INLAND EMPIRE secondo Mauro

E concludiamo l’iniziativa legata ad INLAND EMPIRE con la mail di Massimo che ci scrive:Ciao a voi tutti di Cineblog… dopo aver visto INLAND EMPIRE domenica, ho scritto qualche riga a proposito della trama. La mia vuole essere solo una tra le tante interpretazioni possibili, sia molto molto chiaro. Ve la mando anche se non

di carla,

E concludiamo l’iniziativa legata ad INLAND EMPIRE con la mail di Massimo che ci scrive:

Ciao a voi tutti di Cineblog…
dopo aver visto INLAND EMPIRE domenica, ho scritto qualche riga a proposito della trama.
La mia vuole essere solo una tra le tante interpretazioni possibili, sia molto molto chiaro.
Ve la mando anche se non si può strettamente considerare una recensione…
Il mio avvertimento è: leggetela solo dopo aver visto il film!
Saluti
Mauro

Per questo abbiamo deciso di mettere tutto il suo scritto dopo “continua”. Leggete a vostro rischio e pericolo… Ringraziamo tutti per aver partecipato, i gadget in premio arriveranno a due persone: a Luca per la sua recensione negativa e all’analisi di Massimo… complimenti! Ed ora via con “l’interpretazione ragionata” di Mauro…

INLAND EMPIRE – Un’interpretazione ragionata

Il film inizia con una scena in un motel, vedremo dopo che questa scena è collegata alle vicende dell’attrice polacca, detta anche la Ragazza Perduta.

Subito dopo compare Nikki, interpretata da Laura Dern; è un’attrice in lizza per una parte importante, e riceve la visita di una nuova vicina.
La nuova vicina è un elemento mistico; esistono infatti delle potenti forze ultraterrene che avranno un ruolo molto importante nel film. Queste forze sono sia di tipo benigno che maligno. Allo stato attuale non è chiaro se la nuova vicina sia una rappresentante delle forze maligne o di quelle benigne; personalmente propendo più per la seconda. Teniamo presente però che nell’immaginario di Lynch spesso gli elementi mistici non sono connotati di caratteristiche positive o negative, hanno solo delle comunicazioni o profezie da fare. In questo film tornano molte tematiche già presenti in Twin Peaks, Fuoco cammina con me, Lost Highway e Mulholland Drive; per quel che riguarda queste figure che hanno delle profezie, si può ipotizzare che vogliano aiutare coloro a cui parlano, ma sono impossibilitati a fare qualsiasi cosa che non sia comunicare (tra l’altro in maniera piuttosto criptica e simbolica) con loro.
Le profezie della nuova vicina riguardano il fatto che Nikki otterrà la parte, che il film riguarderà il matrimonio e che riguarderà anche un omicidio. Racconta anche due storie, la prima che riguarda un ragazzo che scopre il male e che delinea le origini del Fantasma (personaggio che ritroveremo in seguito), la seconda su una bambina che si perde in una strada dietro ad un mercato; questa riguarda il momento in cui Nikki si perderà nella maledizione del film.
Parlando con Nikki, il discorso si fa sempre più confuso, fino ad evidenziare una confusione della stessa Nikki, che sembra avere problemi nel suo passato e problemi con la sua memoria e la dimensione temporale.

Avviene quindi un salto temporale al momento in cui Nikki scopre di avere ottenuto la parte. Questo è solo il primo di una lunga serie di salti temporali, che assieme ai salti spaziali avranno un peso enorme nel secondo segmento del film.
Comincia il primo segmento del film, che è molto lineare e si può seguire in maniera narrativa abbastanza bene. Nikki inizia a lavorare al film (che si intitola ‘On High In Blue Tomorrows’) e conosce il suo co-protagonista Devon, famoso per essere un casanova. Tra di loro scatta un’attrazione, ma cedere significherebbe rompere il sacro vincolo del matrimonio, visto che Nikki è sposata e tra l’altro ha un marito molto geloso.
Curiosamente, anche il film che Nikki e Devon iniziano a girare tratta di due personaggi che si conoscono, Sue e Billy, che provano attrazione reciproca ma sono entrambi già sposati.
Oltre a ciò, ben presto Nikki e Devon scoprono che non è la prima volta che si cerca di girare ‘On High In Blue Tomorrows’. C’era già stato un tentativo, ma il film non era mai stato finito, e si era sparsa la voce che il film fosse maledetto. Qui scopriamo anche che il titolo del vecchio film mai finito sarebbe dovuto essere ‘Quarantasette’, almeno nella versione tedesca del film.

Ben presto la maledizione del film colpisce e Nikki si perde nel film. Tutto il secondo segmento del film si svolge in un ultraterreno mondo che comprende molti diversi livelli spaziotemporali, in cui Nikki si aggira sempre più disorientata. Ne è la riprova che tutti si rivolgono a lei chiamandola Sue, che è il personaggio che dovrebbe interpretare nel film. La stessa Nikki si rivolgerà a Devon chiamandolo sempre Billy.
L’attrazione che è scattata tra Nikki e Devon ha permesso alla maledizione del film di colpire, in modo da punire la rottura del sacro valore del matrimonio.
Nikki accede al mondo maledetto attraverso una porta con la scritta ‘Axxon N’. Questa scritta è riferita ad un programma radio della regione baltica, ad indicare quindi una connessione con la Ragazza Perduta. Ma si pronuncia anche in maniera simile ad ‘Action’, che è la classica parola pronunciata dal regista prima di girare una scena. Questo ad indicare nuovamente che Nikki è persa nel film.
Nikki si trova ad attraversare una progressiva e fortissima perdita dell’identità, assumendo di volta in volta ruoli e personalità diverse, oltre a passare costantemente in luoghi e tempi diversi. Come se non bastasse, Nikki si trova anche a doversi confrontare con le sue più grandi paure, che nel suo caso sono quella di diventare un relitto della società, una povera barbona costretta a prostituirsi per sopravvivere.
Torna in quest’ultimo caso un grande tema di Lynch, quello di Hollywood come macchina che promettendo sogni distrugge la vita delle giovani attrici che ci giungono piene di speranze.
Nikki ha sposato un uomo per i suoi soldi, e si sente già una prostituta, perdere inoltre la sua celebrità e l’agiatezza economica è il più grande dei suoi incubi.
Nikki si trova a dover interpretare tre ruoli principali, quello di Sue, quello della prostituta e quello della Ragazza Perduta. Se i primi due sono abbastanza chiari, il terzo è quello dell’attrice polacca che ha lavorato sul set di ‘Quarantasette’. Anch’essa è caduta nella stessa maledizione in cui si trova Nikki, e poiché la sua più grande paura era quella di essere separata dal marito e dal figlio, si trova bloccata in una stanza di motel e può solo osservare in televisione le vicende di Nikki piangendo. Il Fantasma, che è la vera figura malvagia e persecutoria del film, l’ha ridotta ad una schiava sessuale e confinata in una stanza, e lei non può liberarsi da sola.
A proposito del Fantasma, ricordiamoci che ci viene detto che ha una sorella con una gamba di legno; tornerà in seguito.
Nikki si trova a rivivere alcune vicende accadute nel passato alla Ragazza Perduta, i problemi col marito, il momento in cui gli comunica di essere rimasta incinta – a Nikki viene inoltre rivelato che ha un compito preciso, quello di ‘saldare un conto che è rimasto in sospeso’; si tratta dell’ingiusto destino che il Fantasma ha scelto per la Ragazza Perduta. Anche la Ragazza Perduta aveva il sogno di diventare una stella; anche la Ragazza Perduta ha subito la persecuzione del Fantasma ed ha avuto un’oscura storia di tradimento e omicidio. La scena della Presenza, quella in cui il marito della Ragazza Perduta può sentirla ma non vederla, si svolge nel momento in cui lei è confinata nella stanza (che più tardi scopriremo essere la numero Quarantasette); il marito la sta cercando perché è sparita, e si rivolge ad un gruppo di sensitivi che cerca di metterli in contatto. Nella stanza in cui è prigionera la Ragazza Perduta, affronta la sua paura di essere sola, immaginando la morte del figlio e l’abbandono del marito, partito per unirsi ad un circo – illusioni che Nikki si troverà a riveivere.
Non scordiamoci che ci sono forze ultraterrene interessate al destino dei personaggi: è questo il senso delle scene da ‘sitcom dell’assurdo’ dei Conigli-Asini. Queste scene sono soltanto una manifestazione delle potenti forze mistiche che circondano il film; l’angosciante incomprensibilità di queste scene rimanda alla nostra impossibilità di comprendere queste forze.
Il Fantasma utilizza l’ipnosi su di un personaggio, Doris Side interpretata da Julia Ormond, per colpire Nikki. Il Fantasma aveva fatto la stessa cosa in passato, costringendola a commettere l’omicidio nella linea temporale della Ragazza Perduta. Mentre interpreta la prostituta, Nikki è colpita con un cacciavite allo stomaco da Doris. Camminando agonizzante nella Hall of fame, Nikki si trova ad affrontare la morte accasciata in un angolo con tre persone, una delle quali, una ragazza asiatica, in un lungo racconto introduce un nuovo personaggio di nome Nico.
Nico è direttamente collegata con Nikki e con la Ragazza Perduta. Nico è anch’essa una derelitta, una donna vittima di violenze, una drogata costretta a prostituirsi per sopravvivere; eppure Nico semplicemente mettendosi una parrucca bionda sembra divenire una stella del cinema, bellissima.
Nico è però condannata, ha una ferita, uno squarcio che dalla vagina sale fino allo stomaco: il richiamo in questo caso è alla ferita causata dal cacciavite di Nikki e alla ferita fantasma nella vagina della Ragazza Perduta, che, essendo separata dal figlio, immagina simbolicamente un vuoto nei suoi genitali.
Nikki attraversa una morte simbolica, e riusciamo a vederla di nuovo nella realtà: la scena nella Hall of fame è infatti parte di ‘On High In Blue Tomorrows’. Gli spettatori possono quindi vederla nella realtà del set cinematografico, ma Nikki è ancora intrappolata nella maledizione; la vediamo comportarsi in modo strano, e torna di nuovo sul piano spaziotemporale in cui si è persa.
A questo punto Nikki riesce, sparando diversi colpi di pistola, ad uccidere il Fantasma; questa vittoria le è stata consentita dalle invisibili forze benefiche che la aiutano. Una volta ucciso il Fantasma, Nikki può finalmente raggiungere la stanza Quarantasette, dove attraverso un bacio libera la Ragazza Perduta. La Ragazza Perduta può così finalmente tornare all’affetto dei suoi cari, il marito e il figlio. La stessa Nikki è finalmente libera e può riprendere la propria vita, avvenimento che viene simboleggiato nella scena in cui Nikki vede se stessa su un divano in una splendente versione angelicata.
Nel finale vediamo la sorella del Fantasma, la donna con la gamba di legno, e un gruppo di ragazze, tra cui Nico, che canta una canzone. La presenza di queste due donne è intesa ad introdurre un dubbio che stempera il lieto fine del film. Sono presenze benvole? O invece malevole, ad indicare che la maledizione aspetta solo la prossima occasione per colpire?

In queste righe ho voluto dare una mia interpretazione della storia e non ho inserito nessun commento qualitativo. Non posso quindi esimermi dal dire che ritengo questo film un altro capolavoro di Lynch, a livello emozionale disturbante, inquietante e sfibrante. E devo anche dire qualcosa sull’interpretazione incredibile della Dern, che regge il peso del film ed esce magistralmente da una prova difficilissima.