• Film

Film 2015-2016: Doug Liman regista di Splinter Cell – Ryan Gosling dirige il biopic su Busby Berkeley

Justin Lin dimentica Fast and Furious con il promettente Times Square, mentre Ryan Gosling bissa l’esperienza da regista con il biopic sul leggendario coreografo Busby Berkeley

– Splinter Cell: abbiamo un regista. A detta di Dealine sarà Doug Liman, visto in sala con The Bourne Identity ed Edge of Tomorrow, a portare al cinema il videogioco Splinter Cell, ideato dallo scrittore Tom Clancy. Protagonista Sam Fisher, ex operativo del corpo dei Navy SEAL da tempo inattivo che viene richiamato dall’NSA per la divisione segreta Third Echelon la cui direzione è affidata al Colonnello Irving Lambert. Grande amico di Fisher, si avvarrà delle sue straordinarie capacità e della sua esperienza militare impiegandolo ufficialmente per la prima volta nel ruolo di cellula fantasma (Splinter Cell). Due anni fa, era il 2012, Tom Hardy sembrava aver fatto suo il ruolo principale. Eric Warren Singer si sta occupando dello script, per un film che potrebbe lanciare un infinito franchise. Ad oggi sono infatti 6 i capitoli del videogioco usciti, in 10 anni appena.

– Times Square: dimenticato la saga Fast and Furious, Justin Lin prepara il ritorno in pista con un progetto che nel 2012 è finito nella Black List delle migliori sceneggiature non prodotte di Hollywood. Parliamo di Times Square, i cui diritti sono stati acquistati dalla Focus Features e che potrebbe vedere proprio Lin dietro la macchina da presa. Sceneggiato da Taylor Materne e Jake Rubin, il film ruoterà attorno alla celebre Times Square del titolo, oggi Disneyland a cielo aperto ma in realtà portatrice di un indicibile segreto passato. Che viene portato alla luce. Per Lin sono in arrivo anche un nuovo capitolo di Bourne e la versione ‘lungometraggio’ del documentario visto al Sundance The Battered Bastards of Baseball.

– biopic Busby Berkeley: in attesa di poter ammirare How to Catch a Monster, suo debutto alla regia, Ryan Gosling potrebbe a breve tornare dietro alla macchina da presa grazie alla vita di Busby Berkeley, regista e coreografo statunitense. La Warner ha infatti acquistato i diritti della biografia Buzz: The Life and Art of Busby Berkeley, scritta da Jeffrey Spivak , con Ryan produttore, protagonista e probabilmente anche regista. Dai suoi anni a Broadway al ruolo del regista, Berkeley viene ancora oggi ricordato per la sua inventiva e per lo stile della propria firma. Attraverso film sensazionali come “42nd Street” (1933), “Gold Diggers of 1933” (1933), “Footlight Parade” (1933), e “Dames” (1934), Berkeley ha cercato di distrarre il pubblico dai problemi della Grande Depressione. Se non fosse che la sua vita, al tempo, fosse un vero mistero. Genio del musical e rivoluzionario della coreografia, Busby diventerà biopic.

    “Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita”.

I Video di Cineblog