Fake Psychics, Barry Sonnenfeld porta il sala la vita di James Randi

James Randi diventa cinema grazie a Barry Sonnenfeld e al film Fake Psychics

3 anni dopo Men in Black 3, Barry Sonnenfeld prepara il ritorno sul set grazie al suo undicesimo film, Fake Psychics, adattamento del documentario Ad Honest Liar. Un progetto, quello uscito nel 2014, che portò in sala la vita e l'attività del famoso prestigiatore James Randi, sempre in prima linea nello smascherare truffatori, finti maghi e sedicenti sensitivi.

Il tutto concentrando la propria attenzione sul cosiddetto Progetto Alpha, elaborato stratagemma orchestrato da James 'The Amazing' Randi insieme a due finti sensitivi, Steve Shaw (ora conosciuto come Banachek) e Michael Edwards. Banachek ed Edwards, in sostanza, finsero di avere poteri psichici e in quanto tali accettarono di partecipare a ricerche sul paranormale condotte da ricercatori che non avevano ovviamente idea di essere ingannati. Tra i 'trucchi' portati in avanti dai due i soliti cucchiai da piegare con la forza del pensiero e gli oggetti da spostare all'interno di un contenitore trasparente e sigillato. Il progetto durò due anni, fino alla beffa rivelata pubblicamente nel 1981 durante una conferenza stampa tenutasi presso Discover Magazine.

an-honest-liar

Tyler Measom e Justin Weinstein, registi del doc, produrranno la pellicola insieme allo stesso Sonnenfeld, a sua volta produttore del doc e attualmente in pre-produzione con Nine Lives, film che avrà Kevin Spacey mattatore. Oggi 86enne, James Randi, nato James Hamilton Randall Zwinge, ha istituito nel 1996 il One Million Dollar Paranormal Challenge, premio di un milione di dollari messo in palio dalla sua fondazione, la James Randi Educational Foundation, e assegnato a chiunque sia capace di mostrare, in condizioni scientificamente controllate e preventivamente concordate fra le parti, un qualsiasi fenomeno paranormale di qualunque tipo, o legato all'occultismo, oppure un miracolo. Quel milione, negli ultimi 19 anni, è ovviamente sempre rimasto nelle sue tasche.

Fonte: Collider

  • shares
  • Mail