Dustin Hoffman: “Meglio essere licenziati che lavorare male”

Buon Compleanno Dustin Hoffman!

di carla

L’8 agosto del 1937 nasceva a Los Angeles il leggendario Dustin Hoffman a cui oggi dedico un post di auguri riportandovi un’intervista di The-Talks del 4 aprile 2012. A fine post trovate la sua lunga e bellissima filmografia e i Premi Oscar vinti. Ad inizio post il video della premiazione agli Oscar 1989 come miglior attore protagonista per Rain Man.

Mr. Hoffman, sei mai stato in terapia?
Tutta la mia vita. La prima volta che ho iniziato è stato dopo anni di disoccupazione come attore, e poi il successo ha rovinato la mia analisi, perché ho ??fatto “Il Laureato” e improvvisamente ero in giro a fare film e il mio terapista era a New York.

Che cosa hai imparato?
Che c’è un consapevole, un subconscio e l’inconscio. E l’inconscio non si chiama inconscio per niente, perché se si inizia a capire, non è più incoscio. (Ride) C’è perché non si vuole veramente sapere certe cose dolorose su di te, penso che sia la natura umana.

Quando uno è un buon terapeuta?
Sapere quando dire una certa cosa, e non sprecarla. Ho scoperto che è utile nella vita, non c’è bisogno di dire sempre quello che pensi a qualcuno.

Il successo ti ha reso più felice?
No. Una delle cose che si imparano quando si diventa famosi è che demistifica un mito, perché non cambia nulla. Mi ricordo quando ho iniziato la terapia come attore disoccupato, e il terapista mi ha detto: “Cosa vuoi?” E io dissi: “Mi piacerebbe lavorare per il resto della mia vita, vorrei avere un matrimonio felice, mi piacerebbe avere abbastanza soldi per comprare una casa a New York”. Ma una volta ottenuto tutto questo, non è cambiato nulla.

E’ stato difficile mantenere la tua integrità come attore?
Sei meno puro. Quando gli attori lavorano con me a volte mi dicono: “Il regista vuole che io faccia in questo modo, ma so che è sbagliato. Non posso farlo, sei d’accordo con me?”. E io dico loro che hanno ragione: “Digli che non lo farai” e loro: “Ma lui mi licenzierà”. “Bene, lascia che ti licenzi”. “E’ facile per te dirlo” mi rispondono, ma io dico: “No, non devi fare male il tuo lavoro. Meglio essere licenziati che fare male il lavoro”. Lo credo davvero.

Recitando, ti sei mai annoiato?
Mai annoiato. Depresso, ansioso, triste, spaventato? Sì. Ma non mi sono mai annoiato perché non so mai cosa sta per accadere nella vita.

il-laureato-dustin-hoffman

Dustin Hoffman – Filmografia

– The Tiger Makes Out, regia di Arthur Hiller (1967)
– Il laureato (The Graduate), regia di Mike Nichols (1967)
– Un dollaro per 7 vigliacchi (Madigan’s Millions), regia di Giorgio Gentili (1968)
– Sunday Father regia di Paul Leaf – cortometraggio (1969)
– Un uomo da marciapiede (Midnight Cowboy), regia di John Schlesinger (1969)
– John e Mary (John and Mary), regia di Peter Yates (1969)
– Il piccolo grande uomo (Little Big Man), regia di Arthur Penn (1970)
– Cane di paglia (Straw Dogs), regia di Sam Peckinpah (1971)
– Chi è Harry Kellerman e perché parla male di me? (Who Is Harry Kellerman and Why Is He Saying Those Terrible Things About Me?), regia di Ulu Grosbard (1971)
– Alfredo, Alfredo, regia di Pietro Germi (1972)
– Papillon, regia di Franklin J. Schaffner (1973)
– Lenny, regia di Bob Fosse (1974)
– Tutti gli uomini del presidente (All the President’s Men), regia di Alan J. Pakula (1976)
– Il maratoneta (Marathon Man), regia di John Schlesinger (1976)
– Vigilato speciale (Straight Time), regia di Ulu Grosbard (1978)
– Il segreto di Agatha Christie (Agatha), regia di Michael Apted (1979)
– Kramer contro Kramer (Kramer vs. Kramer), regia di Robert Benton (1979)
– Tootsie, regia di Sidney Pollack (1982)
– Ishtar regia di Elaine May (1987)
– Rain Man – L’uomo della pioggia (Rain Man), regia di Barry Levinson (1988)
– Sono affari di famiglia (Family Business), regia di Sidney Lumet (1989)
– Dick Tracy, regia di Warren Beatty (1990)
– Billy Bathgate – A scuola di gangster (Billy Bathgate), regia di Robert Benton (1991)
– Hook – Capitan Uncino (Hook), regia di Steven Spielberg (1991)
– Eroe per caso (Hero), regia di Stephen Frears (1992)
– Virus letale (Outbreak), regia di Wolfgang Petersen (1995)
– American Buffalo, regia di Michael Corrente (1996)
– Sleepers, regia di Barry Levinson (1996)
– Mad City – Assalto alla notizia (Mad City), regia di Costa-Gavras (1997)
– Sesso & potere (Wag the Dog), regia di Barry Levinson (1997)
– Sfera (Sphere), regia di Barry Levinson (1998)
– Giovanna D’Arco (The Messenger: The Story of Joan of Arc), regia di Luc Besson (1999)
– Moonlight Mile – Voglia di ricominciare (Moonlight Mile), regia di Brad Silberling (2002)
– Confidence – La truffa perfetta (Confidence), regia di James Foley (2003)
– La giuria (Runaway Jury), regia di Gary Fleder (2003)
– Neverland – Un sogno per la vita (Finding Neverland), regia di Marc Forster (2004)
– I ? Huckabees – Le strane coincidenze della vita (I Heart Huckabees), regia di David O. Russell (2004)
– Mi presenti i tuoi? (Meet the Fockers), regia di Jay Roach (2004)
– Lemony Snicket – Una serie di sfortunati eventi (Lemony Snicket’s A Series of Unfortunate Events), regia di Brad Silberling (2004)
– The Lost City, regia di Andy Garcia (2005)
– Profumo – Storia di un assassino (Perfume: The Story of a Murderer), regia di Tom Tykwer (2006)
– L’amore non va in vacanza (The Holiday), regia di Nancy Meyers (2006) – cameo
– Vero come la finzione (Stranger than Fiction), regia di Marc Forster (2006)
– Mr. Magorium e la bottega delle meraviglie (Mr. Magorium’s Wonder Emporium), regia di Zach Helm (2007)
– Oggi è già domani (Last Chance Harvey), regia di Joel Hopkins (2008)
– La versione di Barney (Barney’s Version), regia di Richard J. Lewis (2010)
Vi presento i nostri (Little Fockers), regia di Paul Weitz (2010)
Chef – La ricetta perfetta (Chef), regia di Jon Favreau (2014)

Televisione
– La città in controluce (Naked City) – serie TV, 2 episodi (1961-1963)
– La parola alla difesa (The Defenders) – serie TV, 2 episodi (1962-1965)
– The Nurses – serie TV, 1 episodio (1965)
– The Journey of the Fifth Horse, regia di Larry Arrick e Earl Dawson – film TV (1966)
– The Star Wagon, regia di Karl Genus – film TV (1966)
– Hallmark Hall of Fame – serie TV, 1 episodio (1966)
– ABC Stage 67 – serie TV, 1 episodio (1967)
– Premiere – serie TV, 1 episodio (1968)
– Morte di un commesso viaggiatore (Death of a Salesman), regia di Volker Schlöndorff – film TV (1985)
– Curb Your Enthusiasm – serie TV, episodio 5×10 (2005)
– Luck – serie TV, 10 episodi (2011-2012)

 kramer-vs.-kramer

Premi Oscar e Nomination

– 1998 nomination come miglior attore protagonista per Sesso & potere. Vinse: Jack Nicholson – Qualcosa è cambiato. Gli altri attori candidati erano: Matt Damon – Will Hunting Genio ribelle, Robert Duvall – L’apostolo, Peter Fonda – L’oro di Ulisse.

– 1989 Oscar vinto come miglior attore protagonista per Rain Man. Gli altri attori candidati erano: Gene Hackman – Mississippi Burning, Tom Hanks – Big, Edward James Olmos – La forza della volontà, Max von Sydow – Pelle alla conquista del mondo.

– 1983 nomination come miglior attore protagonista per Tootsie. Vinse: Ben Kingsley – Gandhi. Gli altri attori candidati erano: Jack Lemmon – Scomparso Missing, Paul Newman – Il verdetto, Peter O’Toole – Ospite d’onore.

– 1980 Oscar vinto come miglior attore protagonista per Kramer contro Kramer. Gli altri attori candidati erano: Jack Lemmon – Sindrome cinese, Al Pacino – …e giustizia per tutti, Roy Scheider – All That Jazz, Peter Sellers – Oltre il giardino.

– 1975 nomination come miglior attore protagonista per Lenny. Vinse: Art Carney – Harry e Tonto. Gli altri attori candidati erano: Albert Finney – Assassinio sull’Orient Express, Jack Nicholson – Chinatown, Al Pacino – Il padrino Parte II.

– 1970 nomination come miglior attore protagonista per Un uomo da marciapiede. Vinse: John Wayne – Il grinta. Gli altri attori candidati erano: Richard Burton – Anna dei mille giorni, Peter O’Toole – Goodbye Mr. Chips, Jon Voight – Un uomo da marciapiede.

– 1968 nomination come miglior attore protagonista per Il Laureato. Vinse: Rod Steiger – La calda notte dell’ispettore Tibbs. Gli altri attori candidati erano: Warren Beatty – Gangster Story, Paul Newman – Nick mano fredda, Spencer Tracy – Indovina chi viene a cena?

I Video di Cineblog

Ultime notizie su Oscar

Tutto su Oscar →