Martyrs: trailer e poster del remake dei Goetz Brothers

Martyrs: video, trailer, poster, immagini e tutte le informazioni sul remake horror dei Goez Brothers nei cinema americani dal 22 gennaio 2016.

Martyrs, film francese di Pascal Laugier, è un horror per palati forti e un cult di quelli che lasciano segni idelebili, quindi cosa aspettarci da un remake americano che abbiamo la netta sensazione non sarà capce di osare come l'originale? Oggi vi proponiamo un primo trailer e una locandina di questo rifacimento rimasto nella sua fase di sviluppo per ben cinque anni.

La storia nel remake sembra più o meno la medesima dell'originale: una giovane donna cerca vendetta contro coloro che l'hanno torturata quando era ancora una ragazzina. Questo primo trailer non è "vietato ai minori", ma come abbiamo detto in precedenza non crediamo che questa operazione ricalchi la scioccante violenza estrema dell'originale rischiando di edulcorare il pulsante cuore oscuro del materiale originale.

Il remake è scritto da Mark L. Smith (co-sceneggiatore di "Revenant - Redivivo") e diretto dai Goetz Brothers (Scenic Route) che in un recente incontro via chat hanno riconosciuto che non sarebbero riusciti ad eguagliare la violenza dell'originale, ma hanno anche aggiunto che il film non deluderà i palati forti.

Questa sembra essere la domanda di maggior interesse, quindi cerchiamo di arrivare dritti al punto. Se hai visto il primo, o per dirla senza mezzi termini, sei un grande fan della violenza del primo film; questo film non sarà certamente così scioccante. Il primo film praticamente ha spinto oltre il limite cinematografico possibile tortura e dolore: era letteralmente mozzafiato, ma anche altrettanto alienante e non per tutti. Questa versione è sicuramente un po' più accessibile, ma comunque si spinge ancora oltre quei confini.

 

La trama ufficiale del film:

Dieci anni dopo che Lucie è fuggita dal deposito isolato dove è stata tenuta prigioniera, è ancora profondamente traumatizzata e afflitta da terribili terrori notturni all'orfanotrofio in cui vive. Il suo unico conforto viene da Anna, una ragazza della sua stessa età. Quasi un decennio più tardi, ancora infestata da demoni, Lucie rintraccia finalmente la famiglia che l'ha torturata. Mentre lei e Anna si avvicinano all'angosciante verità, si ritrovano entrambe intrappolate in un incubo, se non riusciranno a fuggire, c'è il destino di un martire ad attenderle...

 

Il remake Martyrs debutterà negli States in uscita limitata il prossimo 22 gennaio 2016 e sarà disponibile in DVD e Blu-Ray dal 2 Febbraio 2016.

 

martyrs-trailer-e-poster-del-remake-dei-goetz-brothers-1.jpg

 

 

Martyrs: primo poster via twitter per il remake dei fratelli Goetz


ScreenHunter_6251 Feb. 10 07.29

Si è parlato di un remake di Martyrs per un bel po' di tempo e le ultime news davano il regista Daniel Stamm (The Last Exorcism) alla regia, ma in base ad una foto postata via twitter dal Fantastic Fest e scattata all'European Film Market di Berlino, saranno invece Kevin e Michael Goetz, gia registi del thriller Scenic Route, a dirigere questo ardito rifacimento di quello che è diventato un cult.

Il film originale, uno dei più brutali e coinvolgenti horror di sempre, era diretto dal francese Pascal Laugier e vedeva protagoniste Mylène Jampanoï come Lucie e Morjana Alaoui come Anna. Le due si incontrano da bambine in un orfanotrofio e Anna scopre ben presto che Lucie ha subito degli abusi e che ora è ossessionata da una sorta di creatura spettrale. Quindici anni dopo, Lucie si propone di trovare e uccidere coloro che le hanno devastato l'infanzia, i suoi sforzi e il supporto di Anna la trascineranno in terrificante incubo.

Il cinema francese e quello spagnolo hanno regalato di recente non poche gioie a chi come il sottoscritto "vive" di cinema horror, con il cinema italiano purtroppo ancora molti passi indietro rispetto al resto d'Europa nonostante qualche sprazzo di luce in fondo al tunnel, incapace però di innescare un nuovo interesse verso il genere.

Tempo addietro abbiamo stilato un paio di classifiche in cui Martyrs era inserito non solo come rappresentante del cinema horror più estremo, ma anche come cult da visionare per scoprire quanto l'horror sia ancora capace di andare oltre quella stessa violenza, sublimandola e trasformandola in una metaforica resurrezione del genere e quando sentiamo parlare di "remake" e ripensiamo all'originale ci sembra che stavolta l'operazione potrebbe rivelarsi davvero troppo ardua.


 

  • shares
  • Mail