Second Born: uno sci-fi per Park Chan-Wook

Second Born per Park Chan-Wook

Archiviato lo straordinario e sottovalutato Stoker, autentico gioiello del 2013, l'immenso Park Chan-Wook torna al cinema americano con un secondo film, Second Born, sceneggiato da David Jagernauth. Parola di Variety.

La pellicola sarà ambientata in un futuro in cui l'umanità si servirà di microchip neurali per memorizzare la propria coscienza. Questo significa che chiunque potrà scambiare il proprio corpo con quello di un altro, mantenendo i propri pensieri. Peccato che tutto ciò abbia alimentato un mercato nero di corpi rubati.

ITALY-CINEMA-FESTIVAL

A produrre il tutto la Rumble Films di David Lancaster, insieme a Stephanie Wilcox e Wonjo Jeong. La Derby Street finanzierà la pellicola con il proprio amministratore delegato, Nicola Horlick, di fatto produttore esecutivo insieme a James Gibb e Jon Shiffman. Lancaster ha recentemente messo mano a due gioielli come Whiplash e Nightcrawler. Regista cult di Mr. Vendetta, Oldboy e Lady Vendetta, il 51enne regista e sceneggiatore sudcoreano ha fatto flop con il suo primo titolo americano, Stoker per l'appunto, costato 12 milioni di dollari e incapace di andare oltre i 12 milioni incassati in tutto il mondo. Disastroso il risultato sul mercato a stelle e strisce, con appena 1,714,221 dollari raccolti. Inspiegabile.

Circa un mese fa, come dimenticarlo, il regista è stato al Festival Internazionale del Film di Roma per presentare un suo nuovo corto, A Rose Reborn, interpretato da Jack Huston e Daniel Wu.

Fonte: Collider

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail