• Film

Nelle pieghe del Tempo di Madeleine L’Engle diventa Cinema – alla sceneggiatura Jennifer Lee di Frozen

Pubblicato nel 1962, Nelle pieghe del Tempo di Madeleine L’Engle diventa ora film

52 anni dopo la prima uscita in libreria, il celebre Nelle pieghe del Tempo di Madeleine L’Engle diventerà film grazie alla Disney. Jennifer Lee, co-regista e sceneggiatrice di Frozen, cartoon dai più alti incassi della storia, si occuperà dell’adattamento cinematografico. Inizialmente per ben 4 volte rifiutato perché troppo ‘diverso’, il romanzo della L’Engle finì per vincere un Newbery Medal, un Sequoyah Book Award e un Lewis Carroll Shelf Award, diventando in breve tempo la sua opera più conosciuta ed ammirata. 11 anni fa, era il 2003, sempre la Disney diede vita ad un film tv dal titolo Viaggio nel mondo che non c’è. Diretto da John Kent Harrison, il film venne ovviamente presto dimenticato.

Nelle pieghe del Tempo, tra le altre cose, è solo il primo ‘capitolo’ della serie scritta dalla L’Engle sulle famiglie Murry e O’Keefe. A seguire “A Wind in the Door,” “A Swiftly Tilting Planet” e “Many Waters”, ovvero altre 3 ipotetici film nel caso in cui questa prima trasposizione dovesse andare bene in sala. Al momento non si conosce il nome del regista che andrà ad occuparsi del progetto.

Protagonista della trama Meg Murry, adolescente che sta vivendo un momento difficile. Suo padre, l’astrofisico Dr. Jack Murry, è misteriosamente scomparso. Il suo giovane fratello, Charles Wallace, un genio, è infastidito e sminuito ed è considerato uno stupido perché non rivolge la parola a nessuno al di fuori della sua famiglia. Meg non va d’accordo con i suoi coetanei, con gli insegnanti, con i suoi fratelli gemelli di 10 anni, e persino con se stessa. In questa situazione infelice giunge una sconosciuta, la misteriosa Signora Cosè, che veste in un modo molto strano, e le sue amiche la Signora Chi e la signora Quale. Esse portano Meg, Charles Wallace e il loro nuovo amico Calvin O’Keefe su strani, nuovi altri pianeti, preparando i ragazzi per una missione il cui obiettivo è salvare il Dr. Murry dal malevolo “IT” sul pianeta Camazotz. Il tutto è possibile proprio grazie al TESP-ACT, che permette loro, per l’appunto, di viaggiare tra le pieghe delle varie dimensioni spazio-temporali.

Fonte: Comingsoon.net

I Video di Cineblog