The Imitation Game: le recensioni dagli Usa

Leggiamo insieme le recensioni Americane del film "The Imitation Game" con Benedict Cumberbatch in una incredibile storia vera

Non ho ancora visto The Imitation Game ma sono curiosa di vedere come hanno trasportato sullo schermo la storia geniale e triste di Alan Turing. Dopo aver letto la nostra recensione, oggi guardiamo insieme i pareri dei critici Americani. Su RottenTomatoes, mentre scrivo, la percentuale dei voti positivi è arrivata all'89%. Uau. The Imitation Game è diretto da Morten Tyldum e interpretato da Keira Knightley, Benedict Cumberbatch (nei panni di Alan Turing), Matthew Goode, Charles Dance, Mark Strong, Rory Kinnear, Allen Leech, Tuppence Middleton, Tom Goodman-Hill, Matthew Beard, Steven Waddington.

968full-the-imitation-game-screenshot

Lisa Kennedy - Denver Post: il ritratto di Benedict Cumberbatch del matematico britannico è un atto sfumato di intelligenza, un ritratto di angoscia, con sentori di umorismo arido.

Steven Rea - Philadelphia Inquirer: Prodotto con lo zelo di un missionario per onorare un uomo ingiustamente disonorato. Voto: 3/4

Joe Williams - St. Louis Post-Dispatch: Benedict Cumberbatch è l'uomo del momento, e ci regala una performance dolorosamente umana. Voto: 3.5 / 4

Bill Zwecker - Chicago Sun-Times: ad oggi, la performance migliore di Benedict Cumberbatch sul grande schermo. Voto: 4/4



Cary Darling - Fort Worth Star-Telegram / ​​DFW.com: una buona interpretazione di Benedict Cumberbatch. Voto: 4/5


Rene Rodriguez - Miami Herald: vibrante e vivace, coinvolgente su più livelli. Voto: 3/4

Rafer Guzman - Newsday: l'interpretazione finemente calibrata di Benedict Cumberbatch aiuta a portare in vita una delle storie meno note della storia e delle ingiustizie più vergognose. Voto: 3/4

James Berardinelli - ReelViews: è facile vedere il film come un trionfo - dopo tutto, Turing ha compiuto quello che tutti gli esperti sostenevano fosse impossibile - ma è altrettanto evidente che alla base del trionfo c'è una tragedia. Voto: 3.5 / 4

Geoff Pevere - Globe and Mail: il film avrebbe potuto rischiare - e rivelare - molto di più. Voto: 2.5 / 4


Peter Howell - Toronto Star: Un film bello che riesce anche come buon intrattenimento. Voto: 3.5 / 4







Jocelyn Noveck - Associated Press: La storia di Turing è davvero difficile da immaginare. Grazie alla interpretazione impegnata di Cumberbatch, molte più persone lo sapranno. Voto: 3.5 / 4


AO Scott - New York Times: è un film altamente convenzionale su un uomo profondamente insolito.

Chris Nashawaty - Entertainment Weekly: Il film è ancorato da una complessa interpretazione di Cumberbatch. Voto: B +

Peter Travers - Rolling Stone: La forza primaria del film è Cumberbatch. Voto: 3.5 / 4

Claudia Puig - USA Today: interpretazione da Oscar di Benedict Cumberbatch. Voto: 3/4

Rex Reed - New York Observer: è una storia triste e straziante che ti tiene inchiodato allo schermo. Voto: 4/4


Mike D'Angelo - AV Club: il film è al suo meglio quando si concentra sulla collisione tra crittografia e proto-programmazione. Gli sforzi del film di funzionare come uno studio del personaggio, invece, sono decisamente goffi. Voto: B-


Lou Lumenick - New York Post: avvincente.

James Rocchi - Film.com: Forte, trionfante e tragico, il film può essere su un uomo che ha cambiato il mondo, ma è anche sul mondo che ha distrutto un uomo. Voto: 7.9 / 10

Todd McCarthy - Hollywood Reporter: Avvincente, ben strutturato e purtroppo tragico.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: