• Film

Stasera in tv su Canale 5: “La bellezza del somaro” con Sergio Castellitto

Canale 5 stasera propone “La bellezza del somaro”, commedia del 2010 diretta da Sergio Castellitto interpretata da Castellitto con Laura Morante, Marco Giallini e Barbora Bobu?ová.

Cast e personaggi

Sergio Castellitto: Marcello
Laura Morante: Marina
Enzo Jannacci: Armando
Marco Giallini: Duccio
Barbora Bobu?ová: Lory
Gianfelice Imparato: Valentino
Nina Torresi: Rosa
Emanuela Grimalda: Raimonda
Lidia Vitale: Delfina Margheriti
Renato Marchetti: Ettore Maria
Lola Ponce: Gladys
Erika Blanc: Venanzia
Svetlana Kevral: Cornelia
Pietro Castellitto: Luca
Christopher Hayston Gandola: Niccolò
Valerio Lo Sasso: Aldo
Enzo Mele: Psicologo
Valentina Mencarelli: Francipalla
Riccardo Russo: Giulietto
Lucilla Morlacchi: Vedova Heinz-Loup

La trama

Marcello (Sergio Castellitto) e Marina (Laura Morante) sono una coppia molto affiatata: lui architetto, lei psicologa. Moderni, dinamici, dialogici, ecosolidali, tolleranti, sembrano molto soddisfatti del loro percorso. L’età avanza ma lieve, come tutto il resto. Sono i genitori illuminati di Rosa (Nina Torresi), figlia diciassettenne di oggi, un po’ dispotica ma affettuosa con i genitori e brava in greco… Rosa è il futuro, il filo lanciato lontano.

Poi ci sono gli amici di Marina e Marcello, i vecchi amici del liceo, con un po’ di “panza” o un po’ di calvizie: un coro scapestrato di ordinaria follia contemporanea. Il manager Valentino (Gianfelice Imparato), depresso, assente nella vita, presente nel business, sua moglie Raimonda (Emanuela Grimalda), preside di un istituto tecnico, un pezzo di donna robusta, invadente, dai modi spicci e dalla risata tsunamica. Duccio (Marco Giallini), cardiologo appesantito dagli anni e dalla vita da “cicalone”, messo in mutande da una separazione recente. Delfina (Lidia Vitale), la prima moglie di Duccio, giornalista, inviata di guerra e in guerra con tutti. Infine il coro dei ragazzi: Franci Palla (Valentina Mencarelli), la cicciotta amica del cuore di Rosa, Aldo (Valerio Lo Sasso) il figlio di Valentino e Raimonda, amante dei fast food e dei serpenti esotici, Luca (Pietro Castellitto), figlio di Duccio e Delfina nonché fidanzatino di Rosa, carino, somaro a scuola, nervosetto, rincretinito di canne.

La storia inizia con una crisi sentimentale proprio tra Rosa e Luca che si consuma durante la festa dei cinquant’anni di Marcello. Gli amici brindano, cantano al karaoke “La Miniera” dei New Trolls. Luca fa un’improvvisata nella festa degli adulti. Rosa non c’è. Quando ritorna vestita da collegiale svizzera con il kilt e il cerchietto nei capelli in compagnia del guerriero Aldo, litigano perché lei gli ha mentito. Si lasciano…

Il nostro commento

Se volete approfondire a questo LINK trovate una recensione del film.

Note di regia

Stasera in tv su Canale 5 La bellezza del somaro con Sergio Castellitto (6)

Maneggiare un tema serissimo nell’acqua della commedia è scommessa ardua. L’impresentabilità che nella nostra società siliconata rappresentano la morte e la vecchiaia sarebbe soggetto più consono per una lettura “drammatica”. Invece no. Mi interessa dissotterrare tutto l’umorismo possibile da un tema difficile. Perché la commedia offre un’intelligenza, una leggerezza di lettura che si trasforma, se trattata con gusto, in analisi di costume, riflessione sarcastica eppure filosofica sulla nostra vita, sui nostri rapporti umani. Uomini attempati che si comportano come ragazzi, genitori di figli che li guardano, con una certa estraneità, avviarsi saltellanti con la sacca dello sport verso la palestra … Madri apparentemente altruiste, in realtà ego-riferite, preoccupate di quelle rughe che inesorabili appaiono sui loro volti.

Una commedia per raccontare la nostra confusa inadeguatezza, ma anche per ricordarci la struggente nostalgia che in fondo tutti noi continuiamo ad avere per la verità delle relazioni umane. Insomma, parabola umana “spietata” e umanissima, alta e bassa, che non si nega la comicità più popolare ma nemmeno il gioco affettuoso della malinconia e della dolcezza. Una coppia di genitori illuminati si vedono recapitare a casa come fidanzato della figlia minorenne ancora per poche settimane, Armando, un settantenne gentile, affabile, affidabile. Un rivoluzionario perché è l’unico tra gli adulti a non fingersi di un’altra età, non fa parte della categoria sempre più affollata dei finti giovani, di quelli che si tingono i capelli, si siringano di botulino, indossano Armaniane t-shirts nere. No, il nostro è un vecchietto discreto in giacca di tweed e camicia di fustagno. Non si può buttarlo fuori di casa, bisogna tenerselo tra le scatole almeno per un fine settimana. Con l’aggravante che è il ponte dei morti, festività ferale.

Ad uno ad uno saltano i pezzi del puzzle politically correct. In un mondo di deodoranti e di creme spalmate ovunque, il vecchio è portatore di una verità scomoda come una pernacchia in una conferenza inamidata. E il film è questa pernacchia, una tragicomica frana che inghiotte i simpatici Sinibaldi, coppia giovanilistica e dialogica, emblema di una certa famiglia di oggi, moderna ed illuminata. Basta una piccola eclissi a spegnere la luce della civiltà, del decoro. E anche il lume della ragione si spegne, si regredisce a una primordialità infantile. Tutto diventa scorretto, colpi bassi come in ogni guerra. E in questa guerra da burla, le persone tirano fuori la parte più nascosta di se stesse, gli animi si rivelano, franano le ipocrisie che rivelano le loro mancanze. La bellezza del somaro è quella spontanea dei ragazzi, una bellezza un po’ stolta e sfacciata. Eppure struggente. La giovane Rosa ha portato in casa attraverso l’anziano Armando una verità che farà bene a tutti, uno tsunami etico, pretesto per una esilarante commedia degli equivoci del moderno costume. [Sergio Castellitto]

Curiosità

Stasera in tv su Canale 5 La bellezza del somaro con Sergio Castellitto (2)

– Il film è stato scritto da Sergio Castellitto con la moglie, la scrittrice Margaret Mazzantini.

– Barbora Bobu?ová per il ruolo in questo film è stata candidata ai David di Donatello come Migliore attrice non protagonista.

– Nel cast figurano anche i cantanti Enzo Jannacci e Lola Ponce.

– Nella libreria del casolare di Marcello e Marina si può scorgere il romanzo “Venuto al mondo” di Margaret Mazzantini, moglie di Sergio Castellitto e sceneggiatrice del film.

– Il personaggio di Enzo Jannacci si chiama Armando e tra le canzoni più note del cantautore milanese ce n’è una dal titolo “L’Armando”.

La colonna sonora

Stasera in tv su Canale 5 La bellezza del somaro con Sergio Castellitto (8)

– Le musiche originali del film sono di Arturo Annechino (Le cinque rose di Jennifer, Musica per vecchi animali).

– La colonna sonora include i brani “Dreams” dei Cranberries, “Una miniera” (interpretata nel film da Sergio Castellitto, Marco Giallini e Gianfelice Imparato) e “Il coccodrillo come fa” (interpretata nel film da Barbora Bobulova, Marco Giallini e Gianfelice Imparato)

Stasera in tv su Canale 5 La bellezza del somaro con Sergio Castellitto

1. Tango 1
2. Dreams
3. Tema Armando
4. Visioni
5. Just Now
6. Night Life
7. Canzone
8. Una Miniera
9. Duetto
10. Saluti
11. P.I.M.P.
12. Scherzo
13. Midnight Piano Ladue
14. On The Road
15. Get Yourself Another Fool
16. Trilogy
17. Lazy Moon
18. Tango 2
19. Midnight Piano Laquattro

The Cranberries – Dreams:

New Trolls – Una miniera:

Clip e video del film

Stasera in tv su Canale 5 La bellezza del somaro con Sergio Castellitto (4)

Clip con scene tratte dal film:

Clip con il bactstage del film:

I Video di Cineblog