Amore, cucina e curry: tre clip e due featurette in italiano

Amore, cucina e curry: video, trailer, poster, immagini e tutte le informazioni sul film di Lasse Hallström nei cinema italiani dal 9 ottobre 2014.

Amore, cucina e curry: video, trailer, poster, immagini e tutte le informazioni sul film di Lasse Hallström nei cinema italiani dal 9 ottobre 2014.

Debutta domani nei cinema italiani Amore, cucina e curry (la recensione del film), commedia a sfondo culinario diretta da Lasse Hallström (Chocolat) e interpretata dall'attrice Premio Oscar Helen Mirren.

Oggi vi proponiamo alcune note di produzione del film accompagnate da 3 clip con scene tratte dal film e due featurette sottotitolate con interviste al regista Lasse Hallstrom e ai produttori Steven Spielberg e Oprah Winfrey:

In “Amore, cucina e… curry” Hassan Kadam (Manish Dayal) interpreta un genio della gastronomia, che non sbaglia mai un colpo. La famiglia Kadim, emigrata dall’India e guidata dal capofamiglia, Papa (Om Puri), si stabilisce nel caratteristico villaggio di Saint-Antonin-Noble-Val, nel sud della Francia. Un posto incantevole e raffinato, il luogo ideale dove aprire Maison Mumbai, un ristorante indiano a conduzione familiare. Ma le cose cambiano nel momento in cui Madame Mallory (Helen Mirren), l’algida titolare e cuoca del rinomato ristorante francese Saule Pleureur, non si intromette.

Clip 2 - Una stella Michelin:

Le sue implacabili proteste contro il nuovo ristorante indiano che dista solo 30 metri dal suo, danno luogo ad un’accesa battaglia fra i due locali, fino a quando la passione di Hassan per l’alta cucina francese e per Marguerite (Charlotte Le Bon), la deliziosa “sous chef” di Madame Mallory, non riuscirà ad amalgamare magicamente le due culture, regalando a Saint-Antonin nuovi sapori di cucina e di vita che neanche Madame Mallory potrà ignorare. La donna infatti, sarà disposta a riconoscere il talento culinario del suo rivale e a prenderlo sotto la sua ala protettiva.

“Amore, cucina e… curry” abbonda di sapori tangibili e inebrianti. Il film racconta il trionfo della tradizione familiare nonostante l’”esilio”, e ritrae due mondi in conflitto fra loro, con un giovane deciso a tutti i costi a ricreare il conforto della propria casa attraverso la sua tradizione culinaria.

Clip 3 - Una ricetta di 200 anni:

Note di produzione - Dalla pagina al grande schermo

La distanza fra i due ristoranti Le Saule Pleureur e la Maison Mumbai non è grande: circa 30 metri. È un percorso, seppur breve, che la famiglia Kadam e Madame Mallory faranno diverse volte nel film, e che non rappresenta solo la distanza fisica fra questi due luoghi. Diventa infatti simbolo del momento in cui una persona si allontana dalla propria ‘zona di conforto’, inoltrandosi in un territorio sconosciuto, per scoprire se stessa.

La produttrice Juliet Blake, ex dirigente della Jim Henson Company e del National Geographic Channel, ha compiuto un viaggio metaforico in prima persona per portare il libro sul grande schermo. Tutto è iniziato nel gennaio 2009, in un periodo in cui Blake si sentiva inquieta e insoddisfatta della propria carriera. Aveva letto una bozza del romanzo di Richard Morais “The Hundred-Foot Journey” che non era ancora stato pubblicato negli Stati Uniti, e ne era rimasta incantata. “Mi sono innamorata della storia e della sua splendida ambientazione, dell’idea che permea il libro secondo cui il cibo unisce le persone”, racconta Blake. “Mi piaceva il confronto fra il classico ristorante francese e la vivace e variopinta cucina indiana. In un locale i clienti ascoltano Mozart, mentre nell’altro rimbomba la fragorosa musica di Bollywood: è uno scontro culturale di proporzioni epiche”.

Figlia di immigrati tedeschi, Blake si è immedesimata nel tema dell’immigrazione, presente nella storia. È cresciuta in un casa dove l’inglese era la seconda lingua e i suoi genitori non parlavano mai della morte dei nonni ad Auschwitz. Blake continua: “La storia ha prodotto un effetto profondo su di me perché quei personaggi potevano essere la mia famiglia. E poi toccava dei temi molto importanti: il razzismo, l’accettazione e la capacità di cambiare, che sono comuni a tutti gli immigrati”.

Featurette 1  - Intervista al regista Lasse Hallstrom:

Convinta che questa storia si sarebbe tradotta perfettamente in un film, Blake ha organizzato un meeting con Morais grazie ad una conoscenza comune; in quell’occasione ha ottenuto i diritti per realizzare il film. Da quel momento si è rivolta a diverse società di produzione per verificare il loro interesse nella trasformazione del libro in copione. Alla Harpo Films il materiale ha avuto un forte impatto su Oprah Winfrey, che è diventata una fan del libro e dell’autore. Anche Steven Spielberg e Stacey Snider, alla DreamWorks, sono rimasti colpiti dalla storia e hanno espresso il loro entusiasmo rispetto alle potenzialità del progetto.

In breve tempo sia la DreamWorks che Harpo si sono uniti al progetto, e Spielberg e Winfrey hanno affiancato Blake nel ruolo di produttori. Entrambi apprezzavano l’idea di collaborare per portare questa storia deliziosa sul grande schermo, per divulgare il suo profondo messaggio di comprensione e accettazione. L’ultima volta che avevano lavorato insieme in un progetto comune era il 1985, con il film “Il colore viola”.

Dice Spielberg: “Abbiamo avuto l’occasione di unire le nostre energie creative per raccontare una storia di compatibilità fra le persone meno compatibili del mondo!” continua Winfrey. “Il romanzo è una piccola gemma, un’opera d’arte che esprime proprio quello che ho cercato di esprimere io stessa nel mio lavoro e nella mia arte per tutta la mia carriera. È una storia edificante, inoltre mi piaceva l’idea di lavorare di nuovo con Steven”. Il libro è diventato un best-seller internazionale, pubblicato in 28 paesi. È apparso nel New York Times Book Review ed è stato selezionato fra le Migliori Letture dell’Estate 2010 da “O, The Oprah Magazine”. La fortuna era ormai dalla parte di Blake, la cui proposta di realizzare un film tratto da un libro di un esordiente, la vedeva ora addirittura al fianco di Spielberg e Winfrey.

Lo scoglio successivo era trovare uno sceneggiatore in grado di elaborare il materiale e di portare in vita i personaggi. In cima alla lunga lista degli scrittori potenziali c’era l’autore nominato all’Oscar® Steven Knight, che vanta fra l’altro i copioni de “La promessa dell’assassino” e “Piccoli affari sporchi”. Ma i produttori erano preoccupati che uno scrittore del suo calibro fosse troppo impegnato per accettare questo progetto.

Featurette 2 - Intervista ai produttori Steven Spielberg e Oprah Winfrey:

Nato a Birmingham, una delle città inglesi più popolate da immigrati indiani, Knight ha subito accettato di scrivere il copione del film e i produttori ne sono stati entusiasti. “Steven Knight ha scritto un film serio, attraversato da una vena di irresistibile umorismo”, spiega Spielberg. “Ha reso molto bene il libro per il grande schermo”.

Lasse Hallström è stata una scelta “logica” per dirigere “Amore, cucina e … curry”. Grazie agli apprezzati film da lui diretti quali “La mia vita a quattro zampe”, “Le regole della casa del sidro” e “Chocolat”, si è affermato come narratore capace e sensibile, con lo stile adatto per raccontare questa storia. Spielberg è da sempre un fan di Lasse e considera “La mia vita a quattro zampe” uno dei suoi film preferiti.

Per Hallström, lavorare con un filmmaker come Spielberg in veste di produttore, è stata un’esperienza molto intensa. “Steven si è occupato del casting in prima persona, e mi ha sempre fornito i suoi suggerimenti sul copione”. Hallström ha parole di elogio anche per i produttori Winfrey e Blake. “Oprah Winfrey ci ha onorati con la sua presenza”, dice. “Adoro la sua personalità temeraria e il modo in cui riesce a far uscire il meglio dagli altri. Juliet Blake è un produttore molto intelligente che ammiro moltissimo. È stata una coincidenza magica: il giusto materiale al momento giusto con il giusto cast e il giusto gruppo di produttori. Un evento raro”.

Dice Winfrey: “Adoro il lavoro di Lasse. È bravissimo nel collocare gli attori in luoghi magnifici come la campagna francese e a riuscire a far emergere l’autenticità della storia”. Aggiunge Blake: “E’ un filmmaker sensibile e meraviglioso, che comprende il materiale in modo profondo. Inoltre è bravissimo con gli attori da cui riesce ad ottenere delle performance realistiche, mettendoli in contatto con il loro personaggio”.

Amore, cucina e curry: trailer italiano del nuovo film di Lasse Hallstrom con Helen Mirren

Tra dramma, commedia e romance Lasse Hallström, regista premio Oscar di Chocolat, Hachiko e Le regole della casa del sidro, torna dietro la macchina da presa con Amore, cucina e curry (The Hundred-Foot Journey), film che ci racconta di uno scontro di culture a sfondo culinario nel sud della Francia in cui si danno "battaglia" un ristorante francese e uno indiano, battaglia naturalmente a colpi di prelibatezze per un menù con lieto fine che alla fine unirà cuore e palato.

Il film vede protagonista l'attrice Premio Oscar Helen Mirren e un cast che include Om Puri, Manish Dayal e Charlotte Le Bon.

Il film è co-prodotto da Steven Spielberg e Oprah Winfrey che tornano a collaborare dopo Il colore viola.

In “Amore, cucina e… curry” Hassan Kadam (Manish Dayal) interpreta un genio della gastronomia, che non sbaglia mai un colpo. La famiglia Kadim, emigrata dall’India e guidata dal capofamiglia, Papa (Om Puri), si stabilisce nel caratteristico villaggio di Saint-Antonin-Noble-Val, nel sud della Francia. Un posto incantevole e raffinato, il luogo ideale dove aprire Maison Mumbai, un ristorante indiano a conduzione familiare. Ma le cose cambiano nel momento in cui Madame Mallory (l’attrice premio Oscar® Helen Mirren), l’algida titolare e cuoca del rinomato ristorante francese Saule Pleureur, non si intromette.

Le sue implacabili proteste contro il nuovo ristorante indiano che dista solo 30 metri dal suo, danno luogo ad un’accesa battaglia fra i due locali, fino a quando la passione di Hassan per l’alta cucina francese e per Marguerite (Charlotte Le Bon), la deliziosa “sous chef” di Madame Mallory, non riuscirà ad amalgamare magicamente le due culture, regalando a Saint-Antonin nuovi sapori di cucina e di vita che neanche Madame Mallory potrà ignorare. La donna infatti, sarà disposta a riconoscere il talento culinario del suo rivale e a prenderlo sotto la sua ala protettiva.

“Amore, cucina e… curry” abbonda di sapori tangibili e inebrianti. Il film racconta il trionfo della tradizione familiare nonostante l’”esilio”, e ritrae due mondi in conflitto fra loro, con un giovane deciso a tutti i costi a ricreare il conforto della propria casa attraverso la sua tradizione culinaria.


Amore, cucina e curry: locandina italiana del film

The Hundred-Foot Journey: trailer e poster del film di Lasse Hallström con Helen Mirren

The Hundred-Foot Journey: video, trailer, poster, immagini e tutte le informazioni sul film di Lasse Hallström nei cinema americani dall'8 agosto 2014.

Disponibili un primo trailer e una locandina di The Hundred-Foot Journey, film prodotto dalla DreamWorks, diretto dallo specialista Lasse Hallström (Chocolat), scritto da Steven Knight (la promessa dell'assassino) e interpretato da Helen Mirren, Manish Dayal, Juhi Chawla e Om Puri.

La trama è incentrata sulla famiglia Kadam che gestisce un ristorante indiano in un piccolo villaggio nel sud della Francia che inizia una rivalità con il vicino ristorante di cucina francese gestito da Madame Mallory (Helen Mirren). Tuttavia con il trascorrere del tempo questa rivalità si trasforma in amicizia con i due proprietari che cominceranno ad apprezzarsi l'un l'altro.

Il film basato sull'omonimo best seller di Richard C. Morais è musicato dal compositore premio Oscar A. R. Rahman (The Millionaire) e co-prodotto da Steven Spielberg e Oprah Winfrey che tornano a collaborare dopo Il colore viola.

La trama ufficiale:

In "The Journey Hundred-Foot" Hassan Kadam (Manish Dayal) è un ingenuo chef con l'equivalente gastronomico della perfetta intonazione. Emigrati dalle nativa India, la famiglia Kadam, guidata da Papa (Om Puri), si stabilisce nel pittoresco villaggio di Saint-Antonin-Noble-Val, nel sud della Francia. Pieno di fascino e tanto pittoresco ed elegante sembra il luogo perfetto per stabilirsi e aprire un ristorante indiano, la "Maison Mumbai". Cioè fino a quando Madame Mallory (l'attrice Premio Oscar Helen Mirren), l'algida proprietaria del ristorante di cucina francese "Le Saule Pleureur" citato dalla guida Michelin non scende sul piede di guerra. Le sue proteste contro il nuovo ristorante indiano, situato a soli cento metri dal suo locale, scatenano una guerra totale tra i due ristoranti. Questo fino a quando la passione di Hassan per l'alta cucina francese si combineranno con la passione per l'incantevole chef di Mallory Marguerite (Charlotte Le Bon) e il suo misteriosamente delizioso talento nel tessere pura magia culinaria tra le loro due culture e infondere Saint-Antonin con i sapori della vita che anche Mallory a quel punto non potrà ignorare. In un primo momento rivale culinaria di Hassan, Mallory alla fine ne riconoscerà il talento di chef e lo prenderà sotto la sua ala.

The Hundred-Foot Journey: poster del dramma di Lasse Hallström con Helen Mirren

Amore, cucina e curry trailer italiano del nuovo film di Lasse Hallström con Helen Mirren  (2)

 

  • shares
  • Mail