Anita Ekberg è morta: il ricordo di Blogo

Anita Ekberg, musa di Fellini, è morta questa mattina. Il ricordo di Blogo

di cuttv

Anita Ekberg è morta: l’ottantatreenne musa di Federico Fellini, malata da tempo, è deceduta questa mattina nella clinica San Raffaele di Rocca di Papa, dove era ricoverata da tempo.

L’attrice svedese nata Kerstin Anita Marianne Ekberga a Malmö, il 29 settembre 1931, si è spenta nella clinica dei Castelli Romani che guardano Roma dall’alto, e questa icona del cinema e de La Dolce Vita di Federico Fellini sin dagli anni ’60.

Il suo “ghiaccio bollente”, capace di sedurre Dino Risi, Frank Sinatra e Gianni Agnelli, quanto l’italiano medio e renderla una sorta di monumento carnale alla femminilità più fatale in tutto il mondo, non ha mai lasciato Roma, vivendo in Italia dagli anni ’60 e da anni a Genzano, in una villa in località Montegiove, alle porte della città eterna che l’ha resa icona immortale.

La bellezza giunonica arrivata al cinema dopo aver conquistato il titolo di Miss Svezia a 19 anni, non ha mai smesso di fare il bagno nella splendida fontana di Piazza Navona di Roma, mentre la sua voce straniera e appassionata continua a chiamare Marcello Mastroianni.

«Marcello come here» (Marcello vieni qui)

Lo stesso Fellini nell’episodio caricaturale e grottesco de Le tentazioni del dottor Antonio in Boccaccio ’70, la sceglie per incarnare la sensualità femminile, ossessionando un moralista in una fantastica e simbolica messinscena, e poi nella parte di se stessa per I clowns (1970) e Intervista (1987), sempre a a Roma gira anche La dolce pelle di Angela e Il conte Max.

Un lutto che colpisce tutto il cinema, sedotto dalla sua bellezza procace sin dagli esordi nel 1953, quando il produttore Howard Hughes la scelse per il piccolo ruolo nel Viaggio sul pianeta Venere con i comici Gianni e Pinotto, seguito da Artisti e Modelle al fianco di Jerry Lewis e Dean Martin, e poi Hollywood o morte! di Frank Tashlin nel 1956 con il quale vince il Golden Globe come migliore attrice emergente.

446px-Anita_Ekberg

Un fascino che si lascia notare Nel segno di Roma diretto da Guido Brignone e nel kolossal Guerra e pace di King Vidor, nei Mongoli di André De Toth e in A porte chiuse diretto dal fidanzato (per un po’) Dino Risi.

Il nostro saluto è per la donna e la sex symbol dalla filmografia cinematografica eclettica che spazia dal western Hollywoodiano allo spaghetti western italiano, dalla commedia al thriller, recitando al fianco di Dean Martin, Frank Sinatra e Ursula Andress ne I 4 del Texas di Robert Aldrich, o Alberto Sordi con Scusi, lei è favorevole o contrario?.

Filmografia Anita Ekberg

L’avventuriero della Louisiana (The Mississippi Gambler), non accreditata, regia di Rudolph Maté (1953)
Portami in città (Take Me to Town), non accreditata, regia di Douglas Sirk (1953)
Viaggio al pianeta Venere (Abbott and Costello Go to Mars), regia di Charles Lamont (1953)
La spada di Damasco (The Golden Blade), regia di Nathan Juran (1953)
Oceano rosso (Blood Alley), regia di William A. Wellman (1955)
Artisti e modelle (Artists and Models), regia di Frank Tashlin (1955)
Guerra e pace (War and Peace), regia di King Vidor (1956)
Ritorno dall’eternità (Back from Eternity), regia di John Farrow (1956)
Hollywood o morte! (Hollywood or Bust!), regia di Frank Tashlin (1956)
La camera blindata (Man in the Vault), regia di Andrew V. McLaglen (1956)
Zarak, regia di Terence Young (1956)
International police (Interpol), regia di John Gilling (1957)
La donna del ranchero (Valerie), regia di Gerd Oswald (1957)
Paris Holiday, regia di Gerd Oswald (1958)
La statua che urla (Screaming Mimi), regia di Gerd Oswald (1958)
Oltre il confine (The Man Inside), regia di John Gilling (1958)
Nel segno di Roma, regia di Guido Brignone (1958)
La dolce vita, regia di Federico Fellini (1960)
Apocalisse sul fiume giallo, regia di Renzo Merusi (1960)
Le tre eccetera del colonnello, regia di Claude Boissol (1960)
Anonima cocottes, regia di Camillo Mastrocinque (1960)
A porte chiuse, regia di Dino Risi (1961)
I mongoli, regia di Leopoldo Savona (1961)
Boccaccio ’70, episodio Le tentazioni del dottor Antonio, regia di Federico Fellini (1962)
Chiamami Buana (Call Me Bwana), regia di Gordon Douglas (1963)
I 4 del Texas (4 for Texas), regia di Robert Aldrich (1963)
Bianco, rosso, giallo, rosa, regia di Massimo Mida (1964)
Poirot e il caso Amanda (The Alphabet Murders), regia di Frank Tashlin (1965)
Sopra e sotto il letto (Das Liebeskarussell), episodio Lolita, regia di Axel von Ambesser (1965)
Come imparai ad amare le donne (Das gewisse Etwas der Frauen), regia di Luciano Salce (1966)
Stazione Luna (Way… Way Out), regia di Gordon Douglas (1966)
Scusi, lei è favorevole o contrario?, regia di Alberto Sordi (1966)
La sfinge d’oro, regia di Luigi Scattini (1967)
Il cobra, regia di Mario Sequi (1967)
Sette volte donna, regia di Vittorio De Sica (1967)
La lunga notte di Tombstone (Crónica de un atraco), regia di Jesùs Balcàzar (1968)
Candidato per un assassinio (Un sudario a la medida), regia di José María Elorrieta (1969)
Se è martedì deve essere il Belgio (If It’s Tuesday, This Must Be Belgium), regia di Mel Stuart (1969)
Malenka, la nipote del vampiro (Malenka), regia di Armando De Ossorio (1969)
La morte bussa due volte (Blonde Köder für den Mörder), regia di Harald Philippe (1969)
Quella chiara notte d’ottobre, regia di Massimo Franciosa (1970)
Il divorzio, regia di Romolo Guerrieri (1970)
Il debito coniugale, regia di Franco Prosperi (1970)
I clowns, regia di Federico Fellini (1970)
La lunga cavalcata della vendetta, regia di Amerigo Anton (1972)
Northeast of Seoul, regia di David Lowell Rich (1972)
Casa d’appuntamento, regia di Ferdinando Merighi (1972)
Anno Schmidt, regia di Sebastian Schadhauser (1974)
Das Tal der tanzenden Witwen, scene tagliate, regia di Volker Vogeler (1975)
Suor Omicidi, regia di Giulio Berruti (1978)
S.H.E. la volpe, il lupo e l’oca selvaggia (S+H+E: Security Hazards Expert), regia di Robert Michael Lewis (1980)
Cicciabomba, regia di Umberto Lenzi (1982)
La dolce pelle di Angela, regia di Andrea Bianchi (1986)
Intervista, regia di Federico Fellini (1987)
Il conte Max, regia di Christian De Sica (1991)
Cattive ragazze, regia di Marina Ripa di Meana (1992)
Dov’era lei a quell’ora?, regia di Antonio Maria Magro (1992)
Ambrogio, regia di Wilma Labate (1992)
Bambola, regia di Bigas Luna (1996)
Il nano rosso (Le nain rouge), regia di Yvan Le Moine (1998)

Ultime notizie su Filmografie

Tutto su Filmografie →