Box Office Usa: Non-Stop batte Son of God

Box Office Usa 28 febbraio /2 marzo: Liam Neeson torna in vetta al box office Usa. E’ ormai lui il nuovo imperatore dell’action a stelle e strisce

Un testa a testa serrato che a conti fatti ha visto vincere l’action Universal Non-Stop. Il film diretto da Jaume Collet-Serra ed interpretato da Liam Neeson, ormai star del genere, ha incassato ben 30 milioni di dollari in 72 ore, dopo esserne costati 50 e con una media per sala di 9,715 dollari, dando ulteriore credito alla partenza boom in questo 2014 della major. Sono infatti diventati 5 i weekend conquistati, e con 3 pellicole differenti, su 10 fine settimana a disposizione. Sconfitto di un niente, Son of God della Fox. Film tratto dalla miniserie biblica di 10 ore andata in onda con enorme successo lo scorso anno, Son of God ha incassato ben 26 milioni e mezzo di dollari in 3 giorni (8,129 dollari la media per sala), confermando il quasi morboso interesse degli americani nei confronti di queste pellicole. Buono a sapersi per Noah di Darren Aronofsky, in uscita a fine mese.

Dopo 3 settimane in testa al botteghino, The LEGO Movie è così scivolato in terza posizione. La pellicola Warner ha comunque incassato altri 21 milioni, arrivando ad un totale di 209,325,000 dollari. Crollerà il muro dei 250, dopo esserne costati appena 60. Sono invece diventati 66 i milioni di dollari raccolti da Monuments Men, stroncato dalla critica ma ben comportatosi in sala, seguito dai 21 del deludente 3 Days to Kill, che ne è costati 28, e dai 18 del disastroso Pompei, che ne è costati addirittura 100. Un brutto passo falso per Paul W.S. Anderson, come nel caso dei 3 Moschettieri ‘costretto’ a sperare nei mercati esteri.

Costato 100 milioni anche il nuovo Robocop non ha certamente sfondato, incassandone appena 51 (ma sono 188 in tutto il mondo), con About Last Night arrivato ai 44 milioni, lo straripante Frozen ai 389 (1 miliardo di dollari worldwide), Ride Along ai 127 ed Endless Love ai 22 milioni. Da segnalare anche i 2 milioni raggiunti da The Wind Rises e il mezzo flop di Anchorman 2 (R-Rated Extended Cut), sbarcato in 1317 sale eppure fermatosi ai 1,335,000 dollari.

Fine settimana essenzialmente di coppia il prossimo, grazie alle uscite di Mr. Peabody & Sherman, nuovo cartoon Fox, e soprattutto di 300: Rise of An Empire, in sala 7 anni dopo il titolo che lanciò Zack Snyder. In quel caso la pellicola Warner partì a razzo con 70,885,301 dollari d’incasso in 3 giorni, per poi chiudere a quota 210,614,939 dollari. Riuscirà Noam Murro, con tanto di sovrapprezzo 3D, a fare di meglio?

I Video di Cineblog