20 film horror da vedere secondo Rolling Stone

20 pellicole horror da scoprire o rivedere

Il sito RollingStone ha stilato la classifica 20 Scariest Horror Movies You've Never Seen selezionando 20 film horror per soddisfare il desiderio dei loro lettori di spaventarsi un po'. Hanno scelto 20 titoli particolari, qualcosa di diverso dai "soliti" film horror, film horror che secondo RollingStone "probabilmente non avete visto". Ora, so che i lettori di Cineblog sono grandi cultori e appassionati del genere horror ma spero che troverete pellicole ancora sconosciute. Da scoprire e da vedere. Ecco le scelte e i pareri di RS:

Audition (1999) di Takashi Miike
Per i suoi primi 80 minuti o giù di lì, questo film sembra una piccola storia d'amore tra il vedovo Shigeharu e la fragile e dolce Asami, due anime ferite che si sono miracolosamente ritrovati. Poi un sacco si muove misteriosamente e... arriva l'inferno. Il maestro Takashi Miike individua efficacemente i punti di pressione e le parti più sensibili del nostro inconscio e poi procede a bucarli allegramente "sempre più in profondità", come sussurra Asami. Il sadismo di Audition è una manifestazione estrema del gioco di potere tra uomini e donne. Preparatevi.

La morte dietro la porta (1972) di Bob Clark
Ad una famiglia americana viene appena detto che il figlio maggiore Andy è morto in Vietnam. La notizia è scioccante, ma ancora più è vedere Andy presentarsi, non molto tempo dopo, alla porta di casa. Ma qualcosa in lui sembra diverso.

The Descent - Discesa nelle tenebre (2005) di Neil Marshall
Praticamente la peggiore campagna di marketing per la speleologia. L'implacabile horror di Neil Marshall trasforma un'innocua spedizione di speleologia tra amiche in un viaggio nelle vostre peggiori paure.

Excision (2012) di Richard Bates
Il cinema horror ama ama i ragazzi disadattati, ma pochi sono contorte, divertente, antipatico e provocante come Pauline che ha ha aspirazioni chirurgiche e fantasie necrofile. AnnaLynne McCord divora il suo ruolo, ma il regista Richard Bates è la vera star: usa abilmente il suo umorismo per sottolineare la brutalità della sceneggiatura e il suo talento visivo trasforma questa storia in un vero e proprio incubo.

Funny Games (1997) di Michael Haneke
Il thriller psicologico di Michael Haneke elimina la sconnessione mentale tra spettatore e assassini.

God Told Me To (1976) di Larry Cohen
Un detective di New York indaga su una serie di omicidi commessi da persone che sostengono "Dio mi ha detto di farlo". Diretto da Larry Cohen e ingiustamente dimenticato: una profezia della morale perversa dietro l'estremismo del 21esimo secolo.

La Casa del Diavolo (2009) di Rob Zombie
Pochi registi di oggi conoscono l'importanza nel costruire gradualmente l'horror. Ecco invece Rob Zombie.



I Saw the Devil (2010) di Kim Jee-woon
"Oldboy" può essere uno degli esempi più sbandierati dello stile ultraviolento del cinema della Corea del Sud, ma sembra un gioco da ragazzi rispetto a questo racconto Grand Guignol firmato da Kim Jee-woon.

Inside - À l'intérieur (2007) di Alexandre Bustillo e Julien Maury
Come scopriremo presto, il titolo ha un doppio significato. Complimenti all'avvincente Béatrice Dalle. Visione da evitare durante la gravidanza.

Kill List (2011) di Ben Wheatley
Il film di Ben Wheatley inizia come un dramma familiare tra un uomo e sua moglie; si snoda come un thriller e finisce nel regno di un incubo surreale.

Martyrs (2008) di Pascal Laugier
"Martyrs" di Pascal Laugier è una meditazione profondamente inquietante sulla stessa sofferenza, brutale filosoficamente e fisicamente. E se riuscite a finirlo, non lo dimenticherete.

May (2002) di Lucky McKee
Strano è un termine relativo per il primo lungometraggio del regista Lucky McKee dove una ragazza cerca di connettersi con il mondo esterno.

The Orphanage (2007) di Juan Antonio Bayona
Il regista Juan Antonio Bayona evita un eccessivo affidamento sulla CGI a favore di elementi più gotici e tradizionali per questa storia di fantasmi per un film horror che premia la pazienza.

La casa ai confini della realtà (1988) di Bernard Rose
Un'adolescente scontroso combatte le sue nevrosi psicosessuali inconsce e i litigi dei genitori entrando di notte in un mondo onirico ispirato ad un disegno di una casa che distrattamente ha scarabocchiato a scuola. Non c'è niente di più spaventoso della vostra selvaggia corsa all'immaginazione.

Possession (1981) di Andrzej Żuławski
La nostra attenzione deve essere rivolta soprattutto all'interpretazione di Isabelle Adjani. Se non altro, questo gioiello vi farà pensare due volte prima di aggiungere un coltello elettrico alla vostra lista nozze.

L'insaziabile (1999) di Antonia Bird
"Ravenous" è un buon film cannibal-horror e uno degli esempi più belli del cinema del sottogenere fantawestern. Una commedia nera gore e divertente.

Severance - Tagli al personale (2006) di Christopher Smith
Per molti poveri colletti bianchi l'idea di viaggio premio con tutti i colleghi è abbastanza per suscitare brividi lungo la spina dorsale.

The Signal (2007) di David Bruckner, Dan Bush e Jacob Gentry
Quando ogni TV, radio e telefono in città cominciano a trasmettere un segnale che porta le persone alla follia e all'omicidio, Justin Welborn e Anessa Ramsey devono cercare di sopravvivere abbastanza a lungo per salvarsi tra gli attacchi di massa.

Tesis (1996) di Alejandro Amenábar
Mentre sta lavorando ad una tesi sulla violenza nel cinema, Angela scopre un film in cui una studentessa, scomparsa due anni prima, è stato torturata e uccisa.

Cannibal Love - Mangiata viva (2001) di Claire Denis
Claire Denis spesso non compare nelle liste dei registi maestri horror ma si è dimostrato un vero genio con questo splendido e scioccante film. Il centrotavola cruento del film è la rappresentazione della fame estrema erotica come raccapricciante ma stranamente sexy.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: