• Film

DGA 2015, le nomination per i 5 registi dell’anno

Fuori David Fincher e Christopher Nolan. Le nomination dei DGA 2015

A due giorni dalle candidature agli Oscar e ormai archiviati i Golden Globe, prosegue la stagione dei premi con le nomination ai DGA Awards 2015, premi assegnati annualmente dalla Directors Guild of America, sindacato che rappresenta i registi statunitensi. Negli ultimi 30 anni solo in due casi il vincitore del DGA non ha poi vinto anche l’Oscar. Nel 2000, quando l’Ang Lee de La Tigre e il Dragone venne ‘sconfitto’ in casa Academy dal Traffic di Soderbergh, e nel 2002, quando il Rob Marshall di Chicago (poi Miglior Film) venne battuto dal Pianista di Roman Polanski.

Nel resto dei casi, dal 1986 ad oggi, i due vincitori sono sempre stati gli stessi. Ebbene per l’edizione 2015 saranno Wes Anderson (The Grand Budapest Hotel), Alejandro Inarritu (Birdman), Richard Linklater (Boyhood), Morten Tyldum (The Imitation Game) e Clint Eastwood (American Sniper) a giocarsi il DGA. Proprio quest’ultimo, che ha vinto il riconoscimento sia nel 1992 che nel 2004, risulta probabilmente ‘l’imbucato’. Perché Clint ha fatto nettamente di meglio rispetto ad American Sniper e perché tanto David Fincher (Gone Girl) quanto Ava DuVernay (Selma) avrebbero meritato il suo posto. Sull’assenza di Christopher Nolan, storicamente poco ‘ammirato’ dai suoi stessi colleghi, stendiamo ormai un velo pietoso.

Bisognerà ora vedere se agli Oscar proprio la DuVernay, accalamta dalla critica, riuscirà a spodestare il vecchio e indistruttibile Clint. I veri grandi favoriti, appare è evidente, sono 3. Ovvero Richard Linklater, già Golden Globe, Wes Anderson e Alejandro Inarritu, che proprio ai Globi si sono divisi i riconoscimenti (Miglior Commedia e Miglior Sceneggiatura). Tra i candidati solo Eastwood, come detto, ha già assaporato il gusto del DGA. Per tutti gli altri sarà una piacevole prima volta.

DGA 2015 – i candidati
– Wes Anderson (The Grand Budapest Hotel)
– Alejandro Inarritu (Birdman)
– Richard Linklater (Boyhood)
– Clint Eastwood (American Sniper)
– Morten Tyldum (The Imitation Game)

DGA Story: tutti i vincitori

1948 – Joseph Mankiewicz, Lettera a tre mogli (A Letter to Three Wives)
1949 – Robert Rossen, Tutti gli uomini del re (All the King’s Men)
1950 – Joseph Mankiewicz, Eva contro Eva (All About Eve)
1951 – George Stevens, Un posto al sole (A Place in the Sun)
1953 – John Ford, Un uomo tranquillo (The Quiet Man)
1954 – Fred Zinnemann, Da qui all’eternità (From Here to Eternity)
1954 – Elia Kazan, Fronte del porto (On the Waterfront)
1955 – Delbert Mann, Marty, vita di un timido (Marty)
1956 – George Stevens, Il gigante (Giant)
1957 – David Lean, il ponte sul fiume Kwai (The Bridge on the River Kwai)
1958 – Vincente Minnelli, Gigi
1959 – William Wyler, Ben-Hur
1960 – Billy Wilder, L’appartamento (The Apartment)
1961 – Robert Wise, West Side Story
1962 – David Lean, Lawrence d’Arabia (Lawrence of Arabia)
1963 – Tony Richardson, Tom Jones
1964 – George Cukor, My Fair Lady
1965 – Robert Wise, Tutti insieme appassionatamente (The Sound of Music)
1966 – Fred Zinnemann, Un uomo per tutte le stagioni (A Man for All Seasons)
1967 – Mike Nichols, Il laureato (The Graduate)
1968 – Anthony Harvey, Il leone d’inverno (The Lion in Winter)
1969 – John Schlesinger, Un uomo da marciapiede (Midnight Cowboy)
1970 – Franklin Schaffner, Patton, generale d’acciaio (Patton)
1971 – William Friedkin, Il braccio violento della legge (The French Connection)
1972 – Francis Ford Coppola, Il padrino (The Godfather)
1973 – George Roy Hill, La stangata (The Sting)
1974 – Francis Ford Coppola, Il padrino – Parte II (The Godfather Part II)
1975 – Miloš Forman, Qualcuno volò sul nido del cuculo (One Flew Over the Cuckoo’s Nest)
1976 – John G. Avildsen, Rocky
1977 – Woody Allen, Io e Annie (Annie Hall)
1978 – Michael Cimino, Il cacciatore (The Deer Hunter)
1979 – Robert Benton, Kramer contro Kramer (Kramer vs. Kramer)
1980 – Robert Redford, Gente comune (Ordinary People)
1981 – Warren Beatty, Reds
1982 – Richard Attenborough, Gandhi
1983 – James L. Brooks, Voglia di tenerezza (Terms of Endearment)
1984 – Miloš Forman, Amadeus
1985 – Steven Spielberg, Il colore viola (The Color Purple)
1986 – Oliver Stone, Platoon
1987 – Bernardo Bertolucci, L’ultimo imperatore (The Last Emperor)
1988 – Barry Levinson, Rain Man – L’uomo della pioggia (Rain Man)
1989 – Oliver Stone, Nato il quattro luglio (Born on the Fourth of July)
1990 – Kevin Costner, Balla coi lupi (Dances with Wolves)
1991 – Jonathan Demme, Il silenzio degli innocenti (The Silence of the Lambs)
1992 – Clint Eastwood, Gli spietati (Unforgiven)
1993 – Steven Spielberg, Schindler’s List
1994 – Robert Zemeckis, Forrest Gump
1995 – Ron Howard, Apollo 13
1996 – Anthony Minghella, Il paziente inglese (The English Patient)
1997 – James Cameron, Titanic
1998 – Steven Spielberg, Salvate il soldato Ryan (Saving Private Ryan)
1999 – Sam Mendes, American Beauty
2000 – Ang Lee, La tigre e il dragone (Crouching Tiger, Hidden Dragon)
2001 – Ron Howard, A Beautiful Mind
2002 – Rob Marshall, Chicago
2003 – Peter Jackson, Il Signore degli Anelli: Il ritorno del Re (The Lord of the Rings: The Return of the King)
2004 – Clint Eastwood, Million Dollar Baby
2005 – Ang Lee, I segreti di Brokeback Mountain (Brokeback Mountain)
2006 – Martin Scorsese, The Departed – Il bene e il male (The Departed)
2007 – Ethan e Joel Coen, Non è un paese per vecchi (No Country For Old Men)
2008 – Danny Boyle, The Millionaire (Slumdog Millionaire)
2009 – Kathryn Bigelow, The Hurt Locker
2010 – Tom Hooper, Il discorso del re (The King’s Speech)
2011 – Michel Hazanavicius, The Artist
2012 – Ben Affleck, Argo

Fonte: Collider e Wikipedia

I Video di Cineblog