• Film

Stasera in tv su Rai 3: “Margin Call” con Kevin Spacey

Rai 3 stasera propone “Margin Call”, thriller del 2011 scritto e diretto da J. C. Chandor e interpretato da Kevin Spacey, Jeremy Irons, Simon Baker e Zachary Quinto.

Cast e personaggi

Kevin Spacey: Sam Rogers
Paul Bettany: Will Emerson
Jeremy Irons: John Tuld
Zachary Quinto: Peter Sullivan
Penn Badgley: Seth Bregman
Simon Baker: Jared Cohen
Mary McDonnell: Mary Rogers
Demi Moore: Sarah Robertson
Stanley Tucci: Eric Dale
Aasif Mandvi: Ramesh Shah
Ashley Williams: Heather Burke
Susan Blackwell: Lauren Bratberg

Doppiatori italiani

Roberto Pedicini: Sam Rogers
Roberto Chevalier: Will Emerson
Mario Cordova: John Tuld
Emiliano Coltorti: Peter Sullivan
Marco Vivio: Seth Bregman
Sandro Acerbo: Jared Cohen
Roberta Paladini: Sarah Robertson
Luca Biagini: Eric Dale

La trama

Ambientato nel mondo dell’alta finanza, Margin Call è un thriller che coinvolge gli uomini chiave di una grande banca di investimenti durante le drammatiche 24 ore che precedono la crisi finanziaria del 2008.

Quando Peter Sullivan (Zachary Quinto), un semplice analista, entra in possesso di informazioni che potrebbero provocare il fallimento dell’azienda, inizia una frenetica corsa contro il tempo: le decisioni finanziarie e morali in gioco sconvolgeranno la vita delle persone coinvolte spingendole sull’orlo della crisi.

Il nostro commento

Stasera in tv su Rai 3 Margin Call con Kevin Spacey (3)

Debutto alla regia per JC Chandor specialista in pubblicità e documentari che ha la fortuna di poter contare su un cast a dir poco stellare, caso piuttosto raro per una pellicola indipendente qual’è Margin Call e su una sceneggiatura, scritta dallo stesso Chador, che sfrutta alcuni elementi tipici del genere thriller che mantengono la tensione sempre ad un buon livello.

Chandor usa un linguaggio comprensibile, affida la caratterizzazione dei singoli personaggi in toto agli attori e contiene a livelli comprensibili la terminologia tecnica, stiamo sempre parlando di alta finanza, sottolineando a più riprese durante il film l’ignoranza dei piani alti sulle questioni tecniche e matematiche che muovono il mercato.

Margin Call si conferma un film di spessore girato con un notevole gusto estetico che non sacrifica mai il bisogno di realismo di un tema attualissimo, che riporta l’attenzione non solo sulla ciclicità delle crisi economiche, ma anche sulla loro natura figlia di un sistema economico sempre più ambiguo, fallace ed artefatto.

Un esordio davvero notevole quello di Chandor che sfrutta al meglio la coralità di un cast dove tutti, veterani e nuove leve, lavorano all’unisono in un dramma solido e senza sbavature.

Sostanzialmente, Margin Call porta a una verità che è nel contempo toccante e sconvolgente – gli uomini e le donne che hanno creato l’attuale crisi finanziaria sono persone comuni che, malgrado la loro abilità, intelligenza e spesso compensi sorprendenti, sono state vittime della loro stessa negligenza, della loro miopia e dell’ordine sbagliato delle priorità. Wall Street può essere senza anima, ma non le persone che lavorano nelle alte sfere. Margin Call è la storia di queste anime e della loro notte più lunga, più cupa, quando sono costrette a fissare l’abisso di cui sono responsabili.

Curiosità

Stasera in tv su Rai 3 Margin Call con Kevin Spacey (7)

– Nel nutritissimo cast figurano anche Demi Moore, Jeremy Irons, il Simon Baker del serial The Mentalist e lo Zachary Quinto nuovo Spock di Star Trek che ha anche co-prodotto il film con la sua casa di produzione “Before The Door”.

– Il film ha fruito di location newyorkesi con l’80% delle riprese effettuate presso il One Penn Plaza.

– Il regista JC Chandor ha vinto ai National Board of Review Awards come miglior regista esordiente.

– Il film è stato girato in 17 giorni.

– Il nome dell’amministratore delegato John TULD fa rima con il nome dell’ex amministratore delegato Richard S. FULD della banca d’investimento ormai defunta Lehman Brothers che, come l’impresa in questo film, dopo essersi trovata catastroficamente coinvolta nella crisi finanziaria del 2008, ha finalmente dichiarato bancarotta e Richard Fuld è stato fortemente criticato per il suo coinvolgimento in questi eventi.

– La parte di Jeremy Irons di John Tuld è stata originariamente offerta a Ben Kingsley, ma a causa di altri progetti in ballo l’attore ha dovuto declinare l’offerta. Anche Billy Crudup e Tim Robbins erano interessati alla parte, ma anche loro hanno dovuto rifiutare a causa di altri impegni.

– Grace Gummer, terza figlia di Meryl Streep e la stessa attrice hanno girato una scena in cui la Gummer interpretava l’ex fidanzata di Zachary Quinto, ma la scena è stata tagliata (la si può trovare tra  “scene tagliate” negli extra del DVD).

– Carla Gugino è stata collegata al progetto per più di un anno, avrebbe dovuto interpretare ‘Sarah Robertson’, ma ha dovuto ritirarsi all’ultimo minuto a causa di un altro progetto. Fortunatamente Demi Moore è stata in grado di aderire al progetto.

– JC Chandor ha detto che ha scritto la sceneggiatura di una storia che aveva in testa da circa un anno e mezzo in soli quattro giorni.

In economia la richiesta di integrazione (in inglese margin call) è lo strumento principale per diminuire o annullare il rischio di credito nel mercato dei Futures, ossia il rischio che un investitore con una posizione lunga o corta risulti insolvente a fronte di una variazione per lui negativa del valore della posizione assunta (lunga o corta). [via Wikipedia]

La colonna sonora

Stasera in tv su Rai 3 Margin Call con Kevin Spacey (8)

– Le musiche originali del film sono di Nathan Larson, tra le sue altre partiture per il grande schermo segnaliamo la commedia Quell’idiota di nostro fratello, il remake-thriller Silent House e la dark-comedy The Skeleton Twins.

Margin Call Score- Nathan Larson:

Wolves – Phosphorescent:

Prelude, Op. 28, No. 15 di Frédéric Chopin – Eseguita da Valentina Igoshina (nel brano del film eseguita da Violetta Zambetti):

Clip e video

Stasera in tv su Rai 3 Margin Call con Kevin Spacey (5)

I Video di Cineblog