RoboCop perderà l'armatura nel remake?


Joel Kinnaman (L'ora nera) si prepara a vestire i panni di RoboCop nel reboot fortemente voluto dalla MGM, che uscirà nell'estate del 2013. Stando alle recenti dichiarazioni dell'attore, questa volta i panni non saranno molto corazzati. Un restyling del design originale è lecito, perché si parla di rifacimento, ma sembra che il nuovo personaggio farà a meno dell'iconica armatura stile Iron-Man, trasformandosi in una sorta di "uomo da 6 milioni di dollari". Kinnaman spiega:

"Mostreremo me. La visiera sarà completamente trasparente, per accentuare la performance umana. Non ci sarà un robot che si muove in modo macchinoso e lento. La nostra visione di un cyborg prodotto nel 2046 include un look con una pelle molto più umana e io metterò la mia firma anche sul linguaggio del corpo. Il primo Robocop è uno dei miei film preferiti ma dal punto di vista della recitazione, limitata allo spostamento della mandibola, non è così interessante".

Le parole di Kinnaman sembrerebbero quindi confermare l'idea del regista José Padilha (Tropa de Elite), che intende concentrarsi sul concetto di "perdita dell'umanità" e ampliare la parte della creazione di RoboCop. Nel film originale, quando Alex Murphy viene colpito a morte assistiamo ad un breve giro di ospedali e laboratori ma si taglia subito sul risultato finale della sua evoluzione. A quanto pare il remake di Padilha vivrà proprio nello spazio di quel taglio.

  • shares
  • Mail