e che è stato molto influente in Svezia per un lungo periodo di tempo. Il mio bisnonno emigrò negli Stati Uniti. Ma io mi vedo come un Ebreo in quanto mia madre è una russa-ebrea newyorkese".

Premi Oscar


- nomination nel 2006 come miglior attore non protagonista per
I segreti di Brokeback Mountain (2005). Vinse: George Clooney - Syriana. Gli altri candidati erano: Matt Dillon - Crash, Paul Giamatti - Cinderella Man, William Hurt - A History of Violence.

Golden Globes


- Nomination nel 2011 come miglior attore in una commedia (o musical) per Amore & altri rimedi (Love and Other Drugs). Vinse: Paul Giamatti - La versione di Barney, Johnny Depp - Alice in Wonderland, Johnny Depp - The Tourist, Kevin Spacey - Casino Jack.

Jake Gyllenhaal - Filmografia


- Scappo dalla città - La vita, l'amore e le vacche (City Slickers), regia di Ron Underwood (1991)
- Una donna pericolosa (A Dangerous Woman), regia di Stephen Gyllenhaal (1993)
- Una strana coppia di svitati (Josh and S.A.M.), regia di Billy Weber (1993)
- Homicide (Homicide: Life on the Street) – serie TV, episodio 2x01 (1994)
- Homegrown - I piantasoldi (Homegrown), regia di Stephen Gyllenhaal (1998)
- Cielo d'ottobre (October Sky), regia di Joe Johnston (1999)
- Donnie Darko, regia di Richard Kelly (2001)
- Bubble Boy, regia di Blair Hayes (2001)
- Lovely & Amazing, regia di Nicole Holofcener (2001)
- The Good Girl, regia di Miguel Arteta (2002)
- Fuga da Seattle (Highway), regia di James Cox (2002)
- Moonlight Mile - Voglia di ricominciare (Moonlight Mile), regia di Brad Silberling (2002)
- The Day After Tomorrow - L'alba del giorno dopo (The Day After Tomorrow), regia di Roland Emmerich (2004)
- The Man Who Walked Between the Towers, regia di Michael Sporn - cortometraggio (2005) - voce
- I segreti di Brokeback Mountain (Brokeback Mountain), regia di Ang Lee (2005)
- Proof - La prova (Proof), regia di John Madden (2005)
- Jarhead, regia di Sam Mendes (2005)
- Zodiac, regia di David Fincher (2007)
- Rendition - Detenzione illegale (Rendition), regia di Gavin Hood (2007)
- Brothers, regia di Jim Sheridan (2009)
- Prince of Persia - Le sabbie del tempo (Prince of Persia: The Sands of Time), regia di Mike Newell (2010)
- Amore & altri rimedi (Love and Other Drugs), regia di Edward Zwick (2010)
- Source Code, regia di Duncan Jones (2011)
- Time to Dance, regia di Daniel Wolfe - cortometraggio (2011)
- End of Watch - Tolleranza zero (End of Watch), regia di David Ayer (2012)
- Prisoners, regia di Denis Villeneuve (2013)
- Enemy, regia di Denis Villeneuve (2013)

Fonte: IMDB

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail