• Film

Stasera in tv su Canale 5: “Milano-Palermo: Il ritorno” con Raoul Bova

Canale 5 stasera propone “Milano-Palermo: Il ritorno”, film drammatico del 2007 diretto da Claudio Fragasso e interpretato da Giancarlo Giannini, Raoul Bova, Romina Mondello, Ricky Memphis ed Enrico Lo Verso.

Cast e personaggi

Giancarlo Giannini: Turi Arcangelo Leofonte
Raoul Bova: Nino Di Venanzio
Romina Mondello: Chiara Leofonte
Ricky Memphis: Remo Matteotti
Simone Corrente: Giorgio Zampagna
Gabriella Pession: Elda Fiore
Libero De Rienzo: Libero Proietti
Enrico Lo Verso: Rocco Scalia
Silvia De Santis: Rosaria Tinnaci
Luigi Maria Burruano: Giudice Conti
Nicola Canonico: Cancari
Michele Soavi: Killer, uomo di Scalia

La trama

“Turi Arcangelo Leofonte, (Giancarlo Giannini) il ragioniere della mafia, dopo aver accettato di collaborare con la giustizia, facendo arrestare quasi tutto il clan Scalia, e aver scontato una pena di undici anni di carcere duro, si prepara ad uscire per raggiungere l’ultima destinazione, (all’estero) con una nuova identità, da uomo libero…

Il vecchio Scalia è morto in carcere e suo figlio Rocco, (Enrico Lo Verso) venuto a conoscenza della scarcerazione di Leofonte grazie ad una talpa all’interno del Ministero, organizza un piano per costringerlo a restituire il denaro di suo padre, sparso nei paradisi fiscali di mezzo mondo. Rocco Scalia appartiene alla nuova mafia, quella quotata in banca che agisce nella legalità grazie alle numerose società che gestisce come imprenditore. E’ colto e preparato ama il lusso e l’eleganza.

Della squadra che portò Leofonte a Milano per testimoniare contro la cosca degli Scalia, ritroviamo: Il Vice Questore Aggiunto Nino Di Venanzio (Raoul Bova) e l’Ispettore Superiore Remo Matteotti (Ricky Memphis) che hanno un rapporto d’amicizia consolidato nel tempo e tornano insieme in questa scorta solo ed unicamente per la scarcerazione di Turi Arcangelo Leofonte.

Chiara Leofonte (figlia di Turi) si è sposata e ha due bambini di cui uno autistico anche se in forma lieve. Ha perso il marito in uno scontro a fuoco e sono tre anni che vive da sola a Milano.

Remo Matteotti, prima di partire per la missione, deve preoccuparsi del suo quarto figlio, quello “adottivo” Libero Proietti (Libero De Rienzo). Libero è il fratello di Tarcisio Proietti (Valerio Mastandrea), morto undici anni prima durante la scorta… Remo, amico fraterno di Tarcisio, si occupa di lui cercando di frenarne l’esuberanza. Libero è un agente scelto entrato in polizia contro la volontà di Remo per emulare il fratello. Quanto era pauroso e timido Tarciso (Valerio Mastandrea) tanto è incosciente e sfrenato lui. Libero farà di tutto per entrare nella squadra ma Remo glielo impedirà…

Nella squadra ci sono altri due elementi gli Ispettori: Elda Fiore (Gabriella Pession) e Giorgio Ceccarelli (Simone Corrente) sono una coppia in crisi. Elda è un’esperta d’informatica naviga in rete da vera hacker. … Giorgio non fa parte della squadra ma sostituirà un altro agente all’ultimo momento con la sorpresa di tutti specialmente di Elda.

Da qui in poi si scatena una vera e propria apocalisse di eventi concatenati tra loro, dove la parola prevedibile viene cancellata dal vocabolario…

Storie di antichi rancori, incomprensioni, dolori e drammi del passato che si risolveranno all’interno di questo viaggio allucinante e adrenalinico. Storie “vere” di uomini e donne che non si considerano mai eroi anche quando rischiano la vita…

Il nostro commento

Stasera in tv su Canale 5 Milano-Palermo Il ritorno con Raoul Bova (9)

Quando nel 1995 uscì Palermo-Milano Solo andata, il regista Claudio Fragasso dimostrò che il cinema di genere, e in particolar modo l’action, nonostante una palese impronta televisiva, poteva ancora essere funzionale e coinvolgente sul grande schermo e cosa ancor più importante parlare italiano.

L’operazione però invece che dare il via ad una serie di progetti per il cinema, fu invece ispiratrice di una lunga serie di fiction televisive di ottimo livello e di grande successo, successo che non fece altro che confermare ai produttori la dimensione televisiva del genere.

Fragasso ci riprova e confeziona un film che oltre ad essere fuori tempo massimo soffre di inevitabili paragoni con l’originale, perdendo su tutti i fronti e pagando in consistenza emotiva.

Questo sequel arranca stancamente senza regalarci troppe emozioni, stavolta è la televisione a presentare il conto e in questo secondo capitolo l’aria da tv-movie aleggia su tutta la pellicola.

Milano-Palermo: Il ritorno non fa altro che ricalcare le proprie orme, senza cercare di distaccarsi dal predecessore e senza rinvigorire personaggi e location, quindi il film diverte come farebbe una buona fiction televisiva, ma è lontano anni luce dalla forza evocativa che il grande schermo richiede e pretende.

Curiosità

Stasera in tv su Canale 5 Milano-Palermo Il ritorno con Raoul Bova (6)

– Il film è stato riconosciuto come d’interesse culturale nazionale dalla Direzione generale per il cinema del Ministero per i Beni e le Attività Culturali italiano.

– La location del Parco dell’Hotel in realtà sono le Terme di Montecatini.

– Durante la scena finale del film, nel cielo alle spalle di Raoul Bova appare un globo bianco. Alcuni ritengono che sia un probabile UFO, ripreso nella zona di Allumiere di Civitavecchia, dove è stata girata la scena. [fonte]

La colonna sonora

Stasera in tv su Canale 5 Milano-Palermo Il ritorno con Raoul Bova (3)

–  Le musiche originali del film sono di Pino Donaggio che ha musicato anche l’originale “Palermo-Milano Solo andata”.

– Tra le colonne sonore più celebri di Donaggio ricordiamo musiche per Carrie lo sguardo di Satana, Blow Out, Non ci resta che piangere e Omicidio a luci rosse.

Tema principale – Pino Donaggio:

Poesia – Pino Donaggio:

Clip e video

Stasera in tv su Canale 5 Milano-Palermo Il ritorno con Raoul Bova (1)

Clip con scene tratte dal film:

Interviste al cast:

I Video di Cineblog